Venerdì, 12 Novembre 2010 15:43

Basket Nba. I Celtics espugnano Miami. Per i Lakers 1° sconfitta stagionale

Scritto da

Tre partite in questo giovedì dai grandi temi. I Celtics e gli Heat si riaffrontavano dopo l’Opener del 26 Ottobre; mentre i Lakers a caccia del 9° sigillo si trovavano a fronteggiare i Denver Nuggets ed il suo leader ‘Melo’ Anthony. Non sono mancati i colpi di scena.


Miami Heat - Boston Celtics 107-112
Round 2 tra le due favorite della Eastern Conference, e se possibile i Celtics giocano una partita ancora più perfetta rispetto al debutto del 26 Ottobre. La palla gira vertiginosamente, i cinque uomini con la casacca verde si cercano e si trovano, insegnando alle stelle di Miami cosa voglia dire "gioco di squadra". Il primo tempo si chiude con un netto +15, figlio di una selezione di tiri impressionante (siamo oltre il 60% dal campo) e di un Ray Allen che porterà a casa una prestazione da 35 punti con 7/9 da tre. Nella ripresa salgono le percentuali degli Heat, fino al 68%, ma non basta perché Boston non si fa prendere dalla frenesia e riesce a gestire sapientemente una vantaggio che intanto ha toccato le 20 lunghezze. Gli Heat riescono a spuntarla al rimbalzo (37-35) ma sia al tiro (56% da tre per i Verdi) sia alla voce "assist" i Celtics sono padroni, dando per 48 minuti il proprio imprinting alla tanto attesa sfida - atto 2°. Lebron James e Haslem i migliori tra i padroni di casa. Il primo sfiora la tripla doppia con 35 punti, 10 rimbalzi e 9 assist. Il secondo invece ne piazza 21 con un 9/10 dal campo lodevole. Wade in ombra pare quasi controproducente. Tra i Celtics molti i protagonisti (se mettiamo da parte l'Mvp Ray Allen): si può andare da Paul Pierce ed i suoi 25 punti, oppure da Garnett che firma una doppia doppia da 16 punti e 13 rimbalzi. Oppure possiamo andare dalla coppia play Nate/Rondo. Rajon Rondo tocca i 16 assist, mentre Robinson serve con estrema facilità 12 punti in 11 minuti di gioco. Insomma Celtics in cattedra, e con un 2-0 nella miniserie stagionale abbastanza netto, il che non è male anche in vista dei rientri di Delonte & Perk! Nota finale... Davis sta diventando un maestro nell'arte del "charge", guida l'Nba con 15 sfondamenti subiti, questo per dire come anche le piccole cose, i piccoli particolari, rendano grande un gruppo.

Chicago Bulls - Golden State Warriors 120-90
Senza storia, ai Bulls sono bastati I primi due quarti per indirizzare nel modo giusto la partita. Merito di Tom Thibodeau, merito di Derrick Rose (22 punti, 13 assist) e Luol Deng (26 punti, 11 rimbalzi); come è anche innegabile che la partita di NY e la perdita di Lee abbiano condizionato e non poco il gioco dei Warriors. 34-20, 32-18 i quarti in questione citati in precedenza, con i Bulls in grado di stritolare nel ritmo, e grazie alla difesa, il sistema offensivo ed in confusione dei GSW. Ellis con 24 punti, e Curry con 17, si fermano alle statistiche, mentre i tori di Chicago badano alla sostanza scollinando a quota 120 punti in quattro quarti. Questi Bulls mettono paura. L’Est è avvisato.

Denver Nuggets - LA Lakers 118-112
Prima sconfitta stagionale per i Lakers di Bryant & Co. ‘Melo’ è il carnefice, alla guida di una Denver convincente, che doveva farsi perdonare dal proprio pubblico dopo la bruttissima L in casa dei Pacers. Lakers & Denver a contatto per lunghi tratti del match, parziali a ripetizione, e prove individuali degne di nota. La beffa è più dei Lakers però se proprio vogliamo scendere in profondità, visto che i giallo-viola chiudono avanti per 3 quarti su 4, ed in ognuno di questi parziali veniva recitato il controllo LA sulla partita. +2 primo quarto, +3 secondo, +3 terzo. +8 ad inizio quarta frazione. Beffa anche per come ‘Melo’ è riuscito a scrollarsi di dosso i fantasmi delle ultime infelici uscite. Per il giovane campione sono 32 i punti + 13 rimbalzi, mentre i Nuggets si appropriano di forza dell’ultimo quarto scavando un solco di 14 punti tra loro ed i giocatori allenati da coach Zen. Bryant forza e non poco, tira 32 volte, mette a referto 34 punti in 41 minuti di gioco, e nel momento del bisogno non osserva il movimento di certi suoi compagni. Gasol con 17 punti e 20 rimbalzi prova a dare il contributo che i Lakers cercano, ma l’aiuto è vano, soprattutto per la scarsa precisione al tiro. Doppia cifra anche per Brown (19 punti), Nenè (18 punti) & Billups (15 punti, 4 assist) in ripresa dopo le brutte prestazioni viste contro Bulls e Pacers e decisivo nei possessi finali, con alcuni liberi dal peso specifico nei secondi conclusivi. Tra i protagonisti da segnalare anche Ty Lawson (17 punti) e JR Smith che con i suoi 13 punti risulterà decisivo (come Billups) nelle azioni concitate degli ultimi 5 minuti.

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]