Martedì, 25 Ottobre 2016 12:03

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico Featured

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un interesse a continuare ad uccidere le balene a scopi di lucro»

Il timore che, a due anni appena dalla votazione del 2014, venisse ripetuto il “no” all’istituzione di un santuario in cui le balene possano vivere e riprodursi senza timore di essere sanguinosamente cacciate e uccise, si è rivelato esatto.

In Slovenia gli 80 Paesi della Commissione Baleniera Internazionale (IWC) riuniti per discutere il futuro di questi straordinari mammiferi che Islanda, Norvegia e Giappone continuano a sterminare nonostante la moratoria che vieta la caccia commerciale dal 1986  (tra gli escamotage utilizzati anche la cattura e l’uccisione per presunti motivi “scientifici”) hanno infatti appena votato “no” alla creazione del santuario che sarebbe dovuto sorgere nell’Atlantico del Sud.

La proposta di creare un’area protetta, che arrivava dai governi di Argentina, Brasile, Gabon, Sud Africa e Uruguay, in cui sarebbe stata vietata qualsiasi tipo di caccia commerciale di cetacei e che quindi sarebbe diventata anche per la riproduzione delle balene un enorme paradiso esteso dalle coste orientali dell’Uruguay, Brasile e Argentina verso l’Africa Occidentale, è infatti fallita. Con 38 votanti a favore e 24 contrari non si è infatti raggiunto il 75% dei voti necessari per l’approvazione della mozione. 

«È un’enorme delusione – ha commentato dalla Slovenia la vice presidente dell’associazione animalista Humane Society International  Kitty Block – hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un interesse a continuare ad uccidere le balene a scopi di lucro. Ma il santuario era necessario non soltanto come misura contro la caccia, ma anche per contrastare la morte dei cetacei per l’inquinamento marino, per lesioni da collisione e aggrovigliamento nella plastica e nelle reti da pesca destinate ad altri animali. È dal 2001 che gli stati che si affacciano sull’Atlantico stanno sostenendo la creazione di questo santuario e non c’è nessun valido motivo per bocciare la proposta se non il dispetto e l’opposizione al programma di conservazione dei Paesi di questa regione. Hanno perso le balene ma hanno perso anche le comunità locali che avrebbero potuto guadagnare moltissimo dal boom dell’ecoturismo». 

Last modified on Martedì, 25 Ottobre 2016 13:46

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]