Beniamino Conforti

Beniamino Conforti

ROMA - Tratto da una storia vera. Nella New York del 1840 Solomon Northup è un uomo libero e felice. Ha una splendida famiglia e una passione per la musica che pare possa tramutarsi in un’ opportunità di successo. Tuttavia ha la pelle di colore scuro, una peculiarità che porta con sé molti rischi. Alcuni personaggi ambigui approfittano della sua genuina semplicità e lo fanno precipitare velocemente in un incubo. Solomon si ritrova incatenato e viene venduto come schiavo a ricchi proprietari terrieri del sud. Lo aspetta una lunga odissea, segnata da sofferenze fisiche e psicologiche al limite delle possibilità di sopportazione umana.  

Il film di Steve McQueen è una discesa agli inferi di particolare forza emotiva ed espressiva. Le immagini rendono espliciti i concetti con particolare efficacia. La drammatica rappresentazione di una fustigazione che lacera la pelle mostra il potere arbitrario dell’ uomo sull’ uomo. Vedere Solomon che si contorce nel tentativo di sfuggire alla costrizione delle catene ci ricorda il valore fondamentale della libertà, e stiamo parlando della semplice libertà di movimento. Quando viene venduto come schiavo entra poi in un microcosmo in cui la dignità umana non ha cittadinanza e ciascuno vale soltanto in base a quanto riesce a produrre per gli altri. Solomon è stato spogliato della sua identità ed è divenuto una semplice merce. Nella scena più drammatica del film (valutazione assolutamente personale) è costretto a bruciare una lettera e a rinnegare se stesso. Per rimanere a galla in questa realtà bisogna diventare chi i padroni vogliono che tu sia. Solomon tuttavia non si identifica mai con questa condizione. Intimamente continua ad essere un uomo libero, capace di pensiero autonomo, in grado in ogni circostanza di difendere il proprio valore di essere umano. La seconda parte del film vive del potente contrasto fra la forza silenziosa e pacata di Solomon e la debolezza rumorosa del suo aguzzino Edwin Epps. Edwin, interpretato da Michael Fassbender, esibisce la sua feroce follia per nascondere una fragilità che si delinea progressivamente con precisione. E’ libero in superficie, schiavo ad un livello profondo. L’esatto contrario di Solomon. La forza dell’opera è data proprio dalla vividezza dei personaggi che riesce a creare. Il contributo decisivo è fornito dagli attori: Chiwetel Ejiofor è fantastico per il 90% del film (un po’ stucchevole nel finale?), Michael Fassbender si conferma fra i migliori attori del mondo, Lupita Nyong’ O è il volto e il corpo della sofferenza più dura, Brad Pitt è un meraviglioso rivoluzionario senza luci della ribalta. Steve McQueen usa la spada e il fioretto alternando immagini dure come il diamante ad inquadrature che hanno l’ eleganza di una danza. Può permettersi un passo lento perché l’intensità cattura l’attenzione dello spettatore per l’intera durata del film. L’opera è espressione di un’ arte cinematografica che, come il suo protagonista, vuole vivere, non sopravvivere. E’ il cinema da gustare al cinema, nonostante le stupide locandine italiane riescano perfino a rinnegare l’essenza del film.

 

 

 

REGIA: Steve McQueen

ATTORI: Chiwetel Ejiofor, Michael Fassbender, Benedict Cumberbatch, Lupita Nyong’ O, Brad Pitt

 SCEGGIATURA: John Ridley 

FOTOGRAFIA: Sean Bobbitt

 PRODUZIONE: USA

GENERE: Drammatico, Biografico

 DURATA: 133 minuti

USCITA NELLA SALE: 20 Febbraio

 

12 anni schiavo - Trailer

 

ROMA - Dopo il successo estivo in terra abruzzese lo spettacolo, scritto e diretto da Pier Francesco Pingitore, è andato in scena al teatro Ghione di Roma. L’ opera ci riporta ai primi giorni di settembre del 1943 e racconta della tormentata prigionia di Mussolini a Campo Imperatore, sul Gran Sasso. Sono giorni in cui si decide il futuro dell’asse con la Germania, le sorti dell’Italia ma anche il destino personale del duce. “Operazione quercia” è il nome dell’azione militare messa in atto dai tedeschi con l’obiettivo di liberarlo. 

TRAMA - Will ha sempre sognato di diventare un grande attore, ma attualmente è famoso perché dà vita ad un grande coniglio verde in uno spettacolo per bambini. Neppure la vita familiare a dire il vero gli regala grandi soddisfazioni.

ROMA - Walter Mitty ha una vita da impiegato ed un’ anima sognante. La distrazione è lo strumento prescelto per allontanarsi dalla calma della routine quotidiana.

ROMAMasha, Nadia e Katia sono tre attiviste russe del collettivo “Pussy Riot”. Hanno deciso che la vita “casa e chiesa” non deve necessariamente essere la massima ambizione possibile di chiunque, che le donne hanno una dignità con cui fare i conti, che rimanere in silenzio di fronte alla deriva conservatrice durante l’ ennesima presidenza Putin rappresenterebbe una piccola morte.

ROMA - Il racconto della relazione sentimentale fra il giovane ed affascinante Scott Thorson (Matt Damon) e la celebre star  Władziu Valentino Liberace (1919 - 1987, interpretato da Michael Douglas), abile pianista e formidabile intrattenitore di fama mondiale. 

ROMA - Tratto dalla pièce "Venus in Fur" di David Ives. Thomas è un autore teatrale e sta lavorando ad un adattamento basato sul romanzo erotico ottocentesco "Venere in pelliccia" di Leopold von Sacher-Masoch. Ha tuttavia un cruccio che lo esaspera: dopo aver fatto il provino a decine di aspiranti attrici non è riuscito a trovarne una all'altezza del ruolo di protagonista.

Un presidente degli Stati Uniti particolarmente spigliato recluta il ruvido Machete per mettere ordine lungo il confine messicano. Il sedicente rivoluzionario Mendez soffre di disturbo dissociativo dell'identità (il vecchio disturbo da personalità multipla) e sta dando i numeri.

ROMA - Lil e Roz sono grandi amiche, inseparabili fin dalla fanciullezza. Da grandi, nonostante entrambe siano mogli e madri, continuano a mantenere un rapporto saldissimo, tanto da destare in qualcuno il sospetto di un' attrazione reciproca che vada oltre l'amicizia.

La famiglia Blake si è da poco trasferita in una tranquilla cittadina della Normandia.  Non si tratta esattamente dei vicini di casa che chiunque vorrebbe avere. Fred Blake è in effetti un boss mafioso che, avendo deciso di collaborare con la giustizia, è stato inserito nel programma di protezione testimoni dell' FBI.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077