Martedì, 24 Gennaio 2017 16:15

Razzismo e politiche abitative

ROMA - Quanto accaduto ieri al Trullo, e in precedenza a San Basilio è preoccupante, il razzismo si mescola con il diritto alla casa, entra nelle viscere dei cittadini romani, ma su questo terreno non serve parlare o relegare il tutto a indignati post o commenti sui fascisti e sul razzismo.

Published in Fatti & Opinioni

STRASBURGO - L’elezione di Antonio Tajani alla presidenza del Parlamento europeo, ieri sera, è stata il risultato di una battaglia politica come non se ne vedevano da decenni a Strasburgo, con colpi di scena e capovolgimenti di fronte negli ultimi due giorni e ben quattro turni di votazione, con un duello finale fra i candidati delle due forze politiche maggiori, Tajani per il Ppe e Gianni Pittella per i Socialisti e Democratici (S&D).

Published in Primo piano
Mercoledì, 18 Gennaio 2017 10:23

Gioia per elezioni Tajani

ROMA - L'elezione di Antonio Tajani ha provocato grande entusiasmo per l'Italia. "

Published in Politica

ROMA - Il presidente dell'Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev ha firmato un decreto per la creazione di condizioni favorevoli per l'ulteriore sviluppo di zone economiche libere nel paese. Lo riferisce un bollettino pubblicato dall'ambasciata uzbeka in Italia.

Published in Mondo

ROMA  - "Ci sono punti del Jobs Act che vanno cambiati.

Published in Politica

Ci interroghiamo, noi rimasti qui, sul senso e sulla ragione stessa del vivere; ci interroghiamo sui valori universali e sulle piccole cose di ogni giorno; ci interroghiamo su questa società liquida e colma di solitudine nella quale siamo immersi, sulla disperazione di un tempo senza storia e senza prospettive, su un cittadino globale che appare sempre più un pesce fuor d’acqua, immerso com’è in un clima di ostilità, tristezza e chiusura generale che non fa presagire nulla di buono per il nostro futuro.


Se n’è andato, all’età di 91 anni, uno studioso che ha saputo comprendere, scandagliare e interpretare come nessun altro la complessità della stagione che stiamo attraversando, dandole un senso, una logica e quel minimo di razionalità che sembra mancarle del tutto, rimettendo l’uomo al centro dei ragionamenti scientifici e condannando senza appello la barbarie di un liberismo selvaggio, aggressivo, gretto e, in una certa misura, totalitario, al pari delle nuove tecnologie che, prive di ogni regola, hanno prodotto nuove solitudini, nuove chiusure ed effetti collaterali devastanti per la società.
Tuttavia, Bauman era un gigante soprattutto per la sua capacità di comprendere la realtà contemporanea partendo dalle piccole cose, dalle consuetudini e dai consumi di massa, dalle vicende di ogni giorno di ciascuno di noi, dalle fragili certezze che stanno progressivamente venendo meno, dalla mancanza di punti di riferimento, di frontiere e di visioni che sta lasciando milioni di persone in preda a un malessere e ad un malcontento sociale che rischiano esplodere in forme imponderabili.

Guardava lontano, Bauman, scrutava l’orizzonte e proiettava il proprio sguardo al di là del presente, con la lungimiranza tipica delle menti capaci di immaginare il domani, di cercare, di scoprire, di vivere con un’intensità straordinaria e di provare costantemente quella magnifica inquietudine esistenziale che è la cifra di tutti coloro che non si arrendono, non si rassegnano e sanno cogliere nel tormento e nella sfiducia collettiva i segnali di una possibile riscossa, reagendo in senso progressista e riscoprendo quei princìpi che, dopo l’avvento della globalizzazione, sembravano destinati all’oblio.
Partecipazione popolare, agorà, comunità, lotta contro ogni forma di egoismo, di ingiustizia e di individualismo: questi erano i capisaldi del pensiero di questo galantuomo che ha attraversato un secolo, ha vissuto a contatto con tutti i drammi del Novecento e lo ha saputo superare meglio di molti altri, elaborando un pensiero politico e un modello sociale all’altezza del Ventunesimo secolo e tentando di costruire un pensiero democratico di massa, in grado di generare il riscatto, la ribellione pacifica e la rinascita delle classi subalterne nonché di ricostruire la stessa Europa e lo stesso Occidente su basi nuove, battendosi ostinatamente contro ogni forma di oppressione.
Un uomo curioso, un viaggiatore straordinario, un Robinson Crusoe moderno, innamorato di un’avventura chiamata vita che ha attraversato con entusiasmo fino all’ultimo giorno, senza mai tirarsi indietro, senza mai smettere di venire incontro alle giovani generazioni, senza mai smettere di studiare, di imparare e di volare con la fantasia verso frontiere inesplorate.
E così, se ieri abbiamo detto addio all’ex presidente iraniano, Hāshemi Rafsanjāni, tra i principali sostenitori del moderato Rouhani, oggi siamo costretti a piangere la scomparsa di un uomo di cui ci mancherà soprattutto la lungimiranza, lo spessore umano e culturale, il desiderio di lasciare in eredità alle future generazioni un avvenire migliore e la passione civile dirompente che lo portava a lottare anche in vecchiaia; anzi, in vecchiaia ancor più che in gioventù.

Personalmente, mi mancherà la sua potenza espressiva, la sua efficacia analitica e quello sguardo enigmatico che induceva a riflettere e ti interrogava anche a distanza, lasciando un vuoto incolmabile ora che quel volto segnato dalle rughe non ci fissa più e la nostra solitudine è diventata assenza.

Published in Fatti & Opinioni
Martedì, 10 Gennaio 2017 10:43

Alde, il 50% contrario all'ingresso del M5

ROMA - "Noi siamo stati i primi, con i colleghi finlandesi, a sollevare dubbi sull’opportunità di ammettere il Movimento di Beppe Grillo nel gruppo liberaldemocratico dell’Europarlamento". Lo dice al Corriere il vicepresidente del Bureau direttivo dell’Alde Fredrick Federley, esponente del Centerpartiet svedese.

Published in Primo piano

Si è concluso il voto online tra gli iscritti del movimento sulle alleanze al parlamento europeo, convocato l’8 gennaio dal leader Beppe Grillo.  

Published in Primo piano
Domenica, 08 Gennaio 2017 11:27

Diem 25 e l'Europa di cui avremmo bisogno

Un pomeriggio romano in pieno centro, presso la Cappella Orsini in via di Grottapinta, zona Campo de' Fiori, la presenza di Yanis Varoufakis, fondatore del movimento internazionale Diem 25 nonché ex ministro ribelle del primo governo Tsipras, poi sostituito dal più ligio ed "europeista" Tsakalōtos, e un discreto numero di partecipanti ad un'assemblea che denota quanto il bisogno di sinistra sia ormai diffuso ben al di là delle previsioni e delle più rosee aspettative degli organizzatori di questo genere di incontri.

Published in Fatti & Opinioni

Forse a causa di un buco nel palinsesto o forse, per una volta, per merito di una felice scelta editoriale, sia pur a mezzanotte, va dato atto a Raitre di aver trasmesso un piccolo gioiello.

Published in Primo piano

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208