Domenica, 10 Dicembre 2017 17:58

Gonzalo Higuaín: trent'anni all'insegna del gol

Scritto da

E sono trenta, messer Gonzalo Higuaín: trent'anni di gol e di imprese, di passioni e di speranze, di emozioni suscitate e di entusiasmi dirompenti generati presso ogni platea che abbia avuto l'onore di vederlo danzare in area di rigore.

E sì, ho usato il verbo danzare e lo rivendicò con orgoglio, in quanto "el Pipita" non è il classico panzer buttadentro, colui che risolve le partite in maniera arida, senza concedere nulla allo spettacolo, alla bellezza e all'armonia del gioco; egli è un concentrato di tecnica latina e tattica europea, potenza di fuoco e giocate sublimi, assai più partecipe all'azione della squadra di quanto non lo fosse, per dire, un Trezeguet, un fuoriclasse moderno e in grado di interpretare il proprio ruolo come pochi altri punteri sparsi per il Vecchio Continente. 

Di attaccanti ai livelli di Higuaín, non a caso, me ne vengono in mente soltanto tre: Suárez, Cristiano Ronaldo e Lewandowski, considerando che Messi e Neymar jr. non sono vere punte ma ali o falsi nueve, che Cavani è sì fortissimo ma leggermente inferiore al bomber argentino, che Icardi non è nemmeno paragonabile e che il giovane Mbappé è ancora troppo acerbo per essere definito l'erede di Henry, benché certo la classe e il talento non gli manchino.

Higuaín, soffiato al Napoli da Marotta con un'operazione ai limiti del genio, patisce non poco il fatto di non essere ancora riuscito a trascinare la Juve sul tetto d'Europa, di non aver ancora ricevuto una piena consacrazione e di non essere ancora riuscito ad incidere in maniera decisiva in ambito internazionale; fatto sta che, da quando gioca al centro dell'attacco bianconero, l'impressione è che sia nettamente migliorato: sia per quanto concerne la disciplina sia per quanto riguarda lo spirito di sacrificio, la dedizione alla causa e il rapporto con i compagni, essendosi trasformato in una bocca di fuoco assai meno individualista e con meno pretese da primadonna.

Un campione educato, dunque, mondato dagli eccessi tipici di Napoli e dal divismo proprio di Madrid e ormai stimato pressoché ovunque, nonostante un altro dei suoi talloni d'Achille sia rappresentato proprio da quella Nazionale argentina dove Sampaoli si ostina inspiegabilmente a preferirgli Icardi e dove la sua grandezza viene spesso oscurata dal magistero di Messi e Dybala, benché entrambi con la maglia albiceleste riescano a rendere meno che nei rispettivi club. 

Con l'andare del tempo, inoltre, "el Pipita" ha iniziato a coltivare la virtù della pazienza, divenendo più utile ed incisivo e lasciandosi alle spalle certe ingenuità giovanili che ancora a Napoli lo zavorravano, mettendone talvolta in evidenza l'ingenuità e la mancanza di un'adeguata caratura internazionale. 

Ciò non toglie che anche sotto il Vesuvio messer Gonzalo sia stato decisivo e che senza quell'esperienza oggi non sarebbe il campione che è, quindi sia lode a Sarri e ad un ambiente che lo ha saputo valorizzare, aspettare e infine lanciare nell'Olimpo dei semi-dei. 

Per essere un dio del calcio gli mancano ancora almeno una Champions e il Mondiale, ma siamo fermamente convinti che il nostro, quest'anno, non voglia lasciarsi sfuggire entrambe le occasioni.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077