Mercoledì, 08 Gennaio 2014 17:16

Lavoro. Investimenti, non cancellazione di diritti

Scritto da

ROMA - Cresce ancora la disoccupazione a novembre, raggiungendo l’impressionante livello del 12,7%. Addirittura la disoccupazione giovanile ha toccato il livello record del 41,6%, al top dal 1977 (data di inizio delle serie storiche).

Dati drammatici che lasciano percepire chiaramente la situazione di profonda e perdurante crisi che famiglie ed imprese vivono da tempo.Una vera e propria spirale depressiva, fatta di perdita del potere di acquisto, caduta dei consumi (-8,1% solo nel biennio 2012-2013), contrazione della produzione, chiusura di esercizi commerciali ed aziende, perdita del lavoro e aumento della cassa integrazione.

I dati relativi a tutti questi indicatori economici parlano chiaro, segnalando ormai da molto tempo lo scenario di vero e proprio allarme che investe l’intero sistema economico del nostro Paese. Di fronte a tale andamento, finora, il Governo non è stato in grado di assumere decisioni concrete e determinate per rilanciare l’occupazione e la crescita.

“È ora di smetterla. Ogni volta che si discute di occupazione, oltre a sentire le solite proposte inefficaci, si parla della cancellazione di articoli e diritti. Vogliamo sentir parlare, piuttosto, di rilancio e investimenti.Sono ancora moltissime, infatti, le azioni da avviare in tal senso, vincolando ogni centesimo di euro risparmiato sugli interessi ad investimenti per il lavoro, per lo sviluppo tecnologico e per la ricerca. È questa la strada maestra per ricostruire potere di acquisto delle famiglie e rimettere in moto l’economia.

In questa direzione, inoltre, è fondamentale attuare con urgenza gli annunciati tagli agli sprechi, alle inefficienze, ai privilegi, nonché attivare una vera ed intensa lotta all’evasione fiscale ed una riduzione della tassazione a partire dal reddito fisso, pensionati e lavoratori.Infine è necessario intervenire con determinazione sulle speculazioni delle varie filiere produttive, che continuano a determinare aumenti ingiustificati di prezzi e tariffe (che pesano in maniera intollerabile sul potere di acquisto delle famiglie), tra l’altro senza offrire alcun miglioramento sul piano dell'efficienza e della qualità.

Rosario Trefiletti

Presidente di Federconsumatori

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]