PRIMO PIANO

Ad una settimana dalla data di scadenza entro cui gli Atenei italiani dovrebbero approvare le riforme sulla contribuzione studentesca, inserendo la NO TAX AREA, molte università non hanno ancora portato a termine il percorso e la situazione è fortemente disomogenea nel territorio nazionale.

Published in Scuola
Lunedì, 20 Febbraio 2017 11:50

Borse di studio: annus horribilis

ROMA - Il 17 febbraio l’Ufficio Statistica del MIUR ha pubblicato i dati sulle borse di studio per l’anno accademico 2015/2016. Nel 2015 erano entrate in vigore le nuove norme per il calcolo dell’ISEE, che avevano fatto innalzare l’indicatore a una grossa fetta di studenti universitari: il crollo degli idonei era, dunque, prevedibile. A questo, però, si va a sommare un ulteriore calo del numero di beneficiari di borsa di studio per lo stesso anno.

Gli idonei diminuiscono nell’anno accademico 2014/2015 al 2015/2016 quasi del 20%: oltre 36mila studenti sono stati sbattuti fuori dalle graduatorie per il diritto allo studio per via della variazione dell’indicatore ISEE nel 2015. L’analisi delle aree del Paese è impietosa: il calo maggiore degli idonei si verifica al Sud, dove in un anno si è perso 1 studente su 4. Al centro il calo degli idonei è del 16,4%, mentre al Nord del 13,6%. Nonostante la nostra denuncia dell’epoca, il Ministero dell’Istruzione ha provveduto ad innalzare le soglie ISEE e ISPE a livello nazionale solamente il 23 marzo 2016, su pressione nostra e del CNSU, aggiornando i limiti a partire dall’anno accademico 2016/2017. 

L’allora ministro Stefania Giannini, disse che l’obiettivo era il superamento degli idonei non beneficiari di borsa di studio: la realtà, invece, è quella del crollo spaventoso degli studenti idonei (-36.241), aggravato da un ulteriore pesantissimo crollo degli studenti beneficiari di borsa di studio (-7.286). Al Nord i beneficiari calano quasi del 10% (6mila borse di studio in meno, in un solo anno), al centro quasi del 7% (quasi 2.500 borse in meno), mentre al Sud si registra un aumento, pur minimo, del 3,7% (circa 1.500 borse in più). 

Nel 2015/2016 9.441 studenti, il 6,46% degli idonei - pur crollati in numero -, non hanno ricevuto una borsa di studio per l’assenza di finanziamenti. Solamente l’8,80% degli studenti iscritti in università risulta idoneo alla borsa di studio (in forte calo rispetto al 2014/2015, quando era al 10,92%): in Francia 1 studente su 3 percepisce una borsa di studio e in Germania 1 su 4. Non era allora e non è oggi pensabile di risolvere il problema degli idonei non beneficiari riducendo la platea degli idonei, mettendo il problema del sottofinanziamento sotto il tappeto: questi dati mostrano che anche le regioni hanno disinvestito. L’insieme di tutti questi elementi ha costruito un annus horribilis per il diritto allo studio.

L’andamento dei dati sul diritto allo studio varierà molto nell’anno accademico 2016/2017, visti l’innalzamento della soglia ISEE/ISPE da parte del MIUR e l’aumento del FIS (Fondo Integrativo Statale), consolidato anche quest’anno in Legge di bilancio a 212 milioni di euro. Rimarranno comunque la necessità di coordinare le politiche per il diritto allo studio in tutte le regioni e la situazione di sottofinanziamento complessivo: le regioni devono tornare a investire in diritto allo studio, per poter coprire le borse di studio di tutti gli idonei. Lo Stato deve aumentare ulteriormente gli investimenti per arrivare a percentuali di beneficiari simili almeno alla media europea. Un punto di partenza deve sicuramente essere il Decreto che dovrà ridefinire i criteri di riparto del Fondo integrativo statale, su cui manca ancora qualsiasi tipo di discussione. Quelli che apparentemente possono sembrare numeri, sono studenti, sono persone che si sono visti privare di uno dei diritti fondamentali, per via della variazione di un indicatore di condizione economica. Non siamo semplici numeri: va aperto immediatamente un confronto con gli studenti per ricostruire completamente le politiche sul diritto allo studio in Italia. 

Published in Il punto
Venerdì, 03 Febbraio 2017 15:10

Università. Alla Sapienza CyberChallenge.IT

ROMA - CyberChallenge.IT, il programma del Laboratorio Nazionale di Cybersecurity che si pone l'obiettivo di trovare il "talento cyber" tra gli studenti italiani tra i 17 e i 23 anni.

Published in Società

De Matthaeis, Labozeta: “Un risultato a dimostrazione delle eccellenze italiane”

Published in Scienza & tecnologia

ROMA - Cinque milioni di euro per finanziare il rientro e l'attrazione di giovani ricercatori nel nostro Paese.

Published in Scuola

Tramite decreto ministeriale n 987/2016, senza nessun confronto con gli studenti e le studentesse, neppure con il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari, che pure aveva approvato all’unanimità una mozione contraria, la Ministra Giannini ha emanato come ultimo atto prima delle dimissioni, una misura gravissima che istituisce una forma distorta di Laurea Professionalizzante.

Published in Fatti & Opinioni

ROMA - Nella giornata di ieri sono stati approvati alcuni importanti emendamenti che recepiscono, seppur in modo timido e parziale, le richieste di cui LINK si è fatta portavoce.

Published in Il punto

Il 14 e il 17 novembre tutti in piazza per la democrazia in università e nel paese

Published in Società

BRUXELLES - Già si sapeva, ma vale la pena ricordarlo: in Italia il sistema di educazione terziaria, cioe' universitaria, ha il tasso piu' basso nella Ue di laureati fra i 30 e 34 anni, e' sottofinanziato e fronteggia problemi di invecchiamento e di riduzione dei professori.

Published in Società

Miur stila un accordo sull’alternanza scuola-lavoro con aziende come Mcdonald’s, Zara, FCA, Eni e Intesa San Paolo per un totale di 27.000 posti

Published in Scuola

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Cultura

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077