Martedì, 25 Agosto 2015 16:30

WWE. Summerslam: l’epico scontro del Becchino e la Bestia, e altri eroi che rivedremo a Roma. Video

Scritto da

NEW YORK - L’edizione 2015 di Summerslam (uno dei tre eventi di wrestling più importanti a livello mondiale) svoltasi nella notte di ieri  al Barclays Center di Brooklyn (New York) sarà ricordata per l’epico scontro tra due dei più grandi campioni di sempre: The Undertaker (il becchino) e Brock “La Bestia” Lesnar.

L’incontro, attesissimo, vedeva il ritorno sul ring di The Undertaker dopo oltre un anno di assenza, ossia dopo la sua sconcertante sconfitta proprio contro La Bestia, che lo scorso anno ha interrotto la striscia di 21 vittorie consecutive di The Undertaker. Ebbene, il becchino, leggenda del ring, è riuscito a segnare la vittoria numero 22 negli annali della WWE in un incontro in cui ha mostrato tutta la scaltrezza e il mestiere oltre che la sua debordante personalità e forza. Non si sono risparmiati consegnandoci un incontro straordinario. The Undertaker era stato bloccato da Lesnar nella Kimura, mossa di sottomissione. Si sono visti dei colpetti del Becchino con la mano (tapping) che il timekeeper ha interpretato come un colpo di spugna suonando il gong di fine incontro, ma l’arbitro Charles Robinson non ha visto. Si è accesa una discussione tra i due nella quale si inserita la protesta di Lesnar. The Undertaker, scaltrissimo, ne ha approfittato prendendo Lesnar alle spalle e bloccandolo nella sua micidiale mossa di sottomissione Hell’s Gate. Neanche un minuto e Brock Lesnar ha perso conoscenza consegnando la vittoria a The Undertaker. La folla ha riavuto la sua Leggenda.

Ho aperto l’articolo con il Becchino e Lesnar e non con l’incontro supertitolato tra John Cena e Seth Rollins, da solo perché non considero Rollins degno dei risultati ottenuti nel ring. Anche questa volta c’è stato uno scippo e non una vittoria. Scippo perpetrato ai danni di John Cena (che vedremo a Roma l’11 novembre prossimo al Palalottomatica insieme ad altri grandi campioni) che pur avendo schienato regolarmente Rollins non è stato contato dall’arbitro finito fuori ring. Si è poi aggiunto un fuori scena particolare. L’attore comico Jon Stewart, ospite della serata, approfittando dell’arbitro fuori dal ring, è entrato colpendo John Cena con una sedia, Rollins ne ha colto l’occasione vincendo l’incontro che di fatto aveva perso. Seth Rollins detiene così i due titoli in palio nella sfida: quello di campione del mondo e quello degli Stati Uniti.

Sorprendete anche l’incontro di coppia che vedeva l’attore Stephen Amell (interprete della serie televisiva Arrow ispirato al supereroe della DC Comics Freccia Verde) e Neville contro Stardust e King Barret.  Dopo le continue provocazioni di Stardust che, come lottatore interpreta la parte di un supereroe proveniente dallo spazio, Allen probabilmente ha confuso la realtà con la finzione supereroica e, altrettanto fuori di testa, ha deciso di accettare salendo sul ring a Summerslam. Bisogna dire che la preparazione atletica dell’attore è invidiabile, ha incassato numerosi colpi senza mai cedere e si è cimentato in un inaspettato salto fuori del ring, dopo essere salito sulle corde, travolgendo Barret e Stardust. Il suo compagno Neville, l’uomo che sfida la gravità (il solo nella WWE a sfoggiare un repertorio acrobatico strabiliante) ha poi chiuso l’incontro. Possiamo confermare che il supereroe Arrow ha sconfitto L’uomo dello spazio! 

 Atteso ritorno di Dolph Ziggler (sarà a Roma a novembre) contro Rusev, l’atleta bulgaro che ha procurato un brutto incidente a Zigler che a sua volta ha “rubato” la ragazza a Rusev, la splendida e biondissima Lana che chiunque vorrebbe al proprio fianco. L’incontro è terminato senza un vincitore per un doppio count out. Tuttavia c’è stato un gustosissimo corpo a corpo tra Lana e Summer Rae la nuova ragazza di Rusev, che ha regalato brividi testosteronici. Una sfida mista a quattro sarebbe stato l’ideale per vivacizzare ulteriormente l’incontro che comunque è stato di ottimo livello per prestazioni atletiche e tecniche.

Non si sono risparmiati Cesaro e Owens. Quest’ultimo ha da poco perso il titolo NXT,  non poteva quindi perdere questo incontro che lo ha visto prevalere su Cesaro, apprezzabile per le grandi doti atletiche  e la mossa vincente, comunque non risolutiva con Owens, che è riuscito a ribaltare una situazione pericolosa all’angolo infliggendo una “Bomba” a Cesaro che ,ormai affaticato dal match,  ha ceduto. 

Sull’incontro a tre tra Ryback, Big Show e The Miz vinto da Ryback, non c’è molto da dire.  Lo inserisco tra i “non significativi” anche se in palio c’era la cintura di campione intercontinentale detenuta da Ryback. Devo essere sincero, adoro Ryback, però mi piacerebbe vederlo misurarsi contro atleti di valore, non che Big Show non lo sia ma la faida tra i due si è ormai esaurita. L’incontro a Summerslam è sicuramente l’ultimo dei numerosi di questo 2015. 

La sfida a coppie tra parte della Wyatt Family composta da Bray Wyatt and Luke Harper contro ciò che rimane dello Shield, Dean Ambrose and Roman Reigns, ha regalato bei momenti di prestazioni atletiche e numerosi capovolgimenti di fronte avvenuti più fuori del ring che dentro. A quanto pare i quattro non prediligono il quadrato. Alla fine i “buoni”, Reins e Ambrose, hanno avuto la meglio. 

La sfida tra La vipera Randy Orton  e l’irlandese Shemus  (non perdetelo a Roma l’11 novembre, anche lui sarà presente) si conclude con la vittoria di Shemus a seguito di un doppio Brogue Kick.  Per le Divas un incontro con tre team: Bella vs. B.A.D. vs. P.C.B. Becky Lynch effettua lo schienamento decisivo su Brie Bella regalando la vittoria al team P.C.B. Altro incontro affollato quello che ha visto ben quattro team insieme sul ring:  Prime Time Players contro Los Matadores contro Lucha Dragons contro The New Day. Anche se c’è da dire che gli assoluti e soli protagonisti sono stati i New Day, vincitori dell’incontro. 

Il Becchino e la Bestia – Summerslam 2015 - Video

 

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]