Venerdì, 17 Maggio 2019 11:29

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

Scritto da

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da bambino rese deforme e che tuttavia trascorse buona parte della sua esistenza fra le ballerine dei cafè chantant nella Parigi della belle èpoque.

Forse proprio a causa del suo fisico infelice (era praticamente un nano) era benvoluto dalle splendide ragazze del can can, ma la solitudine  fu il tratto maggiore della sua vita privata. Nato nel 1864, è morto nel 1901, in seguito all’ennesima caduta.

Il film  è  tratto da un best sellers di Pierre de La Mure, e si avvale della regia di un  John Huston in gran forma. Come eccezionali sono le scenografie e i costumi che conquistarono due Oscar. Belle le musiche di George Auric, (la scena del can can d’apertura è di alta scuola) come splendida appare la fotografia di  O. Morris.   Ma sono soprattutto gli interpreti   scelti da Huston a fare di questo Moulin Rouge ormai ultracinquantenne uno dei film più belli del cinema americano ambientato in Europa.  Toulos-Lautrec è un validissimo Mel Ferrer, al suo fianco una straordinaria Zsà  Zsa Gabor, Christopher Lee, Colette Marchand, e le bellissime Suzanne Flon e e Khaterine Kath.

Unico neo: come ne esce la figura del pittore che  disegnava sulla tovaglia di carta dei tavoli dei tabarin, spesso pagando così il conto dello champagne? Il film non è una biografia dell’artista, privilegia piuttosto l’uomo, raccontandone le gesta sentimentali:  salva dalla prigione una prostituta, ne  fa la sua amante, poi la scaccia in malo modo, ama riamato un’indossatrice, ma finisce poi per ripiegare sull’alcool. Appare evidente che il regista Huston si è più appassionato all’ambiente che al personaggio, ma il film è comunque da ricordare, come giustamente fa il festival di Cannes, che pure non l’ha mai premiato, mentre a Venezia questo Moulin Rouge americano ebbe un Leone d’argento.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]