Sabato, 06 Dicembre 2014 15:01

Jobs act, condono fiscale. Nessuna opposizione, nessun controllo

Scritto da

ROMA - E’ legge, dopo il voto del Senato, un provvedimento di cui Governo e  maggioranza non hanno motivo di vantarsi. E' una revisione politica e di principio radicale sull'evasione fiscale.  Tanto più incomprensibile in questa fase, dopo gravi episodi di corruzione,  che si reggono sull'occultamento dei capitali.

Il Giornale fa bene a sottolineare che grazie a questo Governo è caduto a  sinistra il tabù dei condoni fiscali. Purtroppo il Senato ha evitato qualunque miglioramento del testo. Questa  legge riduce le sanzioni e taglia di netto le pene per quanti hanno  esportato illegalmente capitali all'estero ed è stata estesa con gli stessi  vantaggi anche a quanti hanno lasciato i quattrini in Italia, il"nero  domestico". Un'equità rovesciata. Il termine per i vantaggi previsti dalla nuova legge è stato portato al 30  settembre 2014, praticamente ad evasione ancora calda. Non si era ancora  spenta l'eco di una ripresa della fuga dei capitali dall'Italia che subito è  stato loro offerto un trattamento di favore fino all'ultimo istante  possibile. Il tempo di accertamento dell'evasione fiscale è un altro regalo importante.  Il raddoppio vigente dei tempi di prescrizione per reati fiscali come l'esportazione  illegale di capitali viene ridimezzato con questa legge e quindi l'accertamento  sarà possibile solo su 5 anni anziché su 10, gli altri non saranno più  perseguibili. Un bel regalo. Governo e maggioranza ripetono che non è un condono perché non è anonimo e  non fa sconti sulle tasse evase, cosa in realtà non vera, ma è certo che fa  sconti rilevanti su pene e sanzioni. Il Governo e la maggioranza che ha  approvato questa legge  vuole dimostrare che non è un condono perchè teme  una censura dell'opinione pubblica. Certo Tremonti aveva prodotto porcherie peggiori, con condoni superscontati  e anonimi. Ciò non toglie che andrebbero evitate anche le mezze porcherie,  perché i condoni possono essere anche nominativi e con sconti minori ma  restano sempre tali nella sostanza, tanto è vero che vengono ridotte in modo  significativo le pene per gli evasori. Non manca il consueto corredo delle  grida manzoniane che minacciano sfracelli. in futuro. La proposta di legge conferma una verità già nota ma finora negata e cioè  che per portare capitali all'estero, o per nasconderli al fisco in Italia,  occorre commettere dei reati fiscali rilevanti. Se lo sconto avviene sulle  pene siamo nel classico condono penale. Esempi: dichiarazione fraudolenta, uso di fatture false o loro mancata  emissione, mancato versamento di trattenute certificate (potrebbe essere  avvenuto anche a danno di dipendenti), omesso versamento di Iva, sono tutti  reati di fatto depenalizzati. Le sanzioni pecuniarie per gli evasori sono ridotte ad una percentuale del  minimo, con sconti dal 25 % al 50 % e anche di più.

Se la somma evasa è inferiore a 2 milioni di euro (maggioranza dei casi) gli  interessi di rendimento del capitale esportato sono calcolati  forfettariamente ogni anno al 5 % con un'aliquota fiscale del 23 %, la metà  del 45 % che il soggetto avrebbe dovuto pagare sul reddito reale e non su un  forfait. Anche questo non è condono fiscale ? Viene introdotto il reato di autoriciclaggio. Potrebbe essere una buona  notizia se non fosse che questo reato vale anch'esso solo per il futuro,  dopo che il condono avrà ripulito condotte decise con tutta calma fino al 30  settembre 2015 e che non saranno punibili quanti usano il denaro per  "godimento personale", ad esempio acquistando barche, auto, abitazioni,  forse giocando al casinò, o altro. La definizione del godimento personale è  semplicemente una follia, dalle conseguenze imprevedibili. Non mancano nel testo previsioni di pene durissime per coloro che non  aderiranno spontaneamente alla "voluntary disclosure". L'inglese non deve  fare paura perchè il condono qualcuno deve pur chiederlo. E' stato scritto un brutto capitolo fiscale in Italia. La fiducia tra Stato  e cittadini prende un brutto colpo e stranamente l'Agenzia delle entrate è  già pronta con i moduli per gli evasori. Lotta all'evasione e condoni non  possono stare insieme. L'Amministrazione dovrà gestire questo condono e  quindi sarà distratta dai compiti di perseguire gli evasori, come è sempre  accaduto in passato.

Passano leggi come il jobs act e il condono fiscale. Un'opposizione degna di  questo nome, capace di esercitare un controllo sugli atti del governo e un  confronto serrato in parlamento, non li farebbe passare. La destra è da sempre protagonista di provvedimenti come questi, in passato  era la sinistra a cercare di impedirli.

Alfiero Grandi

Presidente dell'Associazione per il rinnovamento della Sinistra

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]onews.it