Sabato, 07 Settembre 2013 23:10

Venezia 70. “Giovani ribelli”, vince Venice Days

Scritto da

 

VENEZIA (nostro inviato) -  Alcuni film delle Giornate degli Autori, sezione parallela a Venezia, non hanno nulla in meno di quelli del concorso ufficiale, qualche volta sono migliori, spesso più piacevoli. E’ il caso ad esempio di “Gerontofilia” di Bruce Labruce, opera che tocca un tema ignorato e scabroso con delicatezza e commozione.

A questi talenti è stata finalmente resa giustizia visto che, per la prima volta, le Giornate degli Autori hanno avuto un proprio riconoscimento internazionale per tutta la Selezione Ufficiale che si affianca al Label di Europa Cinemas per il miglior film europeo e ai riconoscimenti assegnati da Fedeora (federazione europea e mediterranea dei critici).

 

GIOVANI RIBELLI – KILL YOUR DARLINGS ha vinto quest’anno il Premio al film evento delle Giornate degli Autori – Venice Days 2013 con la seguente motivazione: “un’opera di forte creatività autoriale in grado, grazie a una rigorosa scelta di stile e ad originalità di approccio, di segnare la nuova stagione del cinema americano in cui sono rispettate le ragioni del pubblico, della cinefilia, della memoria culturale del secolo. Forte di uno spettacolare gioco d’attori, della forza della colonna sonora, di una cinematografia spiazzante e raffinata, il film è diventato un autentico evento nel contesto della 70 Mostra del Cinema”.

Il film, diretto da John Krokidas e interpretato da Daniel Radcliffe, entrambi sbarcati in laguna per presentarlo, uscirà nelle sale italiane il 17 ottobre distribuito da Notorious Pictures. Daniel Radcliffe, attore protagonista della saga di Harry Potter, torna sul grande schermo nei panni del giovane Allen Gingsberg, con la storia vera, mai raccontata, di quattro  studenti della Columbia University che, ispirati dall'esempio di Walt Whitman e della "setta dei poeti estinti", sfidarono le rigide regole della più potente Università Americana, finendo per diventare a loro volta ispirazione per le generazioni successive. 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

bianco.png