Mercoledì, 23 Dicembre 2015 16:20

Giornalista giapponese rapito in Siria dai jihadisti, è in pericolo imminente Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

DAMASCO - Jumpei Yasuda, un giornalista freelance giapponese, è caduto ostaggio di un gruppo armato in Siria ed è in pericolo imminente.

L'ha raccontato Reporter senza frontiere (Rsf), che ha lanciato un appello affinché il governo di Tokyo ""faccia tutto il possibile"" per ottenerne il rilascio. I rapitori chiedono un riscatto.Secondo le informazioni raccolte da Rsf, Yasuda è stato catturato immediatamente dopo essere entrato in Siria, ai primi di luglio, mentre si trovava in una zona controllata dal Fronte al Nusra, un gruppo jihadista legato ad al Qaida. Il giornalista voleva raccontare la situazione nel paese in conflitto e le vicende legate alla presenza dello Stato islamico (Isis), responsabile dell'uccisione del suo collega e amico Kenji Goto a gennaio, che è stato sgozzato.Il gruppo armato che ha nelle sue mani Yasuda, spiega ancora Rsf, chiede un riscatto, altrimenti ucciderà oppure venderà l'ostaggio a un altro gruppo terroristico. Non è chiaro quale sia l'ammontare della richiesta e la scandenza dell'ultimatum.

 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Laboratori scientifici in prima linea, l’importanza della ricerca e dello sviluppo 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]