Venerdì, 03 Agosto 2018 10:25

Il nuovo saggio di Giovanni Floris: l’Italia all’ultimo banco (e la ricreazione è finita)

Scritto da

Insegnanti e studenti possono salvare l’Italia. Nel suo secondo libro, Ultimo banco, edito dalla nuova casa editrice, la Solferino del Corriere della sera, Giovanni Floris lancia una pesante accusa all’attuale classe politica e insieme parole di speranza per le nuove generazioni che escono da una scuola fortemente in crisi “perché in crisi è la politica dell’Italia di oggi”. 

Dopo un anno d’incontri in molte scuole d’Italia, Ultimo banco è un’inchiesta-racconto nel quale l’autore si fa letteralmente in quattro (studente, genitore, giornalista, cittadino) per dare testimonianza di una sfida importante: ricostruire la scuola per ricostruire l’Italia. L’autore è  Giovanni Floris giornalista  radiofonico poi televisivo, prima alla Rai poi alla 7, che non ha mai perduto, neanche nel più acceso Ballarò o nel più movimentato Di martedi un invidiabile aplombe. E qui si stenta ritrovarne la pacatezza in un saggio che è soprattutto una requisitoria contro la classe politica oggi al potere. 

Un libro scritto col cuore.Giovanni Floris è figlio d’insegnanti: la madre, temutissima professoressa di matematica, il padre un dirigente scolastico “che mi ha sempre fatto capire il valore del pensiero libero”. Analizzando la scuola italiana nelle sue componenti essenziali (i professori, gli studenti, i genitori) l’autore stila un’ideale classifica di responsabilità sulla condizione della scuola oggi in Italia: riconosce che gli insegnanti fanno quello che possono, e che è tantissimo e non vanno assolutamente criminalizzati (uno sport italiano piuttosto in voga di questi tempi); gli studenti con l’eccezione di rari casi di ostile rifiuto verso l’istituzione scolastica sono nella stragrande maggioranza giovani che studiano con impegno, meritano la stima dei professori e soprattutto si aspettano dalle autorità di governo una politica di rilancio e di sviluppo della scuola.  I peggiori sono i genitori. L’ha detto esplicitamente all’autore la preside di un istituto piemontese con più di mille ragazzi: “Gli studenti non sono un problema, sono la materia del nostro lavoro. I professori sono un caso difficile ma alla fine li gestisci. La burocrazia impari a maneggiarla. Il problema vero? I genitori”. Nessuno opererebbe al posto del chirurgo, o si accomoderebbe ai comandi dell’aereo che lo porta in vacanza. Invece i professori sono spesso sotto accusa; per una bocciatura, per un voto non abbastanza alto, per un rimprovero in classe, per una nota sul diario. Sono gli stessi genitori che considerano i figli dei fenomeni, e che in classe li vorrebbero sempre supervalutati, o si sentono genitori di campioni in erba che nella polvere del campetto di periferia li vedono tutti futuri Ronaldo, o che alla notizia che il pargolo è stato beccato in gabinetto a fumare uno spinello obiettano che forse non era proprio droga, bisognava provarlo!

Questa diffusa delegittimazione della scuola ha un preciso riscontro anche nelle altre istituzioni: quell’alta percentuale di cittadini che non va a votare perché “tanto sono tutti uguali”, deputati e senatori, di destra, di centro o di sinistra, giovani di prima nomina o vecchie volpi del Parlamento, tutti accomunati in un giudizio sommario che poterà al potere l’ultimo arrivato, il populista, l’incompetente, quello che dice che battendo i pugni sul tavolo si ottengono i risultati. E da questi governanti sarà molto difficile aspettarsi una politica in favore della scuola. Il “figlio della Floris” non si fa illusioni e scrive: ”Facciamo i conti con gli obiettivi che abbiamo e con le lacune da colmare per raggiungerli. A scuola magari non ne siamo stati capaci, ma quante bocciature possiamo ancora sopportare? Non portiamo i compiti a Bruxelles ma prima o poi a qualcuno dovremo portarli. I voti arrivano tutti giorni e non sono nemmeno quelli elettorali, sono quelli del mercato o delle relazioni internazionali. Sono le conseguenze delle decisioni che prendiamo. Dobbiamo chiarire alla nostra classe dirigente che la ricreazione è finita”.

Alcune generazioni fa a scuola si leggeva Cuore di Edmondo De Amicis, poi si leggevano, anzi si mandavano a memoria, brani dai  Promessi sposi. Oggi, questo libro, dedicato a tutte le componenti della scuola italiana, studenti, insegnanti, burocrati e genitori, andrebbe letto nelle classi di ogni ordine e grado, come si diceva una volta, un capitolo dopo l’altro, e commentato.  Anche se  i tempi cambiano, la missione della scuola è sempre la stessa: insegnare a imparare, a conoscere, a riflettere, a giudicare, per uscire dalla scuola migliori di quando ci siamo entrati. E soprattutto per non rimanere tutta la vita all’ultimo banco.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

Romanzi e racconti

Note fuori margine. Terzo Episodio: "Divieto di non”

Note fuori margine. Terzo Episodio: "Divieto di non”

Il terzo racconto di “Note fuori margine” ci porta faccia a faccia con un ragazzo di 12 anni oppositivo doc!

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Festival di Cannes

Cannes 73. Per ora il festival è rimandato

Cannes 73. Per ora il festival è rimandato

L’organizzazione del  Festival di Cannes 2020 ha diffuso un comunicato per rendere noto che la rassegna cinematografica non si terrà nelle date previste 12-23 maggio. 

Redazione - avatar Redazione

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Sport

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Calcio, chi può vincere la Champions League?

Primi verdetti in Champions League, ancora presto per capire chi arriverà fino in fondo, ma certamente si può cominciare a dare un giudizio parziale sulle principali candidare a salire sul...

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]