Vincenzo Musacchio

Vincenzo Musacchio

Giurista e docente di diritto penale, Direttore della Scuola di Legalità “Don Peppe Diana” di Roma e del Molise

ROMA - Sono passati ventisei anni dalla morte di Sandro Pertini e, da allora, nel nostro Paese, non si respira più quell’aria di passione politica coniugata ad un grande rigore morale e a valori universalmente condivisi.

ROMA - Il dibattito su cosa sia il potere politico, su come possa essere utilizzato, con quali strumenti e verso quali obiettivi, non ha mai smesso di appassionare i grandi pensatori di ogni epoca.

Mercoledì, 24 Febbraio 2016 19:32

In Italia le mafie sono ovunque

ROMA - I mafiosi non sono solo Messina Denaro, Riina o Provenzano. Soggetti collusi con la mafia, che utilizzano gli stessi metodi, sono ormai ovunque, sono nelle istituzioni pubbliche, nella società civile e siedono persino in Parlamento.

ROMA - E’ buona cosa ricordare le date storiche che hanno segnato il trionfo della giustizia e della legalità: una di queste è senza ombra di dubbio il 10 febbraio 1986 con l’inizio del dibattimento di un processo che avrebbe portato a condanne definitive per la cupola mafiosa dell’epoca.

ROMA - La sovranità appartiene al Popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. I padri Costituenti, dopo un’esperienza dittatoriale, hanno voluto dare la possibilità concreta a tutti i cittadini di partecipare direttamente o indirettamente alle decisioni di governo.

Mercoledì, 27 Gennaio 2016 13:56

Sulla corruzione c’è ancora molto da fare

ROMA - Non condivido i toni trionfalistici di alcuni giornali e media che titolano: "l’Italia non è il Paese più corrotto d’Europa, è al penultimo posto preceduta da Grecia e Romania”.

ROMA - Le unioni civili sono tipologie di convivenza fra due persone, legate da vincoli affettivi e economici, che non intendono utilizzare, volontariamente o perché la legge glielo impedisce, l'istituto del matrimonio, alle quali l’ordinamento giuridico riconosce valenza e attribuisce uno statusgiuridico.

ROMA - La corruzione, di fatto, ruba il futuro ai più giovani e meritevoli e così impoverisce il Paese sul piano economico, politico e culturale comportando seri rischi per la credibilità della nostra immagine all'estero soprattutto per quanto riguarda il settore degli investimenti.

ROMA - Partiamo da un assioma democratico nel vero senso della parola: le riforme costituzionali di grande interesse si possono fare solo se sono largamente condivise.

ROMA - Nella lotta alla criminalità organizzata, dal punto di vista investigativo e giudiziario, il “Pool Antimafia”, a mio giudizio, ad oggi, resta insuperato e forse insuperabile. Fu una geniale intuizione di Rocco Chinnici che con la successiva esperienza e tenacia di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino portò al primo grande processo contro la mafia riconosciuta come associazione criminale.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077