Domenica, 24 Aprile 2016 17:41

William Shakespeare e il respiro dell'eternità

Scritto da

Un respiro di eternità, un soffio di magia, un senso di poesia, di grandezza, di meraviglia: questi sono i sentimenti che suscita la visione di una qualunque opera di Shakespeare, scomparso quattrocento anni fa ma immortale nel ricordo e nella ricchezza culturale che ci ha lasciato

Le sue opere come modello di perfezione stilistica, la sua analisi storica profonda e dettagliata, i suoi personaggi che coprono tutte le sfaccettature dell'animo umano, il suo essere un uomo vissuto a cavallo fra il Sedicesimo e il Diciassettesimo secolo eppure tuttora di straordinaria attualità, la bellezza di dialoghi destinati a rimanere impressi nella memoria di chiunque abbia avuto la fortuna di leggerli o di ascoltarli. E poi il suo ritmo incalzante, il suo susseguirsi di pause e scene d'azione, il suo mettere in scena una costante lotta dell'uomo contro il destino, talvolta contro se stesso, comunque contro ogni inganno e malvagità, fino a soccombere e a crollare sotto i colpi dell'ingiustizia o a trionfare ponendosi comunque interrogativi sul destino e le sorti dell'umanità.
Nel teatro shakespeariano ciò che colpisce è la ricchezza, la varietà, la moltitudine, la complessità, l'incredulità che desta negli spettatori questa narrazione che sembra sia stata realizzata appositamente per un film hollywoodiano quando invece, è bene ricordarlo, l'autore è vissuto in un'epoca nella quale non esisteva nemmeno la radio.
Colpiscono gli imprevisti, le conclusioni, le trame, la capacità dei personaggi di prendere la scena e impossessarsi dell'attenzione degli spettatori ma, soprattutto, colpisce l'universalità dei messaggi inviati: riflessioni senza tempo, visioni lungimiranti, un campionario di attori pubblici e privati che ricorda, in parte, la vivacità della Commedia dantesca. E anche di Shakespeare è lecito dire che siamo nell'ambito del divino, con questo teatro che sopravvive ai secoli e che anzi, più passa il tempo, più si rafforza nei contenuti e nello spessore della lezione che è in grado di impartire.
Un raffinato cantore dell'evoluzione del proprio Paese, un appassionato di vicende storiche e di intrecci sentimentali, un neo-classico prima dell'affermarsi del classicismo settecentesco, un romantico prima dell'affermarsi del romanticismo ottocentesco, un uomo e un autore sempre così avanti da sembrare ancora oggi un precursore di nuove correnti letterarie.


Così come nella poesia è esistita una fase prima e una fase dopo Dante o dopo Leopardi, così come nella musica è esistita una fase prima e una fase dopo i Beatles, allo stesso modo Shakespeare ha avuto un impatto dirompente e, forse, irripetibile sul teatro e sulle modalità stesse di rappresentazione.
E noi, frenetici e insensibili materialisti del Ventunesimo secolo, rimaniamo incantati al cospetto di tanta genialità, ispirati dalla bellezza di opere "fatte della stessa materia di cui sono fatti i sogni" e incantati da questo tumultuoso susseguirsi di vicende che scorrono davanti ai nostri occhi e vi rimangono impresse.
Finché esisterà anche un solo uomo sulla Terra che non si rassegnerà alla barbarie, Shakespeare sarà sempre di moda; e quando anche tutti gli uomini dovessero essersi rassegnati al cinismo, al disincanto e alla scomparsa della cultura, le sue opere dimostreranno di essere più forti di tutto, persino della nostra ostentata e masochistica volontà di annientarci a vicenda.

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

La forza del ricordo

Ricordo della mia giovinezza

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

Romanzi e racconti

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Procida, terra e mare. La storia di Gioconda

Gioconda guarda il mare. Dietro di sé la porta verde di casa, a sinistra il sentiero che porta al faro e agli orti, a destra la via che va al...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

Cannes 73. La giovane selezione della Cinéfondation

CANNES - Lo sfortunato Festival del cinema di Cannes, una delle manifestazioni internazionali più importanti che ha pagato duramente le interferenze del coronavirus,  presenta la selezione Cinéfondation del 2020, ovvero...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Sport

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Primi verdetti in Champions League, ancora presto per capire chi arriverà fino in fondo, ma certamente si può cominciare a dare un giudizio parziale sulle principali candidare a salire sul...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]