Menu
Siria. Ad Aleppo un genocidio di bambini

Siria. Ad Aleppo un genocidio di bambini

DAMASCO - Era da tempo che le organizzazioni umanitarie denunciavano...

Sala Umberto. “Parole parole parole”, deliziosa commedia sull’interiorità

Sala Umberto. “Parole parole parole”, deliziosa commedia sull’interiorità

ROMA - Laura (la brava Carlotta Proietti) e Valerio (altrettanto...

Darfur. Stupri e uccisioni di massa commessi da militari

Darfur. Stupri e uccisioni di massa commessi da militari

KARTHOUM - Oltre 200 persone, tra cui decine di bambini, sono...

Siria: Mosca, terroristi preparano provocazioni con armi chimiche

Siria: Mosca, terroristi preparano provocazioni con armi chimiche

MOSC - "I terroristi stanno preparando attacchi provocatori con armi...

Opec. Taglio produzione greggio. Prezzo al barile invariato

Opec. Taglio produzione greggio. Prezzo al barile invariato

ROMA - Petrolio stabilmente sopra quota 48,50 dollari al barile,...

Perchè boh. Guida comica allo sfruttamento della Costituzione

Perchè boh. Guida comica allo sfruttamento della Costituzione

Di Enrico Bertolini e Luca Bottura. Al Teatro Brancaccio di...

Siria. Aleppo, un genocidio. A rischio rottura con la Russia

Siria. Aleppo, un genocidio. A rischio rottura con la Russia

DAMASCO - Oltre 600mila cittadini siriani rischiano un vero e...

Israele. E’ morto Shimon Peres, un uomo di pace

Israele. E’ morto Shimon Peres, un uomo di pace

TEL AVIV - L'ex presidente israeliano e premio nobel per...

“Cafè Society”:  la stampa applaude un esilarante Woody

“Cafè Society”: la stampa applaude un esilarante Woody

Che la stampa applauda un’anteprima è un evento raro, ma...

Autogol di Renzi: vuole far ripartire il Ponte sullo Stretto

Autogol di Renzi: vuole far ripartire il Ponte sullo Stretto

Codacons: Scherzo di Carnevale in largo anticipo

Prev Next

Move Week: lezione gratuita di Capoeira con Cordão de Ouro Professor Thiago

Move Week: lezione gratuita di Capoeira con Cordão de Ouro Professor Thiago

ROMA - Dal 23 al 29 maggio, settimana di mobilitazione dedicata alla promozione dello sport per tutti e di stili di vita attivi. Il FlashMove di inaugurazione, quest’anno si svolgerà nella data di apertura della campagna, lunedì 23 maggio, in una versione tutta italiana. La versione europea del FlashMove si svolgerà invece a settembre, ad inaugurare la EWOS, neo istituita Settimana europea del movimento (EWOS). 

Come ogni anno, anche nel 2016 verrà proposta l’iniziativa “Una scala al giorno”, nata da un’idea Uisp e ANCI. L’iniziativa prevede la chiusura degli ascensori negli uffici pubblici, rispettando l’accessibilità per i disabili, invitando tutti i dipendenti e gli utenti ad “attivarsi” per almeno un giorno, ricordando che anche un semplice gesto quotidiano come salire le scale a piedi può contribuire al raggiungimento del benessere fisico. Quest’anno “Una scala al giorno” è prevista per giovedì 26 maggio.

Per diventare MOVE Agent registrati sul sito italy.moveweek.eu e contatta il coordinamento italiano all’indirizzo  HYPERLINK "mailto:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Lasciando i tuoi dati, potrai ricevere i materiali di visibilità (fino ad esaurimento scorte) per realizzare il tuo evento per la Move Week 2016: magliette per lo staff, striscioni, gadget per i partecipanti. 

Ecco alcuni degli eventi a Roma:

Giovedì mattina 12 maggio dalle ore 10.00 presso SSML San Domenico Via Casilina, 233 00176 Roma web:  HYPERLINK "http://www.ssmlsandomenico.it" www.ssmlsandomenico.it è avvenuta la presentazione della Move Week e di alcuni eventi, agli studenti del 1° e 3° anno. Sono stati presentati alcuni libri di psicologia dello sport quali “O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia, “Psicologia dello sport e non solo” e “Ultramaratoneta: un’analisi interminabile”. 

Mercoledì 25 maggio dalle ore 20.00 alle 21.30 Lezione gratuita di Capoeira con Cordão de Ouro Professor Thiago presso il Laboratorio Permanente di Arte Circonvallazione Casilina 119a, Roma 00176. L’obiettivo dell’evento è proporre una lezione gratuita di Capoeira che è primariamente attività fisica, esercizio fisico, sport, benessere, prevenzione. 

La capoiera nacque in Brasile da schiavi di origine Bantu provenienti dall’Angola che si esercitavano tra di loro a combattere mentre erano reclusi in celle molto basse.

La posizione “GINGA”

Senza ginga non esiste la capoeira, dalla ginga nascono tutti i movimenti della capoeira, sia i movimenti di attacco che di difesa, la ginga è tutto nella capoeira, serve per studiare l’avversario, identificare la miglior opportunità per attaccare.

Nella capoeira, come dice Thiago, che tiene corsi a Roma, non c’è vincente o perdente ma c’è un gioco che consiste nello schivare, nell’evitare, nell’uscire dalle situazioni che appaiono difficili, così come succede nella vita reale dove c’è sempre una soluzione.

La Capoeira valorizza l’impegno/sforzo che ogni persona intraprende per apprendere quest’arte; valorizza più il processo che il risultato, poiché non si cerca la vittoria nel gioco della capoeira; è un incontro tra persone di diverse culture, ceto sociale; è un momento di narrazione attraverso la musica, i canti, e i battiti delle mani.

Gli strumenti della Capoeira

Capoeira non è solo giocare ma è anche suonare, cantare, conoscere la storia, educazione, insomma è un mondo che accomuna, sostiene, contiene, accudisce, per alcuni può essere considerato un posto sicuro, un rifugio.

Gli strumenti sono il berimbau (arco musicale) che è uno strumento che comanda il gioco, nel berimbau c’è l’anima, lo spirito della capoeira, inoltre possono essere presenti altri strumenti quali il l’atabaque (un tipo di tamburo), il pandeiro (tamburello a sonagli), l’agogo (campane di legno o metallo), il reco-reco (una sorta di "raspa" di legno), il  HYPERLINK "http://it.wikipedia.org/wiki/Caxixi" \o "Caxixi" Caxixi (strumento idiofono di origine africana). Con il berimbau, tramite un ritmo specifico, si può formare la roda, iniziare il gioco, far uscire dalla roda, interrompere il gioco e terminare la roda. Per questa ragione si dice che il berimbau comanda la roda.

Ci si dispone in un cerchio, due persone decidono di giocare disponendosi accovacciati davanti al berimbau e si parte per il gioco, che comprende l’osservazione dell’altro, l’ascolto del ritmo del berimbau, l’ascolto delle sensazioni del proprio corpo e dell’energia dell’intero gruppo. Non si tratta di un’arte marziale aggressiva, ma più che altro dimostrativa: si cerca di evitare di colpire con forza, potenza e aggressività.

L’osservazione è importante nella capoeira per tutti i componenti della RODA. I due che giocano devono osservarsi a vicenda per conoscersi e capire come giocare, come domandare, come rispondere, devono seguire il rito, le eventuali indicazioni del berimbau.

Il Batizado

L’allievo di capoeira dopo circa 6 mesi/1 anno di apprendimento può partecipare al “Batizado” dove fa un esame su quello che ha appreso, gli viene dato l’appellido, cioè un soprannome, questa usanza deriva dal fatto che essendo proibita per tanto tempo i capoeristi si riconoscevano attraverso soprannomi per non essere identificati; il Batizado comprende il gioco nella RODA dell’allievo con un graduato che gli fa da padrino che, come vuole la tradizione, cercherà di farlo cascare ini modo che possa apprendere che l’importante è potersi rialzare sempre e che non si finisce mai di imparare, questo è un concetto simile alla resilienza, cioè si può uscire dalle situazioni difficili più forti di prima.

Il batizado è un occasione per accogliere altri, per fare comunità, per confrontarsi con gli altri, per STARE BENE, per legarsi agli altri, per condividere, per apprendere altre modalità di stare al mondo in un clima di accoglienza e condivisione.

L'abbigliamento della capoeira è caratterizzato da dei pantaloni chiamati abadà (favoriscono i movimenti del capoeirista); nella Capoeira Angola i colori predominanti sono il   bianco (tradizionale), il nero e il  giallo, nella Capoeira Regional, invece, il colore predominante è il bianco, in ricordo degli abiti da festa della domenica.

La capoeira non si fa solo nella propria scuola ma anche durante gli eventi e negli spazi aperti. Come dice Thiago: “La capoeira non è dentro la palestra ma è fuori”.

 

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208