Sabato, 15 Ottobre 2016 07:33

Maker Faire: dalla tecnologia creativa riparte il cervello umano. LE FOTO Featured

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

La quarta edizione del più grande evento europeo sull’innovazione approda alla Fiera di Roma

ROMA - Centomila metri quadri espositivi,  700 progetti selezionati tra oltre 1500, 25000 studenti nella sola mattina dell’anteprima: questa è la quarta edizione del Maker Faire Rome – The European Edition 4.0 che da stamattina e fino a domenica 16 ottobre occuperà lo spazio della Nuova Fiera di Roma per offrire, divise per aree tematiche, le più inaspettate progettazioni di makers di ogni età, soprattutto giovani che, autonomamente o grazie a contributi pubblici e privati, sono riusciti ad inventare nei rami più diversificati qualcosa di utile ed eco-sostenibile. Il riciclo e la sperimentazione nei settori creativi sono infatti due degli elementi-cardine che permeano i sei padiglioni espositivi della Fiera, i cui stand sono occupati da tantissime Università, Centri di ricerca e Scuole, ma anche da makers stranieri indipendenti provenienti da oltre 65 Paesi. Saperi artigianali e nuove tecnologie d’avanguardia sono state presentate oggi dal curatore dell’iniziativa Riccardo Luna che, insieme a Massimo Banzi, hanno introdotto un’edizione che non tarderà a far parlare di sé per la contemporaneità e molteplicità delle start up presenti. Ospiti d’onore all’apertura, tra gli altri, Neil Gershenfel, Docente presso il Massachusetts Institute of Technology, e direttore del Center for Bits and Atoms, Simona Maschi, co-founder e direttore del Copenhagen Institute of Interaction Design, Bruce Sterling, autore di fantascienza, giornalista e professore di "Media e Design”, Jacky Jackson della Intel e il giovane Bruno Zamborlin che con la sua app di meta musica Mongees sta spopolando nel mondo dei non musicisti aspiranti tali.

Girovagando tra i reparti, numerose “chicche” per i neofiti e altrettante per gli esperti, come Watly, il primo computer termodinamico che purifica l’acqua attraverso la sola energia solare, e al contempo genera elettricità, permette accesso a Internet da ogni parte del mondo ed è perfino un aereoporto di droni.

A questi ultimi è dedicato un intero padiglione con gare di droni all’interno di una maxi voliera, una piscina dove vedere in azione il drone subacqueo #Opennrov e il progetto europeo Saga a guida Istc-Cnr, primo prototipo di droni per l’agricoltura di precisione, in grado di monitorare lo stato di salute delle coltivazioni ed eliminare le piante infestanti con una logica ispirata a quella delle api. Interattiva l’area di 8000 metri quadri dedicata ai Kids, nella quale i piccoli Archimede potranno trasformare i propri pensieri in  prototipi funzionanti come far funzionare un sensore o un barccio bionico o programmare un videogame. Tra le altre “sorprese” i “Wakeskate” magnetici, il We-Lab, laboratorio di analisi portatile e Ortuino, l’orto domestico intelligente a misura di bambino. Nel settore food curato dal Future Food Institute (FFI), non mancano le idee per la costruzione del “Ristorante del futuro”: dalla macchina per fare il gelato in meno di un minuto ai semi di funghi coltivati nel caffè, le stampanti per cibo in 3D, la serra automatizzata coperta, connessa a Internet e The Algae Factory, una startup che vede utilizzare la spirulina, una micro-alga con un alto contenuto proteico, ricca di vitamine, minerali, aminoacidi essenziali e Omega 3 e 6 per realizzare diversi prodotti, tra cui le barrette di cioccolato: un super food per il suo profilo nutrizionale è stata definita dalla Fao «un potente ingrediente per combattere la fame nel mondo»

Da segnalare, non da ultimo, il R.O.M.E. Prize: un gettone di 100000 Euro lordi che andranno al miglior progetto maker europeo con il più alto impatto sociale. Anche questo un segnale che, come canta il neo-Premio Nobel Bob Dylan, “Times are changing”.

Elisabetta Castiglioni

Giornalista e Promoter Culturale

www.dazebaonews.it

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Cultura

Opinioni

DPCM. Lettera aperta di Viviana Toniolo, attrice e direttrice dello storico teat…

DPCM. Lettera aperta di Viviana Toniolo, attrice e direttrice dello storico teatro Vittoria di Roma

Il patatrac è fatto! Il dissenso per la decisione di chiudere cinema e teatri è stato espresso, in questi giorni, da tante voci della cultura di grande risonanza e da...

Viviana Toniolo, Direttrice Artistica del Teatro Vittoria - avatar Viviana Toniolo, Direttrice Artistica del Teatro Vittoria

Ricerca. Individuati nuovi meccanismi molecolari implicati nel danno renale

Ricerca. Individuati nuovi meccanismi molecolari implicati nel danno renale

Grazie alle competenze dei ricercatori, e soprattutto alla multidisciplinarietà del gruppo di ricerca diretto dal Nefrologo, Dr Renzo Bonofiglio, in questi anni presso il Centro di Ricerca, collocato all’interno della...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]