Mercoledì, 17 Maggio 2017 17:44

Mille Miglia: storia di una passione senza tempo

Scritto da

E son novanta, mitica Mille Miglia! Novant'anni di storia e di leggenda, novant'anni su e giù per l'Italia, da Brescia a Roma e ritorno, intrecciando le proprie vicende con quelle di un Paese che ti vide snodarsi lungo le sue strade in pieno fascismo, fino al 1940, e che riprese ad ammirarti nel dopoguerra, fino al '57, quando gli incidenti e la pericolosità oggettiva della corsa consigliarono di accantonarla, trasformandola poi nella sfilata di auto d'epoca di cui possiamo godere ogni anno. 

E guai a pensare che queste vetture, tutte rigorosamente immatricolate fino al '57 e non oltre, non appassionino ancora non solo gli amatori ma anche milioni di persone comuni che le vedono sfilare sotto le proprie finestre e possono coglierne da vicino le finiture, la classe, l'eleganza, lo stile e anche la discreta velocità, considerando che furono realizzate con tecnologie che oggi ci farebbero ridere.  E così, una volta l'anno, il mito dei Varzi e dei Nuvolari, dei Moss e degli Ascari, rivive in una corsa senza tempo, emozionante proprio come agli esordi, ricca di quell'eccellenza e di quell'unicità italiana che l'ha resa grande e ne ha fatto un evento mondiale, trasformandola in una delle gare automobilistiche più celebri e conservandone intatta l'adrenalina anche adesso che si tratta unicamente di una carovana di vetture d'epoca, riservata per lo più ai collezionisti e ad alcuni ex piloti.

Nella Mille Miglia, infatti, è racchiuso lo spirito indomito dei pionieri dell'automobilismo, il carattere di Ferrari e dei primi meccanici ed ingegneri della Bassa emiliana, il coraggio di uomini che rischiavano la vita ad ogni curva e la smisurata passione di spettatori che, in alcuni casi, ci rimettevano la vita a loro volta, colpiti da un'auto in corsa o dai pezzi che si staccavano da essa in seguito ad un incidente. 

Nella Mille Miglia, inoltre, è più vivo che mai il DNA di quell'Italia che non si arrende, di quell'Italia che resiste ad ogni diluvio, di quell'Italia forte, battagliera, ricca di cuore e di ardimento, capace di attraversare quasi un secolo e di riscoprirsi diversa in tutto ma non nelle prerogative che l'hanno condotta sin qui. 

E allora auguri, orgoglio italiano! Auguri affinché la tua epopea possa durare ancora a lungo ma, soprattutto, affinché possa contagiarci, in questa stagione di miti effimeri, eroi di cartapesta e nemmeno un grammo di quello spirito di sacrificio che rese possibile l'impossibile e ci condusse ad ampie falcate nella modernità. Auguri, con un pensiero rivolto alla polvere e l'altro all'immortalità.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077