Mercoledì, 17 Marzo 2021 10:18

L’incubo delle allergie durante la bella stagione: come comportarsi per ridurne gli effetti?

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

C’è chi si accorge dell’arrivo della primavera e del bel tempo ancor prima che le giornate si allunghino o che le temperature inizino ad aumentare. Ci sono infatti le allergie a presentarsi puntuali con i loro fastidiosi e diffusi sintomi. Occhi rossi, “naso che cola”, starnuti continui, tosse, pruriti: questi sono alcune delle reazioni che si manifestano a causa della reazione immunitaria del nostro corpo ai pollini dei fiori e delle piante. 

Le principali responsabili delle allergie da pollini sono le graminacee, dalle quali è praticamente impossibile nascondersi dato che rappresentano la famiglia di piante più diffusa al mondo, ma anche altre come paritaria, ontano, betulla e nocciolo. Si tratta di periodi critici che non si possono evitare totalmente: è però possibile ridurne le conseguenze mettendo in pratica alcune semplici regole. L’incidenza di allergie respiratorie, infatti, è in aumento e risulta correlata non solo a fattori genetici, ma anche a stile di vita e a fattori ambientali. In linea di massima, secondo i dati forniti dall’Istituto Superiore di Sanità, si può affermare che la percentuale di persone che soffrono di allergie si attesta intorno al 40% della popolazione generale.

Ma come bisogna comportarsi per limitarne gli effetti? Innanzitutto è sconsigliato uscire di casa nelle giornate secche e ventose, caratterizzate da una maggiore concentrazione dei pollini nell’aria, è bene evitare l’areazione degli ambienti della casa durante le ore più calde della giornata, e di stendere la biancheria fuori per non correre nel rischio che raccolga quantità ingenti di pollini. Si consiglia poi di lavare spesso i pavimenti, facendo però attenzione all’utilizzo dell’aspirapolvere che potrebbe sollevare le particelle allergizzanti. Inoltre, è bene tenere un occhio di riguardo anche all’alimentazione, evitando cibi che contengano cereali appartenenti proprio alla famiglia delle graminacee, quali farro, orzo, avena, e diminuendo l’uso di alcolici in quanto dilatatori di vasi sanguigni.

Ma non solo. Per prevenire o alleviare i fastidiosi sintomi, si possono acquistare in farmacia, oppure online comodamente da casa, prodotti per contrastare l’allergia a base di antistaminici, ma anche rimedi e integratori fitoterapici ad azione antinfiammatoria con ingredienti naturali a base minerale o multivitaminica, che contengono i principi attivi utili a contrastare le sostanze fondamentali delle reazioni allergiche. Utili anche i decongestionanti nasali, colliri o gocce oculari. Con gli giusti accorgimenti, le misure di prevenzione e l’assunzione responsabile di prodotti specifici, l’incubo delle allergie si può tenere sotto controllo e si può finalmente dare il benvenuto alla bella stagione a tutti i suoi aspetti positivi.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

ban.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Intelligenza artificale e arte contemporanea s'incontrano al Maxxi

Intelligenza artificale e arte contemporanea s'incontrano al Maxxi

Intervista alla curatrice Daniela Cotimbo. Dal 5 al 30 maggio 2021, una rassegna collettiva che offre una nuova prospettiva di indagine sulle potenzialità espressive delle tecnologie, evidenziando anche un differente...

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Twitter mania. Arte, poesia, storia, giornalismo, politica e altre amenità nei…

Twitter mania. Arte, poesia, storia, giornalismo, politica e altre amenità  nei caratteri simbolo della nostra epoca

I geroglifici degli antichi Egizi, i bassorilievi sulle colonne romane, gli epigrammi di Marziale, le commedie in un atto di Achille Campanile, gli aforismi di Leo Longanesi.

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]