Lunedì, 21 Gennaio 2013 15:59

Scrittori. Aldo Nove: “Woobinda denuncia il berlusconismo alla nascita”

Scritto da

Aldo Nove, pseudonimo di Antonio Centanin, è uno scrittore e poeta italiano.

Nel 1996, dopo la laurea in filosofia morale, scrive Woobinda e altre storie senza lieto fine, edito da Castelvecchi e ripubblicato da Einaudi nel 1998 con il titolo Superwoobinda. Con il racconto Il mondo dell'amore, pubblicato nell'antologia Gioventù cannibale (Einaudi 1996) viene collocato dalla stampa nella famiglia di genere pulp dei cosiddetti "Cannibali", che annovera, tra gli altri, Niccolò Ammaniti. Negli anni successivi Nove si interessa alle questioni sociali legate al precariato e alla flessibilità. Edoardo Sanguineti lo inserisce, insieme a Tiziano Scarpa e a Giuseppe Caliceti, nel suo Atlante del Novecento Italiano, ponendoli a chiusa del "secolo delle avanguardie" della letteratura italiana. Lo ha intervistato per Dazebao Valentina Marchetti

D. Quale il Suo libro preferito quand'era ragazzo?

A.N. Diversi. Potrei dire, su tutti, “Il maestro e Margherita” di Bulgakov, “Le 120 giornate di Sodoma” di Sade e “Somiglianze” di Milo De Angelis. 

D.Quali le Sue influenze letterarie? C'è uno scrittore in particolare cui è legato, che per Lei è un “modello”?

A.N. Sono molteplici. Mi hanno influenzato specialmente la poesia italiana del secondo Novecento e le avanguardie storiche, dal dadaismo alla Pop Art ma anche, prima, il linguaggio scabro e potente dei tragici greci.

D.Come nasce “Woobinda e altre storie senza lieto fine” poi diventate con la ripubblicazione  di Einaudi “Superwoobinda”?

A.N. “Woobinda” nasce dalla mia necessità di denunciare il berlusconismo alla sua nascita, il rincretinimento collettivo e la perdita di valori di cui adesso, dopo vent’anni, stiamo pagando tutti gli effetti mortali. 

D. Lei è uno dei più importanti scrittori inseriti all'interno del gruppo dei “Giovani cannibali”. Quanto è stata fondamentale per Lei quest'esperienza? E' stato difficile (se lo è stato) dedicarsi ad altro, smarcarsi da quel tipo di scrittura?

A.N. Sono felice di essere stato inserito in quella “corrente” di persone unite dalla necessità di descrivere il presente svecchiando la lingua. Personalmente non mi è stato difficile smarcarmi, evolvere è un’esigenza naturale. Più difficile avere a che fare con giornalisti e critici pigri, o con pochi strumenti. 

D.”Amore Mio Infinito” rappresenta  probabilmente in questo senso una nuova fase, un cambiamento.

A.N. Ogni cosa che scrivo, spero, rappresenta un cambiamento. Altrimenti considero il lavoro fallito, o puro mestiere, cosa che mi dà un grande tristezza. 

D.Come e quando nasce questo Suo romanzo?

A.N. Nasce da una serie di abbozzi di racconti in cui descrivevo le prime volte in cui mi sono innamorato e su cui ho rimesso mano parecchie volte, fino a che non ha raggiunto la forma del libro, cioè di qualcosa di prossimo a un romanzo. 

D.Lei si è occupato di questioni legate al precariato in un Suo romanzo, precisamente con “Mi Chiamo Roberta, ho 40 anni e guadagno 250 euro al mese”. Quando è nato questo libro? In che modo avvicinato a questa delicata e attualissima questione sociale?

A.N. E’ nato nel 2003, quando piano piano il lavoro svaniva o si proponeva in forme nuove e disumane, ma se ne parlava poco. Del resto con gli anni mi accorgo sempre di più che i problemi si affrontano solo quando ne siamo completamente sommersi.

D.C'è qualcosa che a livello lavorativo, non ha ancora avuto modo di fare e vorrebbe realizzare?

A.N. Un film da un mio libro. 

D.Com'è una Sua giornata “tipo”? Quando inizia a scrivere? Quando le viene in mente un'idea nuova?

A.N. Non ho orari ad esclusione del mattino che per me è proibito: posso svolgere lavori manuali, rispondere alla mail etc., ma non sono lucido. Le idee vengono quando vogliono loro, e si sviluppano davanti al foglio bianco, assieme all’ansia di riempirlo.

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Verso l'eternità

Prigionieri nei limiti del tempo  accettiamo la vita  con l’angoscia  che tutto è temporale  non eterno. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

Romanzi e racconti

Note fuori margine. Decimo episodio: "Le piccole cose"

Note fuori margine. Decimo episodio: "Le piccole cose"

L'ultimo episodio di "Note fuori margine" affronta le "piccole cose" che fanno grande l'inclusione. L'inclusione, infatti, non è soltanto una bella parola, ma è un pensare e un agire quotidiano...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. Dal 22 al 26 giugno il Mercato del film sarà virtuale

Cannes 73. Dal 22 al 26 giugno il Mercato del film sarà virtuale

Jérôme Paillard, direttore esecutivo del Marché du film di Cannes, lancia la prima iniziativa concreta della travagliata edizione del 2020 e chiarisce: ” Un sondaggio condotto la scorsa settimana con...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Rinnovamento scientifico: il binomio sicurezza e sostenibilità

Laboratori scientifici in prima linea, l’importanza della ricerca e dello sviluppo 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Primi verdetti in Champions League, ancora presto per capire chi arriverà fino in fondo, ma certamente si può cominciare a dare un giudizio parziale sulle principali candidare a salire sul...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]