Lunedì, 27 Marzo 2017 16:46

Tornano i motori: sarà grande Italia?

Scritto da

Vettel primo in Australia all'esordio del nuovo Mondiale di Formula 1, Dovizioso e Rossi sul podio del Qatar all'esordio del Mondiale della Moto GP, dietro al bravissimo Viñales, compagno di scuderia di Valentino alla Yamaha; senza dimenticare il non meno valido Franco Morbidelli, ventiduenne romano che ha vinto il suo primo gran premio in Moto 2.

Un fine settimana all'insegna del tricolore, dunque, con i motori nuovamente al centro del nostro panorama sportivo e la Rossa di Maranello in cima al podio, di fronte alle due Mercedes di Hamilton e Bottas, i quali ora giustamente temono che una delle più agguerrite e temibili concorrenti per il titolo sia tornata ai livelli che le competono. 

Sarà grande Italia? È presto per dirlo e guai a lasciarsi andare ad eccessi di euforia: la strada da percorrere è ancora tanta e le difficoltà da affrontare lungo il cammino saranno immense, trattandosi di campionati disseminati di ostacoli e di insidie, con avversari non meno affamati e scuderie rivali disposte ad impegnare ogni risorsa, economica, tecnologica e umana, pur di confermarsi ai vertici.

Lo sa Marchionne, lo sanno i piloti della Ferrari, lo sa Dovizioso, lo sa il Dottor Rossi, lo sa la Ducati e lo sanno tutti i protagonisti di questa splendida avventura che ha riaperto i battenti e andrà avanti fino all'autunno, quando sapremo se questo sarà stato l'anno del riscatto dell'Italia dell'alta velocità o se si sarà trattato, invece, dell'ennesima sequenza di occasioni perdute, promesse tradite e speranze via via affievolitesi col passare dei mesi.

La Cina e l'Argentina, ossia le prossime tappe dei rispettivi circus, ci daranno qualche elemento in più per capire se abbiamo assistito ad una gradevole eccezione o se davvero sussistono le possibilità di restituire al nostro Paese il ruolo che merita in un panorama dei motori mai così interessante e ricco di novità e prospettive per il futuro.

Sapremo se questo buon inizio è stato il primo passo verso la gloria o un effimero raggio di sole. 

Sapremo se le Mercedes sono davvero battibili e se i nostri assi del motociclismo possono replicare i fasti della magica stagione che ebbe in Biaggi, Rossi e Capirossi i propri alfieri. 

Sapremo, insomma, se l'ottimismo che si respira in queste ore e che si trova profuso a piene mani sulle pagine dei giornali ha un fondamento o se costituisce, al contrario, l'ennesima esaltazione collettiva tanto prematura quanto priva della necessaria sobrietà. 

Quindici giorni: un tempo ragionevole per riflettere, guardare avanti e, soprattutto, tenersi alla larga da coloro che oggi intingono la penna nel miele e fra due settimane potrebbero intingerla nel curaro se le cose dovessero andar male. Purtroppo conosciamo alcuni nostri colleghi e, più che mai, gli usi e i costumi di questa controversa Nazione.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077