Lunedì, 01 Giugno 2015 12:39

Renzi ha perso ma lo capirà in futuro

Scritto da

ROMA - All’inizio, credevano di poter vincere addirittura 7 a 0, strappando persino il veneto alla Lega e dando vita ad una vera e propria “dittatura” renziana, consolidando il risultato sensazionale di un anno fa alle Europee.

Dopo il varo de La buona scuola, quando hanno visto le strade e le piazze di tutta Italia invase da docenti e studenti che si tenevano per mano e protestavano contro una riforma ingiusta e sbagliata, hanno cominciato a temere che il rapporto con il Paese si fosse leggermente incrinato e così hanno corretto il tiro, parlando di una vittoria per 6 a 1 e abbandonando, di fatto, la Moretti al proprio destino. Infine, nell’ultima settimana di campagna elettorale, essendosi accorto che ormai stava franando tutto, che il partito non esisteva più, che a livello locale le liste erano un lombrosario e che il malcontento, la stanchezza e la sfiducia dei cittadini era al diapason, Renzi ha corretto ulteriormente il tiro, arrivando addirittura a parlare di un 4 a 3 per il quale ha rievocato persino il mito di Italia-Germania dei Mondiali di Messico ’70.

È finita 5 a 2, al che il Presidente del Consiglio può tranquillamente vantarsi di aver vinto e di essere andato al di là delle aspettative: un’abile strategia comunicativa, una sagace gestione dei media, una capacità non comune di condizionare l’informazione, imponendo le proprie argomentazioni e il proprio ritmo da campagna elettorale permanente. Non a caso, i suoi sodali hanno già invaso agenzie e social network di dichiarazioni al vetriolo nei confronti della “sinistra masochista” che avrebbe causato la sconfitta di Lella Paita in Liguria, omettendo di dire che la suddetta candidata non avrebbe vinto nemmeno sommando i suoi voti a quelli di Pastorino, per il semplice motivo che era una figura considerata inadatta al ruolo dalla maggior parte dei liguri. Se a ciò aggiungiamo le modalità con cui la Paita è arrivata a contendere a Toti la guida della regione, in seguito a primarie falsate da acclarati brogli che hanno condotto all’uscita dal partito di Cofferati e di una parte consistente della dirigenza locale del PD, non sorprende affatto che persino un soggetto come il consigliere politico di Berlusconi, oggettivamente a digiuno di questioni liguri e non abituato alla contesa elettorale in prima persona, sia riuscito ad avere la meglio.

Vince Toti e va alla grande la candidata del Movimento 5 Stelle, Alice Salvatore: una ragazza che si è messa in gioco con coraggio e che ha convinto una fetta consistente dell’elettorato grazie a un programma chiaro e, per larghi tratti, condivisibile e a un’abilità mediatica di gran lunga superiore rispetto agli avversari.

Bene anche Pastorino, sostenuto dai civatiani, da Cofferati, da SEL e da tutti coloro che, nella variegata galassia della sinistra, stanno tentando di costruire un’alternativa credibile al renzismo d’assalto.

E questo per quanto riguarda la Liguria, ossia la regione cruciale che a breve spiegheremo per quali ragioni segna la sconfitta di Renzi, anche se lui, oltre a non ammetterla, ancora per qualche mese, probabilmente, non se ne renderà nemmeno conto.

Queste Regionali, tuttavia, forniscono altri spunti interessanti. Innanzitutto, come detto, il Movimento 5 Stelle, dato per morto un anno fa dopo la netta sconfitta alle Europee e risorto grazie a una strategia comunicativa appropriata: hanno capito che la rete da sola non basta, che il web va benissimo per comunicare con lo zoccolo duro del movimento (giovani e persone con un livello d’istruzione medio-alto) ma che non è sufficiente per raggiungere anche gli strati più poveri e le fasce più anziane della popolazione, e hanno selezionato un gruppo dirigente capace di sostenere i ritmi e di adattarsi alle caratteristiche del dibattito televisivo, raggiungendo quella parte dell’elettorato storicamente ostile alle proposte di quest’insolita formazione politica ma stavolta attratta da un concetto chiave su cui sono stati saggiamente martellanti: l’onestà, da contrapporre alle liste horror dei partiti e delle loro liste civetta.

Primo partito in regioni importanti come la Campania, la Puglia e la Liguria, il Movimento 5 Stelle si impone come un attore cruciale, rinverdendo i fasti del 2013 e tornando centrale dopo oltre un anno di oscuramento, dovuto alla dirompente ascesa del renzismo.

L’altro grande vincitore, tra le forze di opposizione, è la Lega di Salvini: devastante in Veneto, con Zaia che doppia la Moretti e, sommato all’ex Tosi, conduce il centrodestra oltre il 60 per cento, e convincente anche in regioni un tempo ostiche quali la Toscana e l’Umbria, divenendo il baricentro di una coalizione tutta da ricomporre, anche a causa dello sfaldamento di Forza Italia che in Puglia va incontro ad un autentico disastro, con la candidata di Berlusconi, Adriana Poli Bortone, largamente superata dal fittiano Schittulli.

L’affermazione di Toti in Liguria e la tenuta di Caldoro in Campania rendono, tuttavia, l’obiettivo della ricomposizione del centrodestra meno difficoltoso.

NCD, Area Popolare o comunque si voglia chiamare l’alleanza centrista che vede insieme Alfano e Casini semplicemente naufraga, fornendo un’ulteriore dimostrazione di come quest’associazione di dorotei funzioni ormai solo in Parlamento, quando si tratta di tenere in piedi governi traballanti, ma non abbia alcun fascino a livello sociale, essendo più un’alchimia da laboratorio che un progetto politico compiuto.

Infine il PD: un disastro totale. Malissimo in Veneto, malissimo in Liguria, incommentabile in Campania, con un candidato che, a breve, dovrà essere sospeso dal segretario dello stesso partito che l’ha candidato, regge a malapena nelle roccaforti storiche della sinistra, scontando comunque una disaffezione dell’elettorato tradizionale che si era già palesata lo scorso autunno in Emilia Romagna e che Renzi aveva derubricato con sprezzo a questione secondaria.

E così, di fronte al crollo degli iscritti e degli elettori, all’astensione che ormai riguarda la metà degli aventi diritto al voto, alla rottura definitiva con segmenti fondamentali del Paese, dai precari ai disoccupati, senza dimenticare sindacati, insegnanti, studenti e tutte le categorie colpite duramente dalle controriforme di questo esecutivo, di fronte ad un arretramento elettorale di quasi venti punti percentuali rispetto a un anno fa, di cui la Liguria è l’emblema, ecco che, per la prima volta, la nuova, rampante classe dirigente del PD dovrebbe aprire una riflessione su se stessa, sul proprio modo di governare e di rapportarsi con le minoranze, interne ed esterne, e, soprattutto, sui risultati conseguiti finora.

Il guaio, conoscendoli, è che non faranno nulla di tutto ciò. Al contrario, si affideranno a qualche cinguettio d’insulto verso la sinistra che li avrebbe fatti perdere e andranno avanti per la propria strada, imperterriti, una fiducia dietro l’altra, continuando a mettere in discussione i capisaldi del nostro stare insieme e a sfibrare un tessuto sociale già provato da sette anni di crisi e da un senso di paura e d’incertezza collettiva.

Infine, non è da escludere che Renzi, capendo di essere alla frutta, con i dati dell’economia tutt’altro che esaltanti e di fronte all’evidente fallimento dell’Expo, tenti il tutto per tutto, compiendo la forzatura definitiva per imboccare la via delle urne prima che gli italiani si rendano conto di quanto sia, in realtà, stantio e indigeribile questo cambiamento di verso. È allora che si troverà da solo, a fare i conti con i propri errori e la sfiducia della collettività; ed è allora che capirà che in queste Regionali non ha vinto ma ha interrotto definitivamente quella che un tempo si sarebbe definita la “connessione sentimentale” con il Paese. Una frattura insanabile che starà a sinistra e stellini provare a ricomporre, augurandoci di cuore che ne siano capaci.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]