Menu
Israele. E’ morto Shimon Peres, un uomo di pace

Israele. E’ morto Shimon Peres, un uomo di pace

TEL AVIV - L'ex presidente israeliano e premio nobel per...

“Cafè Society”:  la stampa applaude un esilarante Woody

“Cafè Society”: la stampa applaude un esilarante Woody

Che la stampa applauda un’anteprima è un evento raro, ma...

Autogol di Renzi: vuole far ripartire il Ponte sullo Stretto

Autogol di Renzi: vuole far ripartire il Ponte sullo Stretto

Codacons: Scherzo di Carnevale in largo anticipo

Amnesty accusa l’Ungheria. Violenze ai richiedenti asilo

Amnesty accusa l’Ungheria. Violenze ai richiedenti asilo

ROMA - In un nuovo rapporto diffuso oggi Amnesty International...

Colombia. Governo e Farc firmano la pace. Svolta storica

Colombia. Governo e Farc firmano la pace. Svolta storica

BOGOTA’ - Dopo mezzo secolo di conflitto armato e migliaia...

Usa 2016, prima sfida  tra Clinton e Trump

Usa 2016, prima sfida tra Clinton e Trump

Hillary in vantaggio sui sondaggi 

“Innocente”: la Weltanschauung di Gerard Depardieu

“Innocente”: la Weltanschauung di Gerard Depardieu

ROMA – A Roma per la presentazione di “Innocente” il...

Teatro Quirino. Standing ovation per “Il trip di Don Chisciotte”

Teatro Quirino. Standing ovation per “Il trip di Don Chisciotte”

ROMA – Il teatro Quirino ha ospitato uno spettacolo nuovo...

Comsumi in calo, dopo la contrazione di 72,2 miliardi dal 2012 al 2015

Comsumi in calo, dopo la contrazione di 72,2 miliardi dal 2012 al 2015

ROMA - l'Istat diffonde oggi nuovi drammatici dati sull'andamento delle...

Prev Next

Pasqua, tanti italiani restano a casa: alberghi a rischio chiusura

Pasqua, tanti italiani restano a casa: alberghi a rischio chiusura

 ROMA – Pasqua a casa per tantissimi italiani per mancanza di soldi. Alberghi a rischio chiusura.

Si pensi che soltanto 8,2 milioni – più di un milione in meno rispetto al 2012 - dormiranno almeno una notte fuori casa. Un calo evidente che si attesta intorno alla soglia del 14%. Per il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, c'è il rischio che l'economia turistica torni ai livelli del dopoguerra. In pochi mesi, migliaia di alberghi rischiano di chiudere. Secondo Bocca, è assolutamente indispensabile che "Governo, Parlamento e sindacati provino a ragionare con le imprese a un piano di emergenza per salvaguardare lavoratori e aziende del settore. I dati previsionali di Pasqua – continua il presidente di Federalberghi - sono l'ennesima conferma di come l'Italia stia vivendo una crisi epocale che rischia di far tornare l'economia turistica ai livelli post bellici". Bocca sostiene che "la perdita di oltre il 14% di italiani che partiranno per Pasqua e il parallelo decremento del 17% del giro d'affari costituiscono due percentuali senza precedenti per una ricorrenza tanto importante per un Paese cattolico. E non può essere una scusante credere che la Pasqua celebrata a fine marzo possa influire sui consumi turistici - prosegue il presidente di Federalbarghi - in quanto dalla nostra indagine risulta come addirittura il 45,2% di chi dichiara che non farà vacanze (pari ad oltre 23 milioni di connazionali) indichi nei motivi economici tale scelta. A questo punto è indispensabile - conclude Bocca - che Governo, Parlamento e sindacati provino a ragionare con le imprese a un piano di emergenza per salvaguardare i lavoratori e le aziende del settore se non vogliamo che nel giro di pochi mesi alcune migliaia di alberghi e centomila dipendenti cessino la propria attività, privando l'economia nazionale di una delle poche attività in grado da sola di condizionare lo sviluppo del Paese".

 Pasqua, le mete degli italiani

Tra coloro che andranno in vacanza, circa l'88% resterà in Italia (a fronte del 90% del 2012), mentre il 12% (10% nel 2012) sceglierà l'estero come meta turistica. Il 34%, tra coloro che resteranno in Italia, andrà al mare (37% nel 2012). Il 25,5% (21% nel 2012) sceglierà di visitare città d'arte. Su tutte la capitale Roma che, grazie all'effetto Papa Francesco, tra le città d'arte risulta quella maggiormente presa d'assalto dai visitatori. In leggera decrescita la montagna al 23% (rispetto al 24% del 2012). Per chi invece sceglierà l'estero come meta, spiccano le capitali del vecchio continente: 53,4% rispetto al 65% del 2012. La casa di parenti o amici, con il 28,1% sarà la struttura ricettiva maggiormente preferita dai vacanzieri, seguita dall'albergo che accoglierà il 27,6% delle preferenze. Più indietro la casa di proprietà:15,6%.

Ultima modifica ilSabato, 30 Marzo 2013 17:16
Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208