Giovedì, 02 Aprile 2015 17:26

“Il padre”. Kolossal letterario sullo sfondo del genocidio armeno. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Arriva sui nostri schermi il 9 aprile “Il padre” del regista Fatih Akim, già presentato  all’ultima mostra di Venezia con il titolo di “The cut”. Al Lido la pellicola era attesissima perché  dedicata al genocidio degli Armeni, tema sul quale il cinema non ha prodotto molte opere,  senza contare il fascino dell’attore protagonista: un talento come Tahar Rahim, indimenticabile interprete de “Il Passato” di Asghar Farhadi. 

La storia de “Il padre” inizia nel 1915 a Mardin,  città della Turchia con una popolazione molto eterogenea, in una notte in cui  la polizia turca fa irruzione nelle case per rastrellare tutti gli armeni maschi, incluso il giovane fabbro Nazaret Manoogia,  cattolico con una croce tatuata sull'avambraccio. Nazaret , strappato alla moglie e alle figlie gemelle,  viene portato lontano, costretto, tra frustate e malnutrizione, ai lavori forzati, fino a quando la morte non gli si presenta davanti sotto forma di un uomo intenzionato a sopprimerlo.  Destino vuole che il carnefice, per senso di colpa, incredibilmente lo risparmia.  Nazareth ormai diventato muto, disperato, affamato ed estraneo in patria, scopre quasi per caso che le sue due amate figlie sono ancora vive. Inizia così l’avventurosa ricerca di un padre pronto a tutto pur di ricongiungersi alla prole, tra i deserti della Mesopotamia e l'Avana, fino alle desolate praterie del North Dakota…

Malgrado l’epicità della storia, l’impianto del kolossal,  la professionalità dell’intera equipe, il richiamo di Tahar Rahim, “Il padre” resta un dramma prolisso, incapace di suscitare vere emozioni, e ciò nonostante il tema storico trattato.  A riprova che in ogni film non conta solo il contenuto, ma la sua forma:   il modo in cui cioè viene narrato. “Il padre”, per quanto tecnicamente ineccepibile, è un film  letterario, non è vivo:  non ci si dimentica insomma che quello che stiamo guardando è solo un film. 

  • DATA USCITA: 09 aprile 2015
  • GENERE: Drammatico
  • ANNO: 2014
  • REGIA: Fatih Akin
  • SCENEGGIATURA: Fatih Akin, Mardik Martin
  • ATTORI: Tahar Rahim, Simon Abkarian, Makram Khoury, George Georgiou
  • FOTOGRAFIA: Rainer Klausmann
  • MONTAGGIO: Andrew Bird
  • MUSICHE: Alexander Hacke
  • PRODUZIONE: Bombero International, Corazón International, Dorje Film
  • DISTRIBUZIONE: BIM
  • PAESE: Germania
  • DURATA: 138 Min

The cut, Il padre - trailer

https://www.youtube.com/watch?v=qA7j6zvApPI

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

L'autunno del cuore

Veloce muta il tempo  giornate di pioggia foriere di freddo si avvicinano. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

L’edificio sarà anche sede del Polo di Specializzazione Microinquinanti di Arpa Puglia, eccellenza nella determinazione dei composti organici persistenti (POP), e in particolar modo di PCB, diossine e IPA, in...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]