Giovedì, 19 Febbraio 2015 18:04

Teatro Studio Uno. Novecento di Alessandro Baricco dal 26 febbraio

Scritto da

“Io sono nato su questa nave. E qui il mondo passava, ma a duemila persone per  volta. E di desideri ce n'erano anche qui, ma non più di quelli che ci potevano  stare tra una prua e una poppa. Suonavi la tua felicità, su una tastiera che non era infinita. Io ho imparato così. La terra, quella è una nave troppo grande per me. È un viaggio troppo lungo. È una donna troppo bella. È un profumo troppo forte. È una musica che non so suonare. Perdonatemi. Ma io non scenderò” Novecento di Alessandro Baricco

ROMA - L'Associazione Culturale Novembre dopo il successo della scorsa stagione porta in scena dal 26 febbraio al 1 marzo 2015 al Teatro Studio Uno di Roma "Novecento", monologo teatrale di Alessandro Baricco interpretato da Diego Migeni, con regia di Andrea Teodori e le scenografie di Paolo Carbone.

La storia,  entrata nell'immaginario collettivo grazie al film del 1998 di Giuseppe Tornatore "La leggenda del pianista sull'oceano",  narra la vita di Danny Boodman T.D. Lemon Novecento, il più grande pianista mai vissuto, nato, cresciuto e morto su una nave senza mai scendere sulla terra ferma, riuscendo a conoscere il mondo solo attraverso i racconti dei passeggeri del piroscafo e dall’amico Max Tooney, trombettista del transatlantico e  voce narrante della storia.

In questo originale allestimento il racconto prende vita grazie ad binomio perfetto tra la parola e immagini, evocate in scena attraverso giochi di luce, lampadine a incandescenza che spuntano dall’alto insieme a diapositive e lanterne magiche. Tutto per accompagnare lo spettatore nel racconto e nelle atmosfere ovattate dell’America del primo ‘900 quando la musica jazz e il blues diventavano colonna sonora indelebile del sogno americano.

Uomo fuori dal comune, Novecento vive sospeso tra la musica e il mare in un limbo che gli impedisce di oltrepassare i propri timori e superare le proprie paure per affrontare l’inatteso, l’ignoto.  Con semplicità e naturalezza lo spettacolo passa dalla spensieratezza di un sorriso, ad una più profonda riflessione sulla vita, evidenziando come la difficoltà nell’agire, comune nel nostro tempo, ci lascia troppo spesso immobili di fronte al compromesso e alla scelta, trasformandoci in meri spettatori della nostra esistenza.

“Novecento” dal 26 Febbraio al 1 marzo 2015

Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara). Ingr. 10 euro.
Giov – Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00

di Alessandro Baricco

con Diego Migeni

regia Andrea Teodori

scenografia Paolo Carbone

Per info e prenotazioni: 3494356219- 3283546847

www.teatrostudiouno.com –  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Voglia di tenerezza

Ormai notte l’oscurità riempiva la casa come un liquido denso.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]