Lunedì, 09 Giugno 2014 12:16

Scoperte terme romane a Tor Vergata

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

Si tratta di un importante complesso risalente al I secolo dopo Cristo

ROMA –  La “Città Eterna” non finisce mai di stupirci per le sue meravigliose sorprese in fatto di scoperte archelogiche. Roma è una vera e propria città con un sottosuolo stratificato di millenni di storia, archeologia e architettura. Ecco l’ultima scoperta avvenuta nella zona sud-est della Capitale. Si tratta di un nuovo complesso termale con straordinari stucchi dipinti e affreschi figurati. E’ stato rinvenuto nell’area di Tor Vergata a Roma un complesso residenziale risalente al I secolo dopo Cristo con un impianto termale di almeno 500 metri quadrati. La scoperta è frutto di un’indagine preventiva condotta dalla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e iniziata nel giugno 2013. “I nove ambienti che sono stati delimitati - spiega Roberto Cereghino, direttore scientifico dello scavo - restituiscono un ricco apparato decorativo, con centinaia di frammenti provenienti da pavimentazioni musive e da stucchi dipinti e affreschi figurati. Tracce della decorazione pittorica si conservano anche sull’alzato a testimonianza di vani adornati dal celeste, dal blu, dal verde acqua, dal giallo, dal rosso e dal nero”. Ambienti termali - I primi due ambienti indagati sono caratterizzati da piccoli pilastri a base quadrata, le suspensurae (un piccolo pilastro a base quadrata utilizzato come sostegno del pavimento rialzo di ville o di edifici pubblici, ndr), e da un sistema di coibentazione delle pareti mediante tegulae mammatae (mattoni impiegati nella tecnica edilizia romana per l’opera laterizia, ndr). Elementi caratteristici degli ambienti destinati a essere riscaldati, costruiti con materiali adatti a diffondere il calore e a limitare la dispersione termica. Più che certa, dunque, la funzione termale del complesso, alimentato da una o più diramazioni di un’ampia cisterna sotterranea a bracci, effettivamente rinvenuta a breve distanza, sotto via Galvano della Volpe. Sei settimane di scavi - La campagna di scavo proseguirà quest’anno per 6 settimane con gli studenti dell’Università di Roma Tor Vergata. Sono 37 gli allievi, tra laureati e iscritti ai corsi di laurea triennale e specialistica in Beni Culturali e Archeologia, che si sono avvicendati in cantiere dal 12 maggio: individuata in poche settimane una migliore definizione planimetrica degli ambienti e acquisiti frammenti ceramici e architettonici utili per l’inquadramento cronologico del complesso termale, il cui apice si colloca entro la prima metà del I secolo dopo Cristo.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Laboratori scientifici in prima linea, l’importanza della ricerca e dello sviluppo 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]