Mercoledì, 20 Aprile 2016 08:58

Ostia. Libera lascia lo stabilimento per "territori malati di mafiosità"

Scritto da

OSTIA (ROMA) - Ci ha provato un anno fa l'associazione antimafia di Libera a gestire uno stabilimento a Ostia, ma sembra che sia una vera e propria impresa titanica portare "una gestione trasparente dentro territori malati di mafiosità".

Libera ha così riconsegnato un anno prima della scadenza la spiaggia che le era stata assegnata con un bando pubblico lo scorso anno, come riporta la giornalista Federica Angeli, che vive da tempo sotto scorta.

Il motivo della rinuncia alla concessione della spiaggia sarebbe  riportato in un documento che l'associazione Antimafia ha messo in mano alla Procura con tanto di esposto. Una scelta improvvisa che riguarderebbe la scoperta di una determina del 2010, omessa in sede di bando, che chiedeva ai precedenti gestori di abbattere il chiosco in quanto abusivo. Chiosco che di fatto è la struttura dello stabilimento. Nessuno era a conoscenza di questo atto, che guarda caso, spunta proprio a pochi giorni dall'inaugurazione dell'apertura estiva. Motivo per cui LIbera ha deciso di lasciare lo stabilimento che le era stato assegnato proprio un anno fa attraverso un regolare bando e che per molti rappresentava quel cambiamento di cui Ostia aveva bisogno.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]