Giovedì, 16 Gennaio 2014 17:01

F1. Si dimette Ecclestone dopo essere stato rinviato a giudizio

Scritto da

Il patron della Formula Uno, Bernie Ecclestone, si è dimesso dal board della Delta Topco, la società che gestisce il circuito dei motori più celebre al mondo.

L'imprenditore britannico, numero uno della Fom (Formula One Management) ha preso la decisione in seguito al rinvio a giudizio per corruzione, da parte della magistratura tedesca. Ecclestone è stato infatti  rinviato a giudizio e sarà processato con l'accusa di corruzione a Berlino per presunte tangenti. L'82enne magnate britannico nel 2006 avrebbe corrotto con 44 milioni di dollari l'allora responsabile rischi della banca BayernLB, Gerhard Gribkowsky, per fargli cedere i diritti della Formula 1 alla Cvc, società di cui Ecclestone è direttore esecutivo. Lo stesso Gribkowsky nel giugno scorso è stato condannato a otto anni e mezzo di carcere per corruzione, frode ed evasione fiscale. Il processo potrebbe mettere fine a quasi quattro decenni di regno incontrastato di Ecclestone in Formula 1: lui ha sempre respinto le accuse, sostenendo di aver versato i soldi perché ricattato da Gribkowsky. In ogni caso l'ottantatreenne continuerà a seguirà l'operatività della società.

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

C’è sempre un Simenon in libreria

C’è sempre un Simenon in libreria

Vai dal tuo libraio e ti senti chiedere: “Hai visto il nuovo Simenon?”  e ti mette in mano La fattoria del coupe de vague, un Simenon d’annata che Adelphi pubblica...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

“Reimagine”, breve film sull’importanza vitale della ricerca scientifica

“Reimagine”, breve film sull’importanza vitale della ricerca scientifica

L’emergenza Covid ha reso ancor più evidente di quanto non fosse sempre stato l’importanza della ricerca farmaceutica. Novartis, impegnata a scoprire nuovi farmaci è tra le prime aziende al mondo...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]