Gli italiani sono un popolo di videogiocatori, perché qui da noi i videogames rappresentano un must per ogni età.

Published in Società

Quello che sicuramente si può considerare uno dei mercati più attivi degli ultimi anni, probabilmente molto presto non sarà più lo stesso. Il settore dei videogiochi, che continua a sorprenderci e che apparentemente sembra un unico mondo, è in realtà formato da sviluppatori di giochi e produttori di console su cui devono girare gli stessi. Questo binomio però, già da un po di tempo non nasconde una certa insofferenza di una delle due parti, quella degli sviluppatori. 

Published in Economia

ROMAOramai il videogioco è considerato un’opera d’arte al pari del cinema, tanto che ieri a Roma è stata la volta degli Oscar italiani dei videogiochi. E’ stata infatti indetta la seconda edizione del “Premio Drago d’oro” promosso da AESVI, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica di Roma Capitale.

Published in Tendenze
Domenica, 12 Gennaio 2014 18:47

Pulp Fiction sarà un videogioco

ROMA - Uno dei più grandi capolavori del regista Quentin Tarantino,” Pulp Fiction”, diventerà presto un videogioco. Il celebre film, uscito nelle sale nel 1994, ultimo della” trilogia pulp”, preceduto dalle” Iene” e da “Una vita al massimo” e vincitore nel ‘95 del premio oscar come migliore sceneggiatura originale, infatti è stato trasformato dal canale di  YouTube, CineFix, in un videogioco degli anni 80.

Published in Società

OSLO - Breivik, l'uomo della strage dell’isola di Utoya, avrebbe chiamato la polizia, usando il telefonino di una vittima, per ben 10 volte dall'isola, durante la sparatoria, per offrire la sua resa. Lo ha dichiarato oggi il suo avvocato, Geir Lippestad. Questo apre nuovi scenari sul comportamento della polizia norvegese in quel tragico giorno. Molti si erano chiesti infatti se un intervento più rapido ed efficiente avrebbe salvato le vite di alcuni dei 69 ragazzi assassinati a Utoya.

Published in Mondo

Scorrendo le foto Anders Behring Breivik, l’uomo che nell’isola di Utoya, a pochi chilometri da Oslo, ha ucciso a sangue freddo 74 persone, si rimane inorriditi di fronte al suo sorriso beffardo.
L’enorme atrocità del gesto rende dissonante quel sorriso che vediamo stampato sulle labbra del pluriomicida. E ci si chiede quale può essere il senso di quel sorriso, che uno psichiatra chiamerebbe ‘ebefrenico’. Ci si chiede anche se abbia un senso.

Published in Cronaca dal sottosuolo

OSLO - Si è tenuta oggi l'udienza preliminare per la carcerazione preventiva di Anders Behring Breivik, l'autore dei massacri di Utoya e Oslo. Arrivata davanti al tribunale, l'auto che lo trasportava è stata aggredita dalla folla a calci e pugni. E' intervenuta la polizia per permettere alla macchina di avanzare.

Published in Mondo

Cerca nel sito

ban.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

David di Donatello. Emozionata Sofia

David di Donatello. Emozionata Sofia

Quella di Sofia Loren alla serata dei David di Donatello è stata un’apparizione di pochi minuti ma di grande effetto.

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Intelligenza artificale e arte contemporanea s'incontrano al Maxxi

Intelligenza artificale e arte contemporanea s'incontrano al Maxxi

Intervista alla curatrice Daniela Cotimbo. Dal 5 al 30 maggio 2021, una rassegna collettiva che offre una nuova prospettiva di indagine sulle potenzialità espressive delle tecnologie, evidenziando anche un differente...

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]