Mercoledì, 21 Settembre 2011 14:02

Inter in caduta libera, 3-1 contro il neo promosso Novara. Addio Gasp!

Scritto da

ROMA - Ore 12.30, ormai il gioco è finito. La separazione tra Gasperini e l’Inter è un atto dovuto da parte del presidente Moratti. Non si vedeva un inizio di stagione così da quasi 30 anni.

Quattro sconfitte e un pareggio per 0-0, questo il bottino realizzato dal tecnico di Grugliasco. Veramente troppo poco, anzi, quasi zero visto il blasone dell’Internazionale. Un ringraziamento a “Gian Piero Gasperini per l'impegno dimostrato nello svolgimento dell'incarico, manifestando il proprio rammarico per l'interruzione del rapporto tecnico” è quanto si legge sul sito ufficiale inter.it.
Non sarà comunque tutta colpa sua. Chi ha visto la partita ieri sera (a proposito, bravissimo il Novara di Tesser, davvero complimenti!) avrà potuto notare l’inconsistenza di gran parte dei giocatori nerazzurri, sia dal punto di vista fisico sia sotto quello prettamente tecnico e delle idee. Se un calciatore perde spesso palla perché sbaglia uno stop o un passaggio non è certo colpa dell’allenatore.
È più facile cambiare un uomo, il mister, che una squadra intera. Comunque bisognerà rifondare un gruppo, questo è un fatto assodato; e per il momento, almeno, bisognerà farlo sotto l’aspetto psicologico. Il tempo c’è ma la bacchetta magica non ce l’ha proprio nessuno, anche se all’Inter si è abituati a vedere veramente di tutto.

Paolo Natale

Giornalista pubblicista

Collaboratore per Book Moda Magazine

Collaboratore per Top Time Magazine

Dottore in Scienze della Comunicazione

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]