Domenica, 21 Novembre 2010 17:52

Basket Nba. Rudy Gay fredda Miami, gli Spurs centrano l’11° vittoria

Scritto da

Meritata copertina della giornata, introduttiva, ai Grizzlies che per la quinta volta in stagione fermano i decantati Heat di Lebron James, Chris Bosh & Wade (stanotte assente).

Eroe della partita è Rudy Gay, suo il buzzer sulla sirena che regala la W ai tifosi di Memphis. Nelle altre partite invece i risultati sulla carta preventivabili, vengono rispettati, ad eccezione della nuova vittoria esterna targata Oklahoma.

Indiana Pacers - Orlando Magic 86-90
Risultato altalenante, vantaggi che si alternano senza sosta. Pacers in vantaggio nel primo tempo, Magic con Howard (25 punti, 12 rimbalzi) imperiosi nel terzo quarto, con indiana in grande difficoltà a rimbalzo. quarto finale in volata con i Pacers che prima si rifanno sotto da -10, e poi buttano al vento il successo vanificando una tripla pazzesca di Posey; tripla del provvisorio vantaggio Pacers a 40 secondi dalla sirena. Orlando però la spunta con un guizzo di Nelson (11 punti), che con un gioco da tre punti annulla gli sforzi dei padroni di casa. Non è bastato Hibbert con 19 punti e 10 rimbalzi (bravo a tenere testa a D12 nel primo tempo), né l’ausilio di Rush (14 punti) e Ford (10 punti)… i liberi di Carter del +4 spengono i riflettori, e la gente delusa abbandona la Conseco Fieldhouse, di indianapolis.

Memphis Grizzlies - Miami Heat 97-95
Miami Heat strani ed imperfetti senza Wade; un Bosh più sicuro di sé in attacco (20 punti, 10 rimbalzi), ma ancora parecchio indietro nelle letture difensive; un Lebron più padrone della squadra (29 punti, 11 assist), più a suo agio, ma non per questo decisivo in stile Cleveland Cavaliers Time. A Memphis è battaglia, con due squadre pronte a sfidarsi a viso aperto. I Grizzlies nel primo quarto giocano senza commettere un errore, difendono bene gli spazi, e chiudono l’area alle incursioni degli Heat, toccando i 9 punti di vantaggio. Miami rientra il prima possibile sospinta dalle triple di Eddie House (20 punti con 6/9 da tre) e dal carisma di Lebron. Come ad Indiana i vantaggi si alternano continuamente. Quando Miami sembra avere in pugno il controllo della partita, mini parziale di Memphis ad interrompere il tutto, e viceversa. Si arriva nel quarto periodo in piena estasi da playoffs. Nessuno ha intenzione di mollare. Zach Randolph, Mvp assoluto con 21 punti e 13 rimbalzi, recita il ruolo del primo attore: rimbalzi (voce dove Memphis finirà per distruggere gli Heat per 47 a 32), stoppate lebroniane, compresa proprio una sul Prescelto, & tiri inventati dal nulla a segno. L’atmosfera è calda. + 5 Memphis ad 1 minuto dalla conclusione. Tripla Bosh, contropiede Lebron… pareggio. E’ in questo istante però, quando l’overtime sembra cosa fatta, che Memphis sfruttando a pieno l’errore in panchina di Coach Spo (Miami aveva un altro fallo a disposizione da spendere) va a vincere la partita con un Buzzer a fil di sirena di Rudy Gay, portato in trionfo (per lui sono 15 i punti +8 rimbalzi). Un tiro che fa male a Miami, un tiro che deve far riflettere.

Atlanta Hawks - Dallas Mavericks 93-98
Atlanta non sa più vincere in casa. Dallas, che veniva da 2 L in fila, ne approfitta mettendo in mostra il meglio di sé, tra corsa in transizione e schemi offensivi fluidi quando la palla finisce dentro la retina. Shawn Marion mette in crisi la difesa Hawks, è ovunque, un rebus irrisolvibile, per lui doppia doppia da 12 punti e 10 rimbalzi. I soliti Smith (21 punti, 6 assit) & Horford (20 punti, 20 rimbalzi) le provano tutte ; si pesca pure il jolly dalla panca (Jo. Crawford, rookie preso nel draft 2010, che mette in mostra il suo talento offensivo con 10 punti e 4/6 dal campo) ma il risultato non cambia. Dallas con merito, e rischiando la rimonta nel finale, sbanca Atlanta. Tiro da fuori (46%), Nowitzki (21 punti) e panchina (vedi sopra Marion, oltre che un Terry da 15 punti) gli ingredienti del successo.

San Antonio Spurs - Cleveland Cavs  116-92
Spurs che non hanno nessuna intenzione di fermarsi. Record di 11-1, e tassametro che continua a correre.  32 assist di squadra per San Antonio, 6 uomini in doppia cifra, 48% da tre punti, minutaggi bassi per lo starting five. Il festival della pallacanestro. Parker luccicante con 19 punti e 9 assist; bene Splitter con 18 punti +5 rimbalzi. Dall’altra parte torna di moda il nome di Mo Williams, tartassato quest’anno dagli infortuni. Nella sconfitta, per il play dei Cavs, ci sono 21 punti, 6 assist e 3 rimbalzi.

Portland Blazers - Utah Jazz 94-103
Portland con la testa avanti per oltre 30 minuti, grazie al quartetto Matthews (16 punti), Aldridge, Batum (14 punti), Miller (15 punti, 9 assist)  poi la evidente mancanza di un leader come Roy si fa sentire. I Jazz entrano in modalità da trasferta, e nell’ultimo quarto (38-20 di parziale) spezzano la difesa avversaria fin lì perfetta. La panchina di Utah fa un ottimo lavoro, da tre Miles (25 punti) è devastante, e Al Jefferson completa il lavoro con una prova di sostanza sotto i tabelloni, per lui infatti ci sono 20 punti e 14 rimbalzi. Doppia doppia da 12 punti +11 assist per Deron Williams, doppia doppia inutile anche dall’altra parte a firma LaMarcus Aldridge con 24 punti e 11 rimbalzi.

LA Clippers – New York Knicks 115-124
Qualcosa si smuove in casa Knicks, dopo tante L… seconda W in serie. A farne le spese sono i Clippers, fanalino di coda della Western Conference. Impressionanti Stoudemire & Gallinari. Il primo scrive una prova da 39 punti, 11 rimbalzi e 14/24 dal campo. Per il Gallo italiano 31 punti a referto con 4/6 dalla lunga distanza. Da tre NY non perdona, 45% la percentuale, 3 triple per Felton, e 4 per Douglas. LA Clippers giunti alla 13 sconfitta, possono consolarsi come al solito con Eric Gordon (25 punti) e soprattutto con Blake Griffin (il rookie difatti piazza la sua prima vera grande prova nella Lega… roba da stropicciarsi gli occhi: 44 punti, 15 rimbalzi, 7 assist e 14/24 dal campo. Offensivamente devastante). Consolazioni però che in 14 partite non sono valse nemmeno 2 vittorie. Dato preoccupante.
Altri risultati della notte: Dopo Boston altra vittoria in trasferta per Oklahoma che espugna per 82 a 81 il campo dei Milwaukee Bucks. Torna alla W Denver, tra le mura amiche regolati infatti i New Jersey Nets per 107-103. A chiudere il cerchio la W interna dei Bobcats per 123-105, ai danni dei Phoenix Suns; Suns poveri di idee, e orfani di Steve Nash nelle ultime due uscite.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]azebaonews.it