Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 62
  • Fallito caricamento file XML
  • Opening and ending tag mismatch: HR line 14 and BODY
  • Premature end of data in tag HR line 8
  • Premature end of data in tag BODY line 6
  • Premature end of data in tag HTML line 1
Menu
Trump attacca Nato e avverte su Brexit: altri lasceranno la UE

Trump attacca Nato e avverte su Brexit: altri lasceranno la UE

ROMA  - E' quasi tutto pronto a Washington per il...

Ue: in corso contatti per evitare infrazione

Ue: in corso contatti per evitare infrazione

ROMA  - "Sono in corso in questi giorni contatti con...

Sala Umberto. “La Divina”. Recensione

Sala Umberto. “La Divina”. Recensione

ROMA – “La Divina”, satira della Commedia che vede il...

Il tentativo di “comprimere” i diritti dei cittadini

Il tentativo di “comprimere” i diritti dei cittadini

Quando si cita il termine “incomprimibile” di solito si pensa...

Migranti. Malta, con Haftar, rischio guerra civile

Migranti. Malta, con Haftar, rischio guerra civile

LA VALLETTA - Haftar, che può adesso contare sull'appoggio dei russi,...

Grandi imprese responsabili delle sofferenze bancarie

Grandi imprese responsabili delle sofferenze bancarie

Al 30 settembre 2016, ultimo dato disponibile, le sofferenze riferite...

Teatro de’ Servi. “Tutto per Lola”. Recensione

Teatro de’ Servi. “Tutto per Lola”. Recensione

ROMA - Al Teatro de’ Servi ha debuttato una commedia...

Migranti. Raddoppiati bimbi giunti soli via mare

Migranti. Raddoppiati bimbi giunti soli via mare

ROMA - E' piu' che raddoppiato il numero dei minori...

Fca, la procura di New York indaga sul caso emissioni

Fca, la procura di New York indaga sul caso emissioni

Marchionne nega che la Fiat Chrysler Automobiles abbia violato le...

Lotta all' evasione, nel 2016 incassati oltre 17 miliardi

Lotta all' evasione, nel 2016 incassati oltre 17 miliardi

ROMA - "Quanto abbiamo incassato nel 2016?

Prev Next

Giappone. Nuovo sisma, 4 morti. Danni ad un'altra centrale nucleare

TOKYO - Un terremoto di magnitudo 7.1° della scala Richter ha colpito ieri il nord est del Giappone. E' stato uno dei più intensi dopo quello dell'11 marzo, ed ha avuto come epicentro le già flagellate prefetture di Miyagi e Yamagata. 4 morti accertati sinora, 140 i feriti.

Inizialmente si è temuto l'arrivo di uno tsunami, ma poi l'allarme è rientrato. La tv pubblica NHK ha trasmesso le immagini di alcune impressionanti ondulazioni dei grattacieli di Tokyo.


Nucleare. E ancora una volta, passata la paura per il sisma, è iniziata quella per le radiazioni nucleari. Non alla centrale di Fukushima. E' infatti un'altra centrale a creare allarmismi: quella di Onagawa, nella prefettura di Miyagi, a circa 150 km dall'impianto di Fukushima. Tutti e tre i reattori della centrale hanno subito danni, e ora stanno perdendo acqua dalle vasche di raffreddamento. L'impianto è sempre gestito dalla TEPCO, che comunica come per ora non ci siano radiazioni fuori dalla norma intorno all'edificio. I reattori in questione si erano spenti automaticamente, a causa del sisma dell'11 marzo. Si ricorda che è fondamentale mantenere freddi i reattori, anche se spenti. Si spera che l'acqua uscita dalle vasche di raffreddamento non abbia messo a rischio il sistema, già abbastanza danneggiato dal sisma di ieri: delle tre fonti di energia esterne per alimentare il sistema di raffreddamento, due sono saltate. Ne è rimasta attiva una, anche se per brevi momenti si è fermata anche'essa, per poi ripartire.

 

La TEPCO assicura che sia tutto sottocontrollo, ma oramai il paese (governo compreso) non crede più alle parole della società. La quale, per timore di un nuovo tsunami, ha ieri fatto evacuare la centrale di Fukushima. Pare, comunque, che non ci siano stati danni.

Ultima modifica ilLunedì, 30 Maggio 2011 23:07
Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208