Lunedì, 03 Giugno 2013 14:41

Nuova alga invasiva scoperta nel canale di Sicilia. Legambiente nel team internazionale

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Una nuova alga invasiva australiana, la Caulerpa disticophylla, è stata scoperta lungo le coste della Sicilia meridionale. L’individuazione è avvenuta anche grazie al Centro di Educazione Ambientale (CEA) Legambiente di Donnalucata, che ha fatto parte del team internazionale che ha condotto una complessa serie di analisi genetiche e morfologiche per l’identificazione dell’organismo vegetale.



Lo studio - dal titolo Identity and origin of a slender Caulerpa taxifolia strain introduced into the Mediterranean Sea (Identità e origine di una linea di Caulerpa taxifolia introdotta nel Mediterraneo) pubblicato nella rivista internazionale Botanica Marina - ha visto coinvolti, oltre ai biologi Davide Campo e Antonino Duchi del CEA Legambiente di Donnalucata, Gabriele Procaccini, Dorris N. Jongma, Emanuela Dattolo e Daniela D’Esposito della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli; Peter Grewe del Marine and Atmospheric Research, Hobart, Tasmania, Australia;  John Huisman della School of Biological Sciences and Biotechnology, Murdoch University, Australia; Marc Verlaque della Aix-Marseille University e Mehmet B. Yokes della Halic University di Istanbul.

“Abbiamo riscontrato quest’alga aliena, per la prima volta in Sicilia, nell’ambito delle attività del CEA - dichiara Antonino Duchi, presidente del Circolo Legambiente Il Carrubo di Ragusa e coordinatore del CEA - e coinvolto immediatamente la Stazione Zoologica. Da qui è partito il progetto di ricerca e  il percorso d’indagine internazionale”.

“Le indagini hanno evidenziato come l’alga sia diversa dalla Caulerpa taxifolia già segnalata in altre aree mediterranee - spiega Davide Campo, biologo del CEA Legambiente di Donnalucata - e corrisponda invece alla Caulerpa disticophylla australiana, probabilmente arrivata tramite le acque di sentina delle navi, come indica anche il suo riscontro in un’area della Turchia dove è presente un intenso traffico di petroliere”.

Lo studio conferma ancora una volta i cambiamenti biologici in corso nel nostro mare e quanto rischiose siano le attività di traffico navale, di cui il mediterraneo è ricco. L’effetto di questa nuova introduzione sull’ecologia degli ambienti del Canale di Sicilia è ancora ignoto, ed è l’oggetto di un’ulteriore ricerca finanziata dall’Assessorato alla Pesca della Regione Sicilia e commissionato ad ARPA Sicilia, ISPRA e CNR.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]