Mercoledì, 22 Agosto 2012 19:40

La scuola costerà di più. Per ogni studente 995 euro

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Con l’avvicinarsi dell’apertura delle scuole, reiteriamo lo studio relativo ai costi del materiale scolastico e dei libri

ROMA - Anche se con largo anticipo, gli scaffali delle cartolerie e dei supermercati sono già pieni di zaini, astucci e articoli scolastici.
L’O.N.F. - Osservatorio Nazionale Federconsumatori, come ogni anno, ha monitorato il costo dei materiali scolastici, che registrano un aumento medio pari al 3,2% (vedi tabella in allegato).
La spesa per il corredo scolastico (più i “ricambi”) passerà da 461 Euro dello scorso anno ai 488 di quest’anno (+6%).
Ad aumentare in misura maggiore sono soprattutto i prezzi di zaini trolley, gli astucci pieni (dei cartoni e di marca). In lieve calo, invece, i costi degli astucci delle serie tv o delle squadre di calcio ed il prezzo dei quaderni piccoli, sempre meno utilizzati soprattutto alle elementari e alle medie.

Libri
Altra voce di spesa molto pesante per le famiglie è quella relativa ai libri di testo.
Quest’anno mediamente per i libri + 2 dizionari si spenderanno 507 € per ogni ragazzo, il +5% rispetto allo scorso anno.
Nel dettaglio:
uno studente di prima media spenderà mediamente per i libri di testo + 2 dizionari 452,00 € (il +4% rispetto al 2011).
A tali spese vanno aggiunti + 488,00 € per il corredo scolastico ed i ricambi durante l’intero anno, per un totale di 940,00 €.
Un ragazzo di 1 liceo spenderà per i libri di testo + 4 dizionari 745,00 € (il 2% in più rispetto allo scorso anno) + 488,00 € per il corredo scolastico ed i ricambi, per un totale di ben 1.233,00 €.

Una spesa che incide notevolmente sui bilanci delle famiglie, soprattutto in un momento di crisi come quello attuale.
Per questo chiediamo al Ministero e agli Enti Locali di potenziare le agevolazioni per l’acquisto dei libri destinate alle famiglie meno abbienti.
Inoltre è opportuno che il Ministero avvii severi controlli sullo sforamento dei tetti di spesa. A tale proposito invitiamo le famiglie a segnalarci, come ogni anno, il superamento di tali limiti.
È indispensabile adottare misure concrete che consentano alle famiglie di risparmiare:
- incentivando l’editoria elettronica (un dizionario online può costare anche 8 Euro!);
- rendendo disponibili in rete gli aggiornamenti per le nuove edizioni, senza obbligare l’alunno ad acquistare necessariamente un testo nuovo;
- ampliando i prestiti dei testi da parte delle scuole;
- disponendo seri controlli relativamente alle cosiddette “nuove edizioni”, che spesso non apportano modifiche sostanziali, ma sono funzionali solo a far acquistare agli alunni i testi nuovi.

 

Last modified on Mercoledì, 22 Agosto 2012 19:44

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]