Venerdì, 17 Marzo 2017 11:49

Roma. Tenta il suicidio a Termini, ma viene salvato dalla Polizia

Scritto da

Dopo essersi allontanato da casa, tenta il suicidio nei bagni pubblici della stazione ferroviaria Roma Termini stringendosi al collo la propria cintura dei pantaloni.

Fortunatamente, una guardia giurata lì in servizio, ha notato dei piedi fuoriuscire dalla porta del bagno e, non riuscendo ad aprirla, ha allertato immediatamente una pattuglia della Polizia di Stato della Polizia Ferroviaria di Orte,  lì per un servizio di scorta ai  treni. La pattuglia intervenuta è riuscita ad aprire la porta: all'interno l’uomo a terra, semi cosciente. Prontamente gli agenti lo liberavano dalla cintura consentendogli di respirare nuovamente, con ciò salvandolo da morte  certa.

Nel frattempo è intervenuta anche la Polizia Ferroviaria di Roma Termini; gli agenti hanno  accertato che l’uomo,  43 anni di Salerno, si era allontanato lo scorso 9 marzo dalla propria abitazione senza lasciare alcuna traccia. Prima di trasportarlo in ospedale, vicino al corpo è stata rinvenuta una lettera con la quale l’uomo, la cui scomparsa era già stata portata all’attenzione della trasmissione “Chi l’ha visto?”, fa riferimento ad un periodo difficile che sta attraversando ed alla sua volontà di compiere il gesto suicida.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

La Magia del Coaching e l’Expecto Patronum!

Facendo seguito ad una serie di considerazioni lette sulle riviste, fatte da alcuni personaggi del mondo dello spettacolo, indicative di tanta confusione sul contesto del coaching, colgo questa occasione come...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Alda Merini. La straordinaria avventura del Bacchelli, un vitalizio meritato

 Alda Merini si è spenta, a settantotto anni, il primo novembre 2009. Ha avuto funerali di Stato con camera ardente in Duomo. La sua tomba è nel cimitero monumentale di...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077