Menu
“Our War”,  ignoti e armati contro l’ISIS

“Our War”, ignoti e armati contro l’ISIS

In uscita il documentario sul mondo sconosciuto di chi combatte...

Teatro Olimpico. Supermagic  dal 26 gennaio al 5 febbraio

Teatro Olimpico. Supermagic dal 26 gennaio al 5 febbraio

SUPERMAGIC 2017 “Prodigi”  Festival Internazionale della Magia - 14ª edizione

Le agenzie di rating e le responsabilità della Bce

Le agenzie di rating e le responsabilità della Bce

Come prevedibile, le agenzie di rating sono tornate al centro...

Europarlamento, con  Tajani maggioranza di centrodestra

Europarlamento, con Tajani maggioranza di centrodestra

STRASBURGO - L’elezione di Antonio Tajani alla presidenza del Parlamento...

World Economic Forum di Davos. E' crisi della classe media

World Economic Forum di Davos. E' crisi della classe media

DAVOS - Se non ora, quando? E' l'interrogativo lanciato dal...

Istanbul. Confessa il presunto autore della strage di Capodanno

Istanbul. Confessa il presunto autore della strage di Capodanno

Abdulgadir Masharipov, l'uomo arrestato ieri a Istanbul per la strage...

Trump attacca Nato e avverte su Brexit: altri lasceranno la UE

Trump attacca Nato e avverte su Brexit: altri lasceranno la UE

ROMA  - E' quasi tutto pronto a Washington per il...

Ue: in corso contatti per evitare infrazione

Ue: in corso contatti per evitare infrazione

ROMA  - "Sono in corso in questi giorni contatti con...

Sala Umberto. “La Divina”. Recensione

Sala Umberto. “La Divina”. Recensione

ROMA – “La Divina”, satira della Commedia che vede il...

Prev Next

Il P.C.I. e la riforma “Boschi”

Il P.C.I. e la riforma “Boschi”

ROMA - Ho militato per diversi anni nel Partito Comunista Italiano di Enrico Berlinguer e ricordo perfettamente che era convintamente monocameralista come lo ero io e come lo sono tutt'ora.

Quasi tutte le anime del partito propendevano per il monocameralismo. Era, di fatto, la posizione politica dagli anni ottanta. Un atteggiamento progressista e di rinnovamento democratico delle istituzioni alternativo alla riforma presidenzialista di cui era massimo fautore Bettino Craxi e il partito socialista italiano di allora. Ora, io mi domando e dico: cosa centra il monocameralismo del Pci di allora con la riforma costituzionale dell'attuale governo in carica? Nulla! Proprio nulla! Il monocameralismo che ricordo io, oggetto di accesi dibattiti nelle sezione di partito, si fondava sulla netta e ferma abolizione del Senato. Se leggo ancora bene, mi pare che nel testo sottoposto al referendum popolare di ottobre, invece, il Senato rimane in vita! Non sarà più eletto dai cittadini, ma dai consigli regionali. E' onesto ricordare, inoltre, che il monocameralismo del Pci di allora prevedeva la legge proporzionale. La riforma in atto, invece, prevede il sistema super-maggioritario del c.d. Italicum. Il mio Pci – ricordo benissimo – era per la assoluta ed intransigente centralità del Parlamento e delle assemblee elettive, come espressione massima di democrazia e di partecipazione popolare. La riforma “Boschi” non mi sembra persegua questi obiettivi. Usare gli argomenti e le proposte di Berlinguer e del Pci di allora per sostenere il progetto del governo attuale è senza dubbio un errore oltre ad essere una simulazione storica. 

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208