×

Attenzione

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /var/www/vhosts/dazebaonews.it/httpdocs/images/SPANDAU

×

Avviso

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/SPANDAU

Mercoledì, 01 Aprile 2015 20:38

Cosa resterà di questi anni ’80? Gli Spandau Ballet, sicuramente Featured

Scritto da
Rate this item
(11 votes)

ROMA - Non indossano più ampie spalline e vestiti dai colori fluo e decisamente sgargianti. Niente acconciature cotonate e ombretto blu elettrico sulle palpebre. Non si vedono neanche i paninari con il “bomber”, lo zainetto “invicta” in spalla, le “timberland” e i “Levi’s 501” rigorosamente a vita alta.

Perché sono passati 30 anni da allora ma comunque per loro, ragazzi e ragazze che hanno vissuto e amato gli anni ’80, essere al concerto degli Spandau Ballet, uno dei gruppi simbolo di quell’epoca, ha rappresentato un naturale richiamo doveroso, prima che un piacere.

Più che un concerto, quello di Lunedì sera al Palalottomatica, è stato infatti un ritrovarsi, una grande festa di condivisione in cui hanno partecipato 10 mila invitati, per la maggior parte quarantenni e cinquantenni, nostalgici di un decennio che ha dettato legge nel campo della musica, della pubblicità, della moda e del life style.
L’entusiasmo dei fans si è fatto subito sentire all’ingresso della band britannica sul palco: Tony Hadley, voce del gruppo dall’estensione ancora potente, ha intonato il recente singolo “Soul boy” per poi cantare il primo successo degli anni ’80 “Higly strung”. Appare fisicamente appesantito ma elegante con il suo abito scuro, camicia bianca e ascot in seta blu a pois ben annodato al collo.
Immancabile e raffinato l’assolo del sax di Steve Norman che suona di tutto: si alterna magistralmente tra chitarre, bonghi e perfino un fischietto.
Tutti in gran forma, gli anni sembrano non averli scalfiti se non per qualche ruga e capello bianco in più. Ma ciò conta poco visto che hanno eseguito un brano dietro l’altro, circa quindici, senza mai una pausa da: “How many lies” a “Round and Round” accompagnati dal basso di Martin Kemp, la chitarra di Gary Kemp e la batteria di John Keeble.
Strumenti e voce si fondono senza mai prevaricare e pronti per accendere gli animi degli spettatori che spesso si alzano in piedi per ballare e cantare.
È la volta anche di un medley dedicato al famoso “Blitz”, il locale londinese dove il gruppo ha mosso i primi passi. Si possono scorgere video con immagini di quel periodo in cui, come ironizza un simpatico Hadley: “Ci piace vedere come eravamo quando avevamo 20-22 anni e anche voi eravate più giovani”.
C’è spazio per i nuovi singoli come “This is the love” e “Steal”, per poi rifare un tuffo nel passato con l’indimenticabile “I’ll fly for you” accompagnata da scene di fluttuanti nuvole proiettate su maxi schermi e fumo dal palco.
Tutti in piedi per il finale degli Spands, come li chiamano affettuosamente gli ammiratori, per cantare in coro: “Instinction”, “Communication”, “Lifeline”, “True” e “Gold”, quest’ultima eseguita due volte.
E per la regina delle ballad: “Through the barricades” spuntano in alto le mani non con gli accendini, come negli anni ’80, ma con le luci dei cellulari. Una nota realistica è pur sempre concessa.
Il tour doveva chiudersi con questa tappa romana ma ha avuto così tanto successo che Tony Hadley dà appuntamento per l’Estate con tre date italiane: il 6 luglio all’Arena di Verona, il 14 luglio alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma e il 16 luglio al Teatro Greco di Taormina.

{gallery}SPANDAU{/gallery}

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Verso l'eternità

Prigionieri nei limiti del tempo  accettiamo la vita  con l’angoscia  che tutto è temporale  non eterno. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

Romanzi e racconti

Note fuori margine. Decimo episodio: "Le piccole cose"

Note fuori margine. Decimo episodio: "Le piccole cose"

L'ultimo episodio di "Note fuori margine" affronta le "piccole cose" che fanno grande l'inclusione. L'inclusione, infatti, non è soltanto una bella parola, ma è un pensare e un agire quotidiano...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. Dal 22 al 26 giugno il Mercato del film sarà virtuale

Cannes 73. Dal 22 al 26 giugno il Mercato del film sarà virtuale

Jérôme Paillard, direttore esecutivo del Marché du film di Cannes, lancia la prima iniziativa concreta della travagliata edizione del 2020 e chiarisce: ” Un sondaggio condotto la scorsa settimana con...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Sport

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Primi verdetti in Champions League, ancora presto per capire chi arriverà fino in fondo, ma certamente si può cominciare a dare un giudizio parziale sulle principali candidare a salire sul...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]