Sabato, 18 Luglio 2015 07:57

E' morto il pilota di F1 Jules Bianchi dopo 9 mesi di coma

Scritto da

 

NIZZA - Il pilota francese di Formula Uno Jules Bianchi, 25 anni, è deceduto ieri sera nell'ospedale di Nizza. Era in coma da nove mesi, a seguito di un gravissimo incidente al volante della sua Marussia sul circuito di Suzuka, in Giappone, il 5 ottobre 2014.

Bianchi avrebbe compiuto 26 anni il mese prossimo. "Ha lottato fino alla fine, come ha sempre fatto, ma oggi la sua battaglia e' arrivata alla fine", ha fatto sapere la famiglia in un comunicato pubblicato su Facebook nella notte. "Il nostro dolore e' immenso e indescrivibile". Lunedi' scorso, dopo molti mesi di coma, il padre del giovane pilota aveva detto di essere "meno ottimista" sulla possibilita' che il figlio potesse riprendersi. Bianchi aveva iniziato al sua attivita' nel team Marussia nel 2013, gareggiando 34 gran premi. E la stessa Marussia, che oggi si chiama Manor F1, ha scritto un post su Facebook per dire che "siamo devastati dalla perdita di Jules dopo una cosi' dura battaglia. E' un privilegio per noi averlo avuto nel nostro team. La famiglia Bianchi, nel suo comunicato, ha ringraziato "tutti per l'affetto dimostrato nei mesi scorsi, che ci ha dato grande forza e ci ha aiutato ad affrontare momenti cosi' difficili".

IL VIDEO DEL DRAMMATICO INCIDENTE

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]