Menu
Journées du Livre Européen . A Parigi arriva “Sette storie per fare la cacca”

Journées du Livre Européen . A Parigi arriva “Sette storie per fare la cacca”

PARIS –Dans le cadre des Journées du Livre Européen et Méditerranéen. 

Teatro Marconi. “Per sempre malgrado tutto”. Recensione

Teatro Marconi. “Per sempre malgrado tutto”. Recensione

Un atto unico di settanta minuti che volano via veloci.Ognuno...

Corea del Nord: una scia di velenI

Corea del Nord: una scia di velenI

PYONGYANG - Arma favorita degli intrighi di corte del passato,...

Sciopero Alitalia. In otto anni il terzo fallimento. VIDEO

Sciopero Alitalia. In otto anni il terzo fallimento. VIDEO

L’Alitalia punta a ridurre nuovamente i costi e tagliare il...

Scissione PD: Emiliano, è anche rottura nei rapporti umani

Scissione PD: Emiliano, è anche rottura nei rapporti umani

ROMA - Si va via " normalmente per una somma...

Usa: Trump contro i transgender

Usa: Trump contro i transgender

Revocate le linee guida che consentono  di utilizzare i bagni...

Teatro Palladium. “Il pellicano”,  un mondo in frantumi. Recensione

Teatro Palladium. “Il pellicano”, un mondo in frantumi. Recensione

C’è qualcosa di sorprendentemente contemporaneo nella dimensione drammatica de Il...

Il Mondo volta le spalle ai diritti umani

Il Mondo volta le spalle ai diritti umani

ROMA - Nel 2017 le crisi in corso peggioreranno a...

Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

NEW YORK - Il dipartimento della Sicurezza interna Usa ha...

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

ROMA - Dopo il confronto di domenica in assemblea, il...

Prev Next

Pasqua, tanti italiani restano a casa: alberghi a rischio chiusura

Pasqua, tanti italiani restano a casa: alberghi a rischio chiusura

 ROMA – Pasqua a casa per tantissimi italiani per mancanza di soldi. Alberghi a rischio chiusura.

Si pensi che soltanto 8,2 milioni – più di un milione in meno rispetto al 2012 - dormiranno almeno una notte fuori casa. Un calo evidente che si attesta intorno alla soglia del 14%. Per il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, c'è il rischio che l'economia turistica torni ai livelli del dopoguerra. In pochi mesi, migliaia di alberghi rischiano di chiudere. Secondo Bocca, è assolutamente indispensabile che "Governo, Parlamento e sindacati provino a ragionare con le imprese a un piano di emergenza per salvaguardare lavoratori e aziende del settore. I dati previsionali di Pasqua – continua il presidente di Federalberghi - sono l'ennesima conferma di come l'Italia stia vivendo una crisi epocale che rischia di far tornare l'economia turistica ai livelli post bellici". Bocca sostiene che "la perdita di oltre il 14% di italiani che partiranno per Pasqua e il parallelo decremento del 17% del giro d'affari costituiscono due percentuali senza precedenti per una ricorrenza tanto importante per un Paese cattolico. E non può essere una scusante credere che la Pasqua celebrata a fine marzo possa influire sui consumi turistici - prosegue il presidente di Federalbarghi - in quanto dalla nostra indagine risulta come addirittura il 45,2% di chi dichiara che non farà vacanze (pari ad oltre 23 milioni di connazionali) indichi nei motivi economici tale scelta. A questo punto è indispensabile - conclude Bocca - che Governo, Parlamento e sindacati provino a ragionare con le imprese a un piano di emergenza per salvaguardare i lavoratori e le aziende del settore se non vogliamo che nel giro di pochi mesi alcune migliaia di alberghi e centomila dipendenti cessino la propria attività, privando l'economia nazionale di una delle poche attività in grado da sola di condizionare lo sviluppo del Paese".

 Pasqua, le mete degli italiani

Tra coloro che andranno in vacanza, circa l'88% resterà in Italia (a fronte del 90% del 2012), mentre il 12% (10% nel 2012) sceglierà l'estero come meta turistica. Il 34%, tra coloro che resteranno in Italia, andrà al mare (37% nel 2012). Il 25,5% (21% nel 2012) sceglierà di visitare città d'arte. Su tutte la capitale Roma che, grazie all'effetto Papa Francesco, tra le città d'arte risulta quella maggiormente presa d'assalto dai visitatori. In leggera decrescita la montagna al 23% (rispetto al 24% del 2012). Per chi invece sceglierà l'estero come meta, spiccano le capitali del vecchio continente: 53,4% rispetto al 65% del 2012. La casa di parenti o amici, con il 28,1% sarà la struttura ricettiva maggiormente preferita dai vacanzieri, seguita dall'albergo che accoglierà il 27,6% delle preferenze. Più indietro la casa di proprietà:15,6%.

Ultima modifica ilSabato, 30 Marzo 2013 17:16
Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208