Mercoledì, 13 Giugno 2012 18:55

Monti invia i commissari alla Rai. Tanto vale commissariare l’azienda

Scritto da

ROMA - C’è un lavorio sotterraneo del” partito Rai” che prende le mosse dalle indicazioni date da Monti per quanto riguarda il presidente e il direttore generale.

” Partito  Rai” che ha profonde radici nell’azienda e collegamenti  esterni  ben saldi, non solo forze politiche, ma anche gruppi di pressione che vanno da potenti associazioni, con il volto scoperto,ma anche nascosto, fino all’ Opus Dei,  Vaticano che, da sempre e anche ora, non manca di dire la sua, di far sentire la  influenza di potenti  porporati. Questo partito, invisibile ma tangibile ,chiede a gran forza  che venga nominato il nuovo consiglio di amministrazione, intensifica il pressing sul segretario del Pd perché faccia marcia indietro, partecipi alla  elezione del Cda,  ci metta il timbro. Tanto la maggioranza sarà di marca berlusconiana, vecchie volpi molto esperte in nomine, lottizzazioni, spartizioni dei posti di comando. La Lega ha ceduto il “ suo “ consigliere. I due che dovrebbe  indicare il Pd non sarebbero che ruote di scorta. E così tutto sarebbe come prima, anzi peggio di prima. Certo c’è il problema del direttore Lei che non se ne vuole andare, ma una soluzione si troverà,una poltrona. Da qualcje parte non si nega a nessuno. Di fatto Monti  ha commissariato la Rai., l’ha data nelle mani di un presidente e di un direttore generale, dando loro poteri, ignorando che il fondamento della Rai è la “mission” editoriale, anzi peggio subordinandola ad una direzione generale che accentra i poteri reali, i budget.


Perché la scelta di Tarantola e Gubitosi

Non è un caso che il presidente del Consiglio nell’indicare  presidente e direttore si  sia ben guardato da dare un minimo cenno per quanto riguarda gli indirizzi,le scelte di fondo dell’azienda..  Perché ha scelto Tarantola e  Gubitosi?  Per dare alla Rai “ solidità gestionale”. Una risposta, quella adombrata da Monti,  che  riduce  la situazione  complessa di una grande azienda editoriale, che produce informazione, a problemi tecnico finanziari. Da qui l’indicazione del vicedirettore di Bankitalia come presidente e di un manager multiuso che viene da Wind  cui viene affidato il risanamento dell’azienda.  Gira in Rai una battuta:  Secondo questa logica si può affidare una grande banca ad un pittore.”  Non è così che si affronta il risanamento di una azienda editoriale. Passa infatti per  ciò che si produce,cosa si manda in onda, la qualità dei prodotti. Questo è il nodo da affrontare, altro che accentrare tutti i poteri nelle mani di due  persone che con questo mondo non hanno niente a che fare, magari si gloriano di non guardare la tv. La Rai, nella sua parabola discendente, non avrà più, dopo le Olimpiadi, la Formula 1, i Mondiali di calcio, i collegamenti per “ quelli che il calcio”. Per non parlare dell’esigenza, se vuole essere servizio pubblico, di far vivere nelle strutture informative, telegiornali, giornali radio, il pluralismo dell’informazione, strappato dal berlusconismo imperante.


Un Cda lottizzato creerebbe solo nuovi danni

 La Rai vive una crisi di identità, se ne vanno , o meglio vengono cacciati, autori, personaggi del mondo dello spettacolo, eliminati programmi di grande ascolto. Questo è lo stato dell’arte. Un consiglio di amministrazione ancora di marca berlusconiana, lottizzato secondo le vecchie logiche, creerebbe più danni della grandine, darebbe il colpo mortale alla Rai. L’accentramento di poteri nella direzione generale  completerebbe l’opera. Se si vuol salvare la Rai il presidente  Monti abbia il coraggio di commissariare l’azienda. Lo faccia alla luce del sole, in modo aperto. prenda l’impegno a  far saltare la legge Gasparri, a  riformare la governance  indicando gli indirizzi che possono rilanciare il servizio ppubblico

Correlati

Cerca nel sito

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]