Lunedì, 13 Giugno 2016 16:03

I romani vogliono il Grab, Grande Raccordo Anulare delle Bici

Scritto da

ROMA - Roma vuole il GRAB. E lo vuole subito. I cittadini sono certi che il Grande Raccordo Anulare delle Bici porterà tangibili vantaggi economici alla città e sono convinti che si tratti di un’opera pubblica fondamentale dal punto di vista turistico. Sono queste le principali indicazioni emerse dal sondaggio realizzato dall’istituto di ricerche Lorien Consulting per VeloLove e Legambiente, due delle realtà che hanno ideato e promosso il progetto della ciclovia della Capitale.

Sette romani su dieci (il 69% per la precisione) sottolineano, infatti, l’urgenza di dare concretezza al progetto che viene percepito come un’infrastruttura importante sia dal punto di vista turistico che da quello economico. E il 62% degli intervistati è favorevole alla ciclopedonalizzazione dell’Appia Antica e alla realizzazione di una vera e propria ciclovia urbana caratterizzata da standard qualitativi diversi e notevolmente migliori rispetto a quelli offerti da una semplice pista ciclabile.

L’idea dell’anello ciclopedonale di oltre 44 chilometri che si sviluppa all’interno della città di Roma, come si ricorderà, è frutto di un lavoro collettivo coordinato da VeloLove, che ha coinvolto cittadini, associazioni e istituzioni, prime fra tutte Legambiente, Touring Club, Rete Mobilità Nuova, Vivilitalia, Open House Roma, Parco Regionale dell’Appia Antica, Roma Natura, Teamdev. Il GRAB - inserito tra le opere di interesse nazionale finanziabili dalla legge di stabilità grazie al ministro dei Trasporti Graziano Delrio - è un’infrastruttura leggera e ad alta redditività economica e culturale, una calamita per nuovi turismi (Confindustria-Ancma stima che sarebbero almeno 600mila i cicloviaggiatori che lo percorrerebbero nel primo anno di attività), una via car free per la mobilità interquartiere, il prologo dello sviluppo di una vera rete ciclabile metropolitana e di interventi diffusi di rigenerazione urbana. Il GRAB si candida a essere la ciclovia urbana più affascinante del mondo e insieme un moderno Grand Tour, una lezione itinerante di storia: parte da Romolo e Remo e dalla millenaria magia della Regina Viarum - la via Appia Antica - e arriva alle architetture contemporanee di Zaha Hadid e di Renzo Piano e alla street art del Quadraro e di Torpignattara unendo tra loro Colosseo, San Pietro, Trastevere e il centro storico, la Galleria Borghese, l’Auditorium e centinaia di altri punti di interesse.

Tornando ai risultati del sondaggio, vale la pena sottolineare che il GRAB potrebbe incentivare tantissimi cittadini digiuni bici a sperimentare per la prima volta l’uso delle due ruote in città e a prendere perciò confidenza con questa modalità di spostamento: tra i non ciclisti, appunto, un buon 37% di romani si dice comunque pronto a montare sul sellino quando il Grande Raccordo delle Bici sarà completato, mentre la percentuale di potenziali utenti dell’anello sale ovviamente tantissimo (al 76%) se consideriamo soltanto la popolazione che già pedala.

“Il Grande Raccordo Anulare delle Bici non ha conquistato solo Delrio – commenta Alberto Fiorillo, coordinatore del progetto GRAB e responsabile aree urbane di Legambiente – Sono arrivati migliaia di messaggi di supporter da tutta Italia, in meno di un anno, da maggio 2015, sul GRAB sono usciti oltre 1.000 articoli e ne hanno parlato anche testate giornalistiche di altri Paesi, in Russia, in Germania, in Gran Bretagna, persino in Cina. Abbiamo ricevuto un premio mondiale assegnato annualmente in California e altri tre premi italiani. Ora la ricerca di Lorien Consulting ci conferma che Roma ama il progetto e vuole vederlo realizzato. E ci dice anche che vuole l’Appia Antica ciclopedonale, un intervento per dare finalmente corpo al museo archeologio a cielo aperto dalla Colonna Traiana alla Regina Viarum che è stato il sogno di Cederna dagli anni ’50. E’ arrivato il momento di trasformare quel sogno in realtà”.  

  

Ma più in generale, cosa chiedono i romani al Campidoglio per lasciare l’automobile o altri veicoli e iniziare a muoversi in bici? Cominciamo col dire che un 7% ha dimestichezza con le due ruote e usa la bici almeno una volta a settimana e in alcuni casi addirittura tutti i giorni. Mentre il 93% dei capitolini non pedala mai (80%) o quasi mai (13%). Per mollare la macchina i 3/4 (il 77%) dei cittadini intervistati da Lorien Consulting chiedono fondamentalmente una cosa: sicurezza. Il 43% pedalerebbe se ci fossero strade più sicure (piste ciclabili, aree pedonali, ciclovie), il 13% reclama meno traffico, l’11% una migliore pavimentazione e il 10% più corsie riservate, zone30 e controsensi ciclabili. C’è poi un 7% che chiede più servizi (meccanici, ciclofficine, aree di sosta e riparazione) e un 6% più percorsi nel verde. Solo il 5% vorrebbe un servizio di bike sharing e appena l’1% pensa che il problema sia rappresentato dall’assenza di rastrelliere e parcheggi di biciclette.

A proposito di quello che vorrebbero i Romani dall’amministrazione locale, visto che siamo alla vigilia del ballottaggio per il nuovo sindaco, vale la pena sottolineare che i romani a larghissima maggioranza (il 75%) ritengono che una città bike friendly sia maggiormente attrattiva sul piano economico e turistico e che investimenti sulla ciclabilità siano improcrastinabili (lo dice il 65% degli intervistati).  Mentre, più nel dettaglio rispetto al GRAB, sia gli elettori di Virginia RAGGI (il 74% di quelli che l'hanno votata al primo turno) che gli elettori di Roberto GIACHETTI (86%) ritengono politicamente urgente investire nel progetto del GRAB.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Dall'Austria un allarme da non sottovalutare

Chiunque conosca la biografia di Hitler sa che il futuro Führer non era tedesco bensì austriaco e sa anche che se c'erano due paesi in cui l'antisemitismo la faceva da...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208