Martedì, 12 Luglio 2016 10:44

Vittime del naufragio del 18 aprile 2015: per un pugno di euro Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

GENOVA -  Nel relitto del peschereccio naufragato il 18 aprile del 2015 sono stati trovati i corpi di decine e decine di migranti di cui non si conoscono le generalità.

Per dare un nome a ognuno di loro, come prevedono le leggi internazionali, oltre che un minimo rispetto civile e morale di fronte a una tragedia e al dolore dei suprerstiti. servono circa tremila euro per gli esami del DNA. Ma le istituzioni, che ricevono ogni anno centinaia di milioni di euro dall'Unione europea (denaro di cui non si avverte minimamente l'efficacia) affermano di non avere quel denaro e che quindi le spoglie dei migranti resteranno non identificate. EveryOne Group ha espresso al governo la sua protesta, proponendo di organizzare una veloce raccolta fondi per pagare i medici legali, purché essi comincino le analisi, attese con ansia dalle famiglie delle vittime, che vogliono seppellire e piangere i loro cari.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]