Lunedì, 28 Dicembre 2020 10:53

Ricerca. Un farmaco per fornire l’immunità immediata contro il Covid

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Il Prof. Vincenzo Libri a capo della ricerca inglese “ Se diamo degli anticorpi già attivi che riconoscono il virus e quindi non dobbiamo aspettare i tempi tecnici del vaccino che stimola gli anticorpi naturali, l’effetto è immediato, posto che gli studi diano i risultati desiderati, siamo ancora all’inizio” 

Scienziati britannici stanno sperimentando un nuovo farmaco che potrebbe impedire a qualcuno che è stato esposto al coronavirus di sviluppare la malattia Covid-19. La terapia con anticorpi conferirebbe un'immunità immediata contro la malattia e potrebbe essere somministrata come trattamento di emergenza ai pazienti ospedalizzati e ai residenti delle case di cura per aiutare a contenere i focolai. Le persone che vivono in famiglie in cui qualcuno ha preso Covid potrebbero essere iniettate con il farmaco per assicurarsi che non vengano infettate a loro volta. Potrebbe anche essere somministrato a studenti universitari, tra i quali il virus si è diffuso rapidamente perché vivono, studiano e socializzano insieme.

La dott.ssa Catherine Houlihan, virologa presso l'University College London Hospitals NHS Trust (UCLH) che sta conducendo uno studio chiamato Storm Chaser sul farmaco, ha precisato: "Se possiamo dimostrare che questo trattamento funziona e può  prevenire le persone che sono esposte al virus in corso per sviluppare Covid-19, sarebbe un elemento entusiasmante per combattere questo terribile virus ".

Il farmaco è stato sviluppato da UCLH e AstraZeneca, la società farmaceutica che, insieme all'Università di Oxford, ha anche creato un vaccino e che l’MHRA, l’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari inglese si appresta ad approvare già dalla prossima settimana. Il team auspica che lo studio dimostri che il cocktail di anticorpi protegge dal Covid-19 per un periodo compreso tra sei e 12 mesi. I partecipanti alla prova lo ricevono in due dosi. Se fosse approvato, sarebbe offerto a qualcuno che è già stato esposto a Covid negli otto giorni precedenti.

Il farmaco potrebbe essere disponibile a partire da marzo o aprile, solo dopo aver esaminato le prove dello studio. Lo studio coinvolge l'UCLH, diversi altri ospedali britannici e una rete di 100 siti sparsi in tutto il mondo. Questo mese l'ospedale dell'University College è diventato il primo sito al mondo a reclutare pazienti nello studio di controllo randomizzato.

"Ad oggi abbiamo iniettato la dose a 10 partecipanti - personale, studenti e altre persone - che sono stati esposti al virus a casa, in un ambiente sanitario o in aule studentesche", ha detto Houlihan. Lei e colleghi seguiranno da vicino i partecipanti per vedere quali di loro sviluppano il Covid-19.

La protezione immediata che il farmaco promette potrebbe svolgere un ruolo fondamentale nel ridurre l'impatto del virus fino a quando tutti saranno immunizzati. Il programma di vaccinazione è in corso e dovrebbe durare fino alla prossima estate. Il farmaco comprende una combinazione di anticorpi a lunga durata d'azione nota come AZD7442, sviluppata da AstraZeneca. Anziché gli anticorpi prodotti dall'organismo per aiutare a combattere un'infezione, AZD7442 utilizza anticorpi monoclonali, che sono stati creati in un laboratorio. 

Nei documenti su una sperimentazione clinica che AstraZeneca ha registrato negli Stati Uniti, viene spiegata nel dettaglioi “l’efficacia di AZD7442 per la profilassi post-esposizione di Covid-19 negli adulti. La proteina spike Sars-CoV-2 contiene il RBD [dominio di legame del recettore] del virus, che consente al virus di legarsi ai recettori sulle cellule umane. Prendendo di mira questa regione della proteina spike del virus, gli anticorpi possono bloccare l'attaccamento del virus alle cellule umane e quindi si prevede che blocchino l'infezione ".

In uno studio separato, chiamato Provent, l'UCLH sta valutando se il farmaco possa proteggere anche le persone con un sistema immunitario compromesso, come quelle sottoposte a chemioterapia per il cancro, che sono state recentemente esposte al virus ma non hanno avuto un vaccino o in cui è stato non ha provocato l'immunità a causa della loro condizione debole. Entrambe le prove Provent e Storm Chaser sono ora nella fase 3. Sarà sicuramente interessante vedere se queste prove sono efficaci. Ma è importante che tutti i nuovi trattamenti siano accuratamente studiati, esaminati e, soprattutto, sicuri prima di prendere in considerazione la possibilità di renderli disponibili.

Entrambe le sperimentazioni sono in corso presso il nuovo centro di ricerca sui vaccini dell'UCLH, finanziato dal braccio di ricerca del NHS, l'Istituto nazionale per la ricerca sanitaria, e guidato dal Prof Vincenzo Libri.

 

Vincenzo Libri è un docente clinico senior all'interno della divisione di scienze investigative dell'Imperial College di Londra e capo degli studi clinici presso il centro di ricerca clinica "Sir John McMichael" - Hammersmith Campus. Coordina inoltre un MRes in Medicina Traslazionale per laureati in medicina e scienziati di base con una laurea in scienze della vita.libri.jpg

Dal 1990 al 1998 è stato titolare di una borsa di studio Welcome Trust e Medical Research Council presso la School of Pharmacy, University of London (UK). Nel 1994 è stato nominato Docente di Farmacologia Clinica presso l'Università di Roma, (Italia). Negli ultimi dieci anni, Vincenzo ha lavorato in più aziende farmaceutiche (GlaxoWellcome, Eli Lilly e GlaxoSmithKline) assumendo responsabilità dirette per studi clinici di fase I / II. Nel 2004 è stato nominato Capo della Medicina Sperimentale e Traslazionale presso il Dipartimento di Farmacologia Clinica e Medicina della Scoperta, Neurologia CEDD, GSK-UK.

Il dott. Libri è entrato a far parte dell'Imperial College nell'aprile 2009 per guidare un team di medici, infermieri e personale amministrativo e coordinare lo sviluppo di un portafoglio sostenibile di studi clinici e studi di medicina sperimentale in aree terapeutiche. È Principal Investigator per lo sviluppo e l'implementazione di studi clinici di Fase I / II in volontari sani e pazienti, con interessi primari in neurologia sperimentale, medicina traslazionale e neuro-farmacologia clinica.

 

Last modified on Lunedì, 28 Dicembre 2020 11:47

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

ban.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

Cultura

Opinioni

Nft, blockchain, criptovalute stanno davvero cambiando il mondo dell’arte come…

Nft, blockchain, criptovalute stanno davvero cambiando il mondo dell’arte come lo conosciamo?

Siamo di fronte a una bolla speculativa destinata a scoppiare? Oppure, come sostiene Beeple, la cui opera digitale è stata venduta per 70 milioni di dollari da Christie’s a New...

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Primo Piano – Pianeta Donna. Omaggio ad Alida Valli nel centenario della nasc…

Primo Piano – Pianeta Donna.  Omaggio ad Alida Valli nel centenario della nascita

Cento anni fa, il 31 maggio 1921, a Pola, la bella città dell’Istria allora italiana, nasceva Alida Valli, la prima vera diva italiana del cinema fin dagli anni Trenta. Sarebbe...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]