Mercoledì, 19 Settembre 2018 08:33

Champions League. Pazza Inter, 2-1 agli Spurs

Scritto da

MILANO - Una sola parola: emozione! E di emozioni ieri sera al San Siro se ne sono vissute eccome.

La “pazza Inter” – mai soprannome fu mai così calzante – si conferma anche questa volta. Alla prima di Champions, non stecca il tenore Icardi, al debutto nella massima competizione europea, mettendo in pari una gara che stava diventando stregata. A perfezionare il capolavoro della rimonta ci ha pensato l’uomo della provvidenza, Vecino, lo stesso che ha regalato la qualificazione nello “spareggio” contro la Lazio nello scorso campionato.

Un 2-1 agli spurs che a un certo momento della gara, con i nerazzurri sotto di una rete, sembrava essere un’impresa impossibile. Ma l’Inter è questa, fa sballare ogni pronostico, nel bene e nel male, la “pazza Inter” è ormai un marchio di fabbrica. Finalmente si è visto l’orgoglio, quel quid in più che è mancato nelle prime giornate del campionato e che ieri sera è uscito con tutta la sua forza negli ultimi 10-15 minuti del match con gli inglesi.

Si è vista una squadra lottare su tutti i palloni e si è vista la voglia, a tutti i costi, di rimettere in pari una gara che si era messa veramente male, anche e non solo per colpe non proprie. Molte decisioni dell’arbitro, come le distribuzione dei cartellini gialli, è sembrata alquanto non omogenea, mentre il gol del Tottenham, dopo un apprezzabile spunto di Eriksen, è apparso davvero fortunoso, con il rimpallo di mano involontario (sul tiro dello stesso Eriksen) di Miranda.

LA RINASCITA - Un gol, al 53’, che poteva infrangere i sogni nerazzurri e che invece man mano, con il passare dei minuti, si sono ricostruiti fino ad avverarsi negli ultimi 7 minuti: all’85’ prima, con Icardi, e al 92’ poi con il definitivo ko di Vecino.

Una vittoria che restituisce all’Inter di Spalletti consapevolezza e nuova linfa per affrontare i prossimi impegni con una mente più leggera e che soprattutto la proietta in testa al girone di Champions insieme al vulcanico Barcellona, ieri vittorioso sul PSV 4-0 con tripletta di Messi.

NAPOLI – Nel match tra Stella Rossa e Napoli, qui la parola che descrive il tutto è “rimpianto”. Il pareggio di ieri sera contro i serbi fa storcere il naso ai partenopei perché poteva essere una gara importantissima per conquistare i primi 3 punti del girone contro una squadra considerata da tutti come la più debole del gruppo.

Se è vero che a Belgrado non è facile giocare per nessuno, è anche vero che il Napoli poteva sfruttare meglio alcune situazioni. Ma la serata è andata storta e gli uomini di Ancellotti hanno sbattuto ripetutamente contro il muro della Stella Rossa, mai particolarmente pericolosa. Un continuo attacco che però è terminato sullo 0-0 e che ha lasciato l’amaro in bocca a tutto il popolo azzurro.

Nello stesso gruppo C, il Liverpool ha battuto per 3-2 il PSG.

Paolo Natale

Giornalista pubblicista

Collaboratore per Book Moda Magazine

Collaboratore per Top Time Magazine

Dottore in Scienze della Comunicazione

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]