Amerigo Rivieccio

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

ROMA - Tanti i temi discussi al vertice bilaterale USA-UE che si è tenuto  a Bruxelles, tappa del viaggio  di Obama prima di mettere piede nel nostro Paese con sbarco all’aeroporto di Fiumicino.

ROMA - Il vertice UE a Bruxelles inizia tra battute ad effetto e sorrisetti. Un copione già visto fin troppe volte. Si sono viste stilettate sul piano del rispetto degli impegni conclusesi solo dopo un incontro tra Renzi e Barroso.

ROMA - L’ex funzionario del Fondo Monetario Internazionale divenuto sponsor di tagli a più non posso è  uno degli uomini più criticati degli ultimi giorni. Cottarelli è riuscito infatti, con le sue diapositive, a colpire, per ora solo in immagine, il portafogli del ceto medio per i contenuti delle proposte e la sensibilità di una normale persona riguardo  non solo alle proposte ma anche alle motivazioni assurde con le quali si giustificano i tagli. Nel suo mirino non solo i dipendenti pubblici, gli 85 mila esuberi. Nel mirino le vedove, i disabili, gli invalidi, perfino le poche pensioni per i superstiti di guerra. Però buttare sulle spalle del  solo commissario fa dimenticare che il premier è andato in pressing per reperire quei fondi che allo stato non ci sono e  servono  e che, in qualche modo, deve trovare per mantenere le promesse date. Ha detto  che Cottarelli ha presentato un elenco di proposte e che sarà il governo, lui, a decidere quale adottare e presentare al Parlamento.

Renzi non risponde alle richieste dei sindacati  per un urgente confronto 

Nessuna risposta, fino ad ora, alla pressante richiesta di un confronto che gli viene rivolta dalla parti sociali, dai sindacati. Eppure le reazioni dure che sono venute da ogni parte dovrebbe indurre ad aprire un confronto con chi rappresenta milioni di persone. Neppure dalle forze politiche che sostengono la maggioranza, il Pd in primo luogo è venuta una indicazione di apertura nei confronti delle forze sociali.

Le assurde motivazioni date dal commissario

Partiamo dalle motivazioni per cui  Cottarelli propone di tagliare le pensioni. “Una quota elevata delle pensioni- dice-viene risparmiata. Su quasi tutte le classi di reddito il risparmio delle famiglie con pensionati è più elevato delle altre”. E le somme risparmiate- sostiene Cottarelli non aiutano la crescita del Pil. Per cui le tagliamo. Nessuna riflessione arriva però in merito ai trasferimenti dei risparmi dalle nonne pensionate ai nipoti e figli disoccupati, trasferimenti che invece alimentano non solo il Pil ma anche figli e nipoti.

Applicando le stesse motivazioni per quanto riguarda il taglio degli stipendi ai dipendenti pubblici siamo nel campo nell’assurdo. Si tratta di un provvedimento uguale ed opposto a quello sulle pensioni. Da una parte tagli le pensioni tanto vanno a risparmio e quei soldi si possono invece  investire per far aumentare il Pil. Al tempo stesso tagli gli stipendi che invece vanno nel mercato, vengono spesi interamente e fanno aumentare il Pil.

Susanna Camusso: la vecchia logica dei tagli lineari. Bonanni: “sconcertato”

Da Bruxelles, dove partecipa al vertice dei sindacati europei alla vigilia del Consiglio europeo, il segretario generale della Cgil Susanna Camusso fa sapere che ritiene che i tagli di spesa come annunciati ieri rientrano "nella vecchia logica dei tagli lineari e della compressione della occupazione, con effetti che sarebbero immediati" e preluderebbero al "ritorno in una logica recessiva". Bonanni, segretario generale della Uil, si dice “ sconcertato”, “ basta con il massacro” e chiede al governo che si sieda al tavolo con i sindacati  

Daita (Cgil). Non ci si può accanire sui disabili

Per la responsabile dell'Ufficio politiche per la disabilità della Cgil Nazionale, Nina Daita, in merito  capitolo riguardantei l’invalidità afferma: "Bisogna smetterla di accanirsi contro la disabilità. La “svolta buona” che questo governo vuole rappresentare deve partire anche da qui, mettendo fine alla campagna di accanimento contro i disabili. Come tutti i governi che lo hanno preceduto anche questo non brilla per fantasia: ancora una volta si vuole partire dai più deboli e dalle solite battute sui falsi invalidi”.

La Daita sottoline poi come “andrebbe però chiarito, ancora una volta, che l'indennità di accompagnamento è legata all'invalidità e non alla povertà, ecco perché non è legata al reddito".  E chiede al governo  di cominciare dai più forti e ricordando all’esecutivo che  “la disabilità non è una colpa ma una sfortuna sulla quale nessun politico ha diritto di accanirsi.”

La Uil chiede come sono stati calcolati gli esuberi

Benedetto Attili, segretario generale della Uil Pa, commentando gli 85 mila esuberi nella Pa annunciati dal commissario per la spending review, riflette sul fatto che da una parte "c'è una nota della Funzione pubblica che dice che il lavoro svolto da Cottarelli è stato travisato” mentre dall’altra non è chiaro quali siano stati i procedimenti di calcolo con cui si è arrivati a queste cifre. Sollecita un incontro con il ministro Madia per ”vedere i numeri sui dipendenti in esubero e in base a quale criterio sono stati calcolati".  "Quel che chiediamo come sindacato -conclude - è avere informazioni preventive sui numeri e poter avviare un confronto”. 

Vendola. Cottarelli propone un “piano Grecia” 

Nichi Vendola, presidente di Sinistra ecologia libertà, parlando con i cronisti a Montecitorio,  ricorda che "anche noi avevamo accolto con simpatia un'opera di riparazione sociale nei confronti dei ceti medio-popolari, nei confronti di chi ha sofferto di più in questi anni della crisi. Ma questa opera rischia di finire rapidamente. Il piano Cottarelli potremmo battezzarlo 'Piano Grecia'". 

ROMA - Nell'ultimo trimestre del 2013 l'occupazione nell'Eurozona ha fatto segnare il primo dato positivo dalla metà del 2011 (+0,1 %), non Italia però dove l’occupazione continua a calare, meno 0,5 per cento.

ROMA - Da una parte il Parlamento europeo boccia la politica rigorista della troika, dall’altra la BCE boccia il mancato calo del deficit nel nostro Paese, in mezzo il nostro premier che dà un colpo al cerchio ed uno alla botte promettendo di rispettare gli impegni presi, di tagliare le tasse e di mettere a posto i conti ma non per l’Europa ma per i nostri figli.

ROMA - Da una parte il Parlamento europeo boccia la politica rigorista della troika, dall’altra la BCE boccia il mancato calo del deficit nel nostro Paese, in mezzo il nostro premier che dà un colpo al cerchio ed uno alla botte promettendo di rispettare gli impegni presi, di tagliare le tasse e di mettere a posto i conti ma non per l’Europa ma per i nostri figli.

ROMA - Fondi europei, compiti a casa e sindacati. Per Matteo Renzi l’esordio europeo e i rapporti con le forze sociali  sembrano non essere un invito a nozze. Anzi. All’esordio europeo aveva avanzato l’idea di utilizzare i Fondi strutturali per intervenire sul cuneo fiscale.

Picco del debito pubblico nel 2014

ROMA - Il rapporto pubblicato oggi a Bruxelles dalla Commissione europea rappresenta una solenne bocciatura per l’Italia. E’ uno dei tre paesi della area UE che presentano “squilibri macroeconomici eccessivi”.

Martedì, 04 Marzo 2014 18:58

Crisi. L’azienda Italia sta chiudendo

Accelera la chiusura delle aziende in Italia. Secondo il Cerved sono ben 111mila le ditte che hanno chiuso per sempre nel corso del 2013. In accelerazione del 7,3 per cento sul 2012. Una ecatombe di aziende dovuto alla accelerazione di tutte le cifre della crisi. Aumentano infatti sia le liquidazioni volontarie che i fallimenti e le procedure concorsuali non fallimentari.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077