C.Alessandro Mauceri

C.Alessandro Mauceri

Giovedì, 17 Novembre 2016 19:03

La strage delle sigarette

“Il fumo di tabacco rappresenta la seconda causa di morte nel mondo e la principale causa di morte evitabile”. “L’abitudine al fumo (tabagismo) rappresenta uno dei più grandi problemi di sanità pubblica a livello mondiale ed è uno dei maggiori fattori di rischio nello sviluppo di patologie neoplastiche, cardiovascolari e respiratorie”.  A pronunciare queste parole non è una delle solite associazioni che da decenni lottano strenuamente contro il tabagismo. A parlare del fumo come di una delle principali cause di morte è il Ministero della Salute!

In Uganda il governo ha ordinato la chiusura di scuole elementari e asili per oltre 12mila bambini

Nel 2000 i leader mondiali  fissarono alcuni obiettivi da raggiungere entro il triennio successivo.

ROMA - Interessante discorso tenuto da Papa Francesco al Terzo incontro dei movimenti popolari che si è tenuto in Vaticano. Davanti a un folto pubblico in rappresentanza di decine e decine di movimenti e organizzazioni popolari provenienti da tutto il mondo, papa Bergoglio ha parlato, tra l’altro, di corruzione, di immigrazione, di diritto al lavoro e di…. banche. 

Sabato, 05 Novembre 2016 17:56

Africa. Inquinamento a quattro ruote

L’inquinamento prodotto dai trasporti è e rimane uno dei maggiori problemi a livello globale. A fronte di una crescita percentuale notevole di veicoli a emissioni ridotte, come i veicoli elettrici (che, è bene ricordarlo, NON sono a emissioni zero, come pure qualcuno si ostina a dire), la quantità di sostanze nocive per la salute emesse dai mezzi di trasporto continua ad aumentare. 

Dopo la visita del premier Renzi negli USA, tutti i media hanno parlato dei complimenti che i due leader (a pochi giorni uno dal trasloco dalla Casa Bianca, l’altro in attesa dei risultati del Referendum costituzionale) si sono scambiati.

Mentre in molti paesi (inclusi Stati Uniti d’America e Giappone) è ancora aperto il dibattito sulla pena di morte, dall’Africa arriva una buona notizia: il presidente del Kenia, Uhuru Kenyatta, ha commutato tutte le condanne a morte in attesa d’esecuzione in pene detentive a vita, applicando il “potere della misericordia” previsto dall'articolo 133 della Costituzione vigente nel paese (anche se va detto che da diversi decenni non venivano eseguite condanne a morte).

Fino a qualche anno fa, prima di andare a visitare un sito o un paese, il turista si documentava leggendo libri, sfogliando i depliant e guardando le immagini dei tour operetor. Oggi, in un mondo sempre più “selfie” e multimediale, questi sistemi sono diventati anacronistici e obsoleti. 

I due contendenti alla presidenza degli Stati Uniti d’America si sono incontrati in TV per la terza (ed ultima) volta. Duro, come sempre, lo scontro ma basato, più che su programmi e proposte, su attacchi personali, fatti presunti e indiscrezioni per screditare l’avversario agli occhi degli elettori. 

Martedì, 18 Ottobre 2016 13:55

Tubercolosi, un allarme sottovalutato

ROMA - Sono stati resi noti i risultati del rapporto sulla TBC, la tubercolosi, curato dall’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità. La tubercolosi è una malattia batterica antica e mortale che colpisce più comunemente i polmoni.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077