Menu
Privatizzazioni. L’Italia si è venduta tutto

Privatizzazioni. L’Italia si è venduta tutto

ROMA - C’è un fenomeno che da molti anni ormai,...

Costituzione. Ai cittadini l’ultima parola

Costituzione. Ai cittadini l’ultima parola

Si è costituito - il 10 dicembre - presso l’ANPI...

Voci Partigiane. Storie all’ombra della linea gotica

Voci Partigiane. Storie all’ombra della linea gotica

ROMA - Possono ancora le parole scavare dentro l’anima e...

Crisi economica. Boom di mini jobs

Crisi economica. Boom di mini jobs

Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000...

Se l’Orso russo spaventa anche noi

Se l’Orso russo spaventa anche noi

ROMA - Il crollo verticale del prezzo del petrolio e la...

Taranto. 15.000 persone in piazza contro lo Sblocca Italia

Taranto. 15.000 persone in piazza contro lo Sblocca Italia

TARANTO - Taranto è ancora viva.  Questa è la prima...

Pino Daniele e Mario Biondi, super duetto live

Pino Daniele e Mario Biondi, super duetto live

Il 22 dicembre i due grandi artisti suoneranno insieme al...

Laurea ad honorem per Bernardo Bertolucci

Laurea ad honorem per Bernardo Bertolucci

Dall’Università di Parma l’onorificenza per il celeberrimo regista pluripremiato per...

Pakistan, oltre 140 i morti nella scuola attaccata dai Taleban a Peshawar. VIDEO

Pakistan, oltre 140 i morti nella scuola attaccata dai Taleban a Peshawar. VIDEO

Oltre centoquaranta morti, in gran parte bambini: i Taleban del...

Sanzioni e petrolio, in Russia crollano Borsa e rublo

Sanzioni e petrolio, in Russia crollano Borsa e rublo

È una tempesta perfetta quella che sta infuriando sui mercati...

Prev Next

Osservasalute 2012: gli italiani sempre più depressi. Suicidi aumentati del 30%

Osservasalute 2012: gli italiani sempre più depressi. Suicidi aumentati del 30%

ROMA - Si è svolta questa mattina, presso l’Università Cattolica di Roma, la presentazione del rapporto Osservasalute 2012. "Stato di salute e qualità dell'assistenza nelle Regioni italiane". 

Il rapporto e' stato presentato dal prof. Walter Ricciardi, direttore dell'Istituto di Igiene dell'Università Cattolica e direttore dell'Osservatorio e da Alessandro Solipaca, segretario scientifico dell'Osservatorio Nazionale sulla Salute delle Regioni Italiane. 

Ciò che si è evidenziato in primis è sicuramente la grave sofferenza in cui versa il Servizio Sanitario nazionale e il cui maggiore pericolo è soprattutto quello di "non essere più alla portata di tutti", crescono sempre più infatti le diseguaglianze nell'accesso ai servizi. Se da una parte infatti emerge un lieve miglioramento rispetto all'efficienza economica, dall'altra si profila sempre più il rischio di tagli all'offerta e all'accessibilità delle cure. 

I cittadini gravati dalla crisi finanziaria e da una tassazione troppo forte non possono pagarsi non solo le prestazioni, ma neanche i ticket. La necessità quindi, come ha sottolineato il prof. Ricciardi è quella di  uscire da questa contrapposizione, pensando che la sanità, la scuola, l’università, la ricerca sono voci su cui non si possono fare tagli. Non si può più tagliare oltre quanto è stato fatto fino ad oggi, poiché in termini di salute, questo significa vivere meno e vivere peggio.

Nonostante ciò sotto certi aspetti sembra che la salute degli italiani sia migliorata, nonostante i pessimi stili di vita adottati, ma  questo è  un po' il 'paradosso degli italiani'. Evidenziato anche dal trend in aumento della speranza di vita,  in particolare per gli uomini che riducono la distanza rispetto alle donne (trend in atto dal 1979).

Il  dato invece  più allarmante che è emerso dal rapporto è quello relativo allo stato di salute mentale degli italiani, che risultano essere sempre più depressi e sempre più dipendenti dall'uso di farmaci antidepressivi.

E' stato infatti evidenziato come negli ultimi  anni il trend di utilizzo di antidepressivi si sia mostrato in continua crescita, addirittura si è quadruplicato in dieci anni e difficilmente vedrà un'inversione di tendenza. Solo nel 2011 il consumo di farmaci antidepressivi è stato di 36,1, contro un consumo di 8,18 nel 2000.  E, secondo le ultime stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità,  emerge che nel 2020 la depressione sarà la seconda causa di morte nei Paesi occidentali, con crescente e continuo utilizzo dei farmaci correlati. 

Ancora più inquietante e preoccupante è però l'incremento, osservato negli anni più recenti, dei suicidi, soprattutto tra gli uomini  e in particolare  tra i 25 e i 69 anni.  Il tasso è passato da 11,70 (per 100.000) nel 2006 e nel 2007 a 11,90 (per 100.000) nel 2008 e 12,20 (per 100.000) nel 2009. A togliersi la vita è un uomo nel 77% dei casi (il tasso di mortalità è pari a 12,05 per 100.000 per gli uomini e a 3,12 per le donne). Il dato è allarmante poiché l'incremento è stato di circa il 30% dal 2006 ad oggi e, il fatto che il tasso di suicidi sia considerevolmente aumentato solo in questi ultimi anni, in concomitanza con la crisi economica, fa pensare che le cause non siano da imputare tanto a patologie psichiatriche, quanto ad un crescente disagio sociale ed economico. Questo quanto  rilevato  dal  Rapporto, dove si aggiunge che tale disagio "deve essere monitorato con attenzione anche al fine di prevedere un rafforzamento delle attività preventive e della presa in carico sanitaria e sociale di soggetti a rischio". 

Ultima modifica ilLunedì, 29 Aprile 2013 18:45
Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208