Visualizza articoli per tag: giustizia

ROMA - Il verdetto di primo grado emesso oggi all’Aja dal Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia, in cui l’ex leader serbo-bosniaco Radovan Karadžic è stato giudicato colpevole di genocidio e altri gravi crimini di diritto internazionale, segna per Amnesty International un importante passo avanti in direzione della giustizia per le vittime del conflitto armato della Bosnia ed Erzegovina.

Pubblicato in Diritti Umani
Etichettato sotto
Giovedì, 18 Febbraio 2016 15:32

I processi che si cancellano per lentezza

ROMA - Il nostro è un Paese che non si finisce mai di raccontar bene,  agli stranieri come ai nostri studenti d’università , sovente  ignari-malgrado le scuole secondarie da cui escono- di un ritratto ricco di peculiarità che non appaiono a prima vista.

Pubblicato in Il punto
Etichettato sotto

ROMA - Giustizia, criminalità e sicurezza - nell'annuario Istat 2015 - confermano uno spaccato del Paese preoccupante, anche se con qualche segnale positivo. Il carico dell'arretrato nel settore civile, pur registrando un calo del 3,3%, costituisce un vero e proprio 'tappo' con 4 milioni e mezzo di cause da smaltire, e nel settore penale le cose non vanno meglio con l'aumento dei reati che più destano allarme sociale, come i furti in casa, o il sovraffollamento delle carceri, una piaga non ancora superata.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

LIVORNO - "Quella di Livorno è la più grave tragedia sul lavoro e per questo si chiama in causa il datore di lavoro, cioè l'armatore. Noi continuiamo a chiederci perche' Vincenzo Onorato non sia mai salito sul banco degli imputati.

Pubblicato in Società
Etichettato sotto

ROMA - Sul piano personale, per Berlusconi, la sentenza della Cassazione che finalmente lo assolve dall’accusa di concussione per induzione e prostituzione, pronunciata in primo grado e controvertita in appello, è una vittoriaper la politica, per la giustizia, per lo stato di diritto. 

Pubblicato in Il punto

 

ROMA - Il ddl approvato in Commissione Giustizia del Senato e che sarà esaminato dall’Aula la prossima settimana, introduce una fondamentale positiva novità in tema di affidamento dei minori. L’attuale disciplina dell’istituto dell’affido, secondo la quale, laddove le condizioni temporanee della famiglia d’origine di un minore non siano tali da assicurargli una crescita equilibrata, si ammette la possibilità di essere inseriti in altro nucleo familiare che provvede al suo sostentamento, senza assumere alcun legame giuridico a differenza di quanto avviene nell’adozione.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto
Lunedì, 03 Novembre 2014 19:37

Caso Cucchi. Una sentenza che scredita la giustizia

ROMA - Due sono gli elementi chiave della vicenda. Il primo: Stefano al momento dell’arresto era  gracile, ma sano, come dimostra il fatto che stesse tornando dalla palestra; il secondo: alcuni giorni dopo è deceduto in circostanze  sospette. Troppe incognite sono state lasciate irrisolte dalla sentenza sul caso Cucchi, emessa pochi giorni fa: c’è stato un pestaggio, o i lividi sul suo corpo erano frutto di una caduta dalle scale, come emerse dal rapporto medico? 

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

ROMA - Governo in alto mare proprio come la vignetta lanciata ieri dall'Economista che ritrae un Matteo Renzi con tanto di gelato in mano quasi fosse un bimbo incosciente, mentre l'Italia, anzi l'Europa affonda.   Una vignetta davvero emblematica che la dice lunga sulle certezze illusorie di ripresa che vari politici rampanti continuano a promettere senza tropi indugi. 

Pubblicato in Primo piano
Etichettato sotto
Domenica, 24 Agosto 2014 20:48

I mali della giustizia nell’Italia di oggi

ROMA - Il miglioramento che la riforma del processo civile, presentato in questi giorni dal Guardasigilli Orlando dell’attuale governo Renzi, ha presentato al parlamento e che il 29 agosto prossimo sarà presentato alle Camere per l’approvazione finale, va salutato come il primo passo di una riforma, necessariamente più ampia e articolata, che il governo si è impegnato a mandare avanti alla ripresa dei lavori parlamentari nel vicino autunno.

Pubblicato in Fatti & Opinioni
Etichettato sotto

Nel testo originario del codice la responsabilità civile del giudice veniva originariamente disciplinata dagli artt. 55 e 56 del Codice di procedura Civile,poi abrogati dalla Legge Vassalli n. 117/1988, che escluse la possibilità che l’azione possa essere intentata nei confronti del magistrato.

Pubblicato in Fatti & Opinioni

bianco.png