Paolo Natale

Paolo Natale

Giornalista pubblicista

Collaboratore per Book Moda Magazine

Collaboratore per Top Time Magazine

Dottore in Scienze della Comunicazione

Mercoledì, 15 Ottobre 2014 20:31

Calcio. Euro2016: Serbia-Albania, muore lo sport

 

ROMA - Il calcio si allontana sempre più dallo sport. Ancora una volta, si sono verificate scene di violenza all'esterno e all'interno di uno stadio ospite di un incontro di calcio. È avvenuto in Serbia allo stadio di Belgrado dove si affrontavano per la gara di qualificazione a Euro2016 Serbia e Albania. Incontro ad alto tasso di rischio, per tifoserie opposte soprattutto per motivi politici.

 

ROMA - L'Italia vince ma non convince. Solo 1-0 con Malta grazie al debuttante Pellè. 


Dopo la deludente prestazione contro l'Azerbaijan, qualche dubbio sulla nostra Nazionale era affiorato ma l'incontro con i modestissimi maltesi poteva essere l'occasione per rilanciarsi immediatamente. Nonostante i tre pali colpiti - rispettivamente da Pellè, Chiellini e Giovinco - gli azzurri sono riusciti a passare grazie alla sola rete realizzata dall'esordiente attaccante del Southampton che prima del gol, aveva appunto colpito la traversa su colpo di testa. Buona la prima, quindi, per Pellè ma non si può dire altrettanto per il collettivo. Si salva Pasqual, che sulla corsia di sinistra ha spinto di più, fornendo cross dal quale è nato anche il vantaggio azzurro, rispetto al suo collega di fascia Candreva che sul lato destro è stato meno propositivo. Verratti, al momento, non è Pirlo ma crescerà. 

Le cose potevano anche peggiorare. Failla, al 15' del primo tempo, per poco non indovina l'angolo giusto dopo una disattenzione della nostra difesa. Poi il gol di Pellè e l'espulsione di Mifsud (eccessiva la decisione dell'arbitro che poteva sanzionare il fallo su Florenzi con il solo giallo) hanno dato serenità all'Italia che nel corso della gara non ha fatto poi più di tanto per approfittare della superiorità numerica. Superiorità che si è ristabilita alla mezz'ora della ripresa quando Bonucci è stao espulso dopo un fallo su Shembri lanciato a rete. 

Una serata storta, diciamo così, la seconda dopo quella con l'Azerbijan, ma i tre punti sono arrivati anche questa volta (Italia prima nel girone H a 9 punti insieme alla Croazia). Per rivedere l'Italia, quella per intenderci vista contro l'Olanda (in amichevole) e la Norvegia, servirà tempo ma i margini di miglioramento ci sono, come afferma lo stesso Conte. Certo è che fa riflettere il 6-0 rifilato dalla Croazia agli azeri. E il 16 novembre ci sarà proprio Italia-Croazia.

 

LA CLASSIFICA DEL GIRONE H

 

G

P.ti

 Croazia

   3

   9

 Italia

   3

   9

 Norvegia

   3

   6

 Bulgaria

   3

   3

 Azerbaigian

   3

   0

 Malta

   3

   0

 

ROMA - Questa sera l'Italia affronterà Malta per la gara di qualificazione ad Euro 2016. Alle 20:45 gli azzurri affronteranno allo stadio Ta' Qali gli isolani guidati dal ct italiano Pietro Ghedin.

MILANO - Domani 11 ottobre, Seamen e Vidas scenderanno in campo insieme per vincere la partita più difficile.

 

ROMA - Il dopo Juve-Roma porta con sè sempre polemiche e contestazioni. La vittoria dei bianconeri (3-2) non va giù al popolo romanista che trova nell'arbitro Rocchi il principale imputato.


Una serie di decisioni che scontentano i giallorossi convinti che le scelte dell'arbitro siano andate tutte in una sola direzione, quella bianconera.

GLI EPISODI CONTESTATI - Ecco allora il braccio di Maicon su punizione calciata da Pirlo, pochi centimetri fuori area, sì involontario, ma l'arbitro aveva tirato una striscia di schiuma dentro l'area, ecco forse l'errore di valutazione: mezzo passo avanti degli uomini che componevano la barriera e decisione falsata. Prima di questo episodio, però, Marchisio era stato toccato sul piede da Holebas nell'area piccola di rigore e qui il penalty forse c'era.

Poi l'abbraccio di Lichtsteiner su Totti, anche se se ne vedono centinaia durante una stagione, ma il rigore ci stava. E ancora un altro tiro dagli undici metri, sempre per la Juve: Pjanijc tocca il piede di Pogba all'altezza della linea bianca ma Rocchi indica il dischetto.

Il fantastico gol di Bonucci, con Vidal alle spalle dei difensori romanisti che limita la visuale del portiere giallorosso: fuorigioco attivo o passivo per l'arbitro? Sembrerebbe attivo ma Rocchi giudica il contrario e non fischia.

Insomma, tanti episodi al limite dall'essere concessi a favore o contro. Qui il problema è un altro: i tanti episodi del passato che continuano a far rivivere fantasmi e ad alimentare nuovi sospetti, offuscando il presente e il futuro con ombre ingombranti, anche quando non c'è motivo d'essere. E i fantasmi continuano ad aleggiare fino a farti distrarre, fino a farti dimenticare che sia Pjanijc che Gervinho hanno avuto sul piede il pallone da buttare in rete e che invece non sono riusciti a farlo.

Forse non ci sarà mai serenità tra queste due squadre e questo è un male per il calcio perchè ieri sera si poteva assistere a un grande spettacolo che si è visto solo a sprazzi. Alla fine, insomma, ci rimette sempre e solo il calcio.

I NUMERI - doppietta di Tevez (J), Totti (R), Iturbe (R), e Bonucci (J). Juve prima con 18 punti e Roma seconda a 15. Sette ammoniti, tre espulsi; due turni di squalifica a Manolas, una a Morata, multa per Garcia. 

 

ROMA - Dopo la parentesi europea, riprende il campionato di serie A con lo scontro al vertice tra le capoliste Juve e Roma. 


Dopo il brillante turno delle italiane in Europa League (tutte vittoriose) che ha fatto fare un balzo in avanti all'Italia nella classifica del ranking UEFA, riprende il nostro campionato con la sesta giornata.

LE STELLE SI ACCENDONO - Tutti i riflettori sono puntati sul big match di domenica, ore 18, allo Juventus Stadium dove si affronteranno le due squadre regine del campionato: i campioni in carica della Juventus e la Roma, già prima antagonista dei bianconeri lo scorso campionato e ora prima in classifica a far compagnia ai suoi prossimi avversari.

ANIMI DIFFERENTI - Entrambe a punteggio pieno, vengono però da due esperienze europee completamente opposte: la Roma ha infatti il morale alle stelle dopo la brillantissima prova fuori casa contro il Manchester City (1-1) mentre la Juventus si lecca le ferite dopo l'irritante sconfitta subita al Vicente Calderon dall'Atletico di Madrid.

Due condizioni psicologiche diverse che potrebbero far scatenare motivazioni inverse. Da una parte, la Roma, potrebbe crogiolarsi per la splendida prestazione fornita in coppa e arrivare allo scontro diretto meno pimpante, con meno senso di rivalsa.

Dall'altra, la Juve, potrebbe ritrovare il suo orgoglio e riscattarsi subito contro i giallorossi. Ma il calcio è strano, e non è così facile fare pronostici e quanto appena esposto potrebbe essere ribaltato completamente. Tutti gli addetti ai lavori, ovviamente tifosi compresi, si aspettano una gran bella partita, giocata a viso aperto e magari anche spettacolare. Totti, Gervinho, Tevez, Morata, quali saranno le stelle più splendenti?

GLI ANTICIPI - Quetsa sera la 6^ giornata del campionato di serie A si aprirà alle 18:00 con Verona-Cagliari e a seguire, alle 20:45, con Milan Chievo.

Domani, alle 12:00 Empoli-Palermo e poi le altre: Parma-Genoa, Udinese-Cesena, Smpdoria-Atalanta e Lazio-Sassuolo, con i posticipi delle 20:30 di Napoli-Torino e Fiorentina-Inter, altre due partite che daranno al campionato risposte più precise circa le reali ambizioni di Napoli Inter e Fiorentina per quanto concerne, almeno, la zona Champions.

ROMA - La Roma blocca il Manchester City sull' 1-1 e si porta al secondo posto a 4 punti, dietro al Bayern Monaco.

 

ROMA - La Samp vince il derby e sale al terzo posto mentre Roma e Juve non mollano un punto, vincono entrambe e rimangono appaiate in vetta alla classifica.

ROMA - Oggi il capitano della Roma festeggia i suoi 38 anni, autentica leggenda giallorossa.

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Opinioni

Morire come un insetto

La vita media nei paesi sviluppati si è allungata. Per quelli che vivono in Europa o negli Stati Uniti d’America o in Giappone, raggiungere la terza età e oltre è...

C.Alessandro Mauceri - avatar C.Alessandro Mauceri

Storia: Cinquant’anni fa l’offensiva del Tet

Nel gennaio del 1968 con l’attacco comunista al sud gli Usa capirono che la guerra in Vietnam non poteva essere vinta. “Il Vietnam è ancora dentro di noi. Ha creato dei...

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077