Sabato, 04 Dicembre 2021 13:23

L'idrogeno pulito è l'elemento chiave verso la transizione energetica in Europa

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Uno dei principali obiettivi dell'European Clean Hydrogen Alliance è quello di ridurre drasticamente l'anidride carbonica e combattere il cambiamento climatico

Sarebbe bello che l'energia che consumiamo per riscaldare la casa o alimentare l'auto, provenisse da una fonte inesauribile e sostenibile con emissioni quasi nulle. Sembra un sogno. Tuttavia le tecnologie dell'idrogeno pulito potrebbero aiutare a raggiungere questo obiettivo, purché tutto ciò si trasformi in una realtà del nostro vivere quotidiano.

Stando alle ultime ricerca, siamo a un punto di svolta per lo sviluppo dell'idrogeno pulito. Con un consenso politico e commerciale senza precedenti e la tecnologia che riduce i costi verso la redditività commerciale, è fondamentale che questo progresso abbia un seguito fattivo.

La Clean Hydrogen Partnership è stata istituita proprio per questo scopo, ovvero di promuovere gli investimenti, stimolare la diffusione della produzione e dell'uso di idrogeno pulito e accelerare la decarbonizzazione dell'industria in linea con i suoi obiettivi in ​​materia di cambiamento climatico.

L'UE infatti ha recentemente votato una normativa ambiziosa per affrontare con urgenza il cambiamento climatico e il degrado ambientale. La Commissione Europea ha pubblicato il suo pacchetto "Fit for 55", che fissa un obiettivo legalmente vincolante di ridurre le emissioni di gas serra (GHG) nell'UE di almeno il 55% entro il 2030. Ed è stato adottato un obiettivo di emissioni zero entro il 2050 nell'ambito del Green Deal europeo.
A metà del 2020 la CE ha pubblicato una strategia per l'idrogeno per un'Europa climaticamente neutra, definendo una tabella di marcia per l'implementazione su larga scala di questa tecnologia ed evidenziando il suo potenziale per la crescita economica e la creazione di posti di lavoro.

eur.jpg

In pratica molto presto vedremo l'idrogeno pulito integrato ancora di più nelle nostre vite. La strategia ha anche rilevato che l'idrogeno è una "priorità chiave" per raggiungere il Green Deal e prevede che potrebbe costituire fino al 14% del mix energetico dell'UE entro il 2050, rispetto al 2% attuale.
Va aggiunto che queste politiche ambiziose prevedono una trasformazione totale in tutta Europa. D'altra parte la tecnologia è già disponibile, ma è importante che diventi più performante, più accessibile e che l'industria, i governi e, in particolare, il pubblico capiscano come può essere utile a loro, alle loro comunità e all'ambiente.

Non sorprende quindi che l'UE stia investendo 1 miliardo di euro nel partenariato per l'idrogeno pulito per accelerare le scoperte nelle tecnologie dell'idrogeno pulito. Lavorando con le parti interessate internazionali ed europee, la partnership rafforzerà la competitività della catena del valore dell'idrogeno e accelererà l'ingresso sul mercato delle aziende con soluzioni innovative.

La Clean Hydrogen Partnership promuoverà inoltre l'innovazione stimolando la ricerca e condividendo competenze e dati in modo che tutti gli attori possano lavorare con le conoscenze più recenti. La FCH JU, (Fuel Cells and Hydrogen Joint Undertaking), ha fatto un primo passo verso tale condivisione della conoscenza con una piattaforma che offre informazioni complete e supporto per l'intero settore dell'idrogeno.

Una base per la crescita

L'impresa comune FCH ha già fornito una solida base per fornire un ulteriore passo avanti con le tecnologie dell'idrogeno. Dalla sua istituzione nel 2008, l'IC FCH ha finanziato 287 progetti di ricerca per oltre 1 miliardo di euro. Grazie al suo lavoro, l'Europa è diventata un leader globale negli elettrolizzatori, nelle stazioni di rifornimento di idrogeno (HRS) e nei camion e autobus a celle a combustibile.
Inoltre attraverso l'attuale FCH JU, una miriade di programmi di ricerca sono già stati realizzati, incluso il finanziamento di un progetto di innovazione per realizzare un elettrolizzatore da 20 MW unico nel suo genere.

Un altro modo in cui FCH JU sta galvanizzando questa tecnologia è attraverso lo sviluppo di Hydrogen Valleys, ovvero per accelerare e incubare le tecnologie dell'idrogeno portando progetti di punta di diversi settori nella stessa area geografica. Combinando le tecnologie dei tre pilastri dell'idrogeno - produzione, stoccaggio e distribuzione e applicazioni finali - le valli identificano e coltivano le migliori opportunità di business e mostrano come l'intero ecosistema può essere integrato.

All'inizio del 2020, il primo al mondo, chiamato HEAVENN, è stato installato nei Paesi Bassi settentrionali con un budget di 90 milioni di euro. Sebbene il loro finanziamento sia rimasto incentrato sull'Europa, il suo messaggio è risuonato in tutto il mondo, con una piattaforma dedicata chiamata H2V lanciata per sensibilizzare i responsabili politici di tutto il mondo e fornire approfondimenti su questi progetti complessi. Di conseguenza, ora ci sono 36 Hydrogen Valley in 20 paesi.

Roll-out e scale-up

L'Europa è una delle poche regioni al mondo in cui l'idrogeno pulito viene utilizzato in sostituzione dell'idrogeno di origine fossile nella produzione di acciaio o nelle raffinerie.
Se si considera la quantità di emissioni provenienti solo da questi due settori, è chiaro che l'idrogeno può aiutare a ridurre significativamente l'impronta di carbonio.
Quest'anno, ad esempio, ha visto l'avvio del progetto Refhyne, che è finanziato dalla FCH JU e fornisce energia pulita alle raffinerie. È il più grande elettrolizzatore operativo d'Europa, con una capacità di 10 MW, e ci sono già fondi per estenderlo a un impianto da 100 MW.
L'Europa è anche leader nelle tecnologie di elettrolisi, un componente integrale per la scissione dell'idrogeno dall'acqua. La FCH JU ha finanziato 42 progetti di elettrolizzatori per un valore di 150,5 milioni di euro che sono progressivamente aumentati di scala nel corso degli anni. Di conseguenza, nessun'altra Paese al mondo ha così tanti brevetti o pubblicazioni come l'Europa su questo argomento. Tuttavia, nel 2020, la capacità di produzione annuale di elettrolizzatori in Europa era inferiore a 1 GW e se vogliamo raggiungere i 40 GW, dobbiamo aumentare gli investimenti per la produzione.

Altri benefici tangibili derivanti dalle azioni dell'impresa comune FCH possono essere visti nel settore dei trasporti, uno dei maggiori contributori al cambiamento climatico. Ora ci sono 132 autobus alimentati a idrogeno che operano in 13 città, 2.800 auto alimentate a idrogeno immatricolate in 15 paesi e 200 stazioni di rifornimento di idrogeno sparse in 15 paesi dalla Norvegia all'Italia, sostituendo i veicoli che inquinano.

FCH JU ha già svolto un ruolo vitale nel far perno dell'Europa verso l'idrogeno pulito”

Vedremo anche molti altri veicoli alimentati a idrogeno sulle nostre strade nel prossimo futuro. La FCH JU ha recentemente pubblicato la relazione finale di uno studio sulle opportunità commerciali per questo settore, che ha portato a una dichiarazione di una coalizione di oltre 50 aziende che si impegnano a distribuire fino a 100.000 camion a celle a combustibile e 1.500 HRS nell'UE entro il 2030. Gli altri progetti di FCH JU in quest'area includono H2 Haul e H2 Revive, entrambi incentrati sull'impiego di camion a celle a combustibile.

L'impresa comune di FCH ha già svolto un ruolo fondamentale nell'orientare l'Europa verso l'idrogeno pulito, strutturando e mobilitando un panorama altrimenti frammentato e composto da settori disparati. Come già dimostrato, i suoi sforzi hanno portato l'Europa a diventare un leader in queste tecnologie, oltre a consentire ad altre innovazioni di avvicinarsi alla maturità.
In quanto fonte di energia pulita e rinnovabile in grado di alimentare la nostra società l'idrogeno rappresenta una soluzione vincente. E man mano che acquisirà importanza nella transizione energetica, il Clean Hydrogen Partnership svolgerà un ruolo importante nella promozione di queste tecnologie e nella realizzazione del loro potenziale e con durre questa tecnologia nel nostro vivere quotidiano.

bianco.png