Venerdì, 16 Settembre 2016 11:44

“Trafficanti”. Graffiante satira antimilitarista. Recensione

Scritto da

Ispirato ad una storia vera, “Trafficanti” segue le vicende di due amici di Miami poco più che ventenni, durante il periodo della prima Guerra in Iraq,  i quali, sfruttando un'iniziativa semisconosciuta del governo, iniziano una piccola attività relativa a contratti dell’esercito U.S.A. Poco a poco, iniziano a vedere i frutti dei loro investimenti che li portano a una vita agiata. Ben presto però i due amici si troveranno ad affrontare faccende al di sopra delle loro possibilità, un affare da 300 milioni di dollari per armare le Milizie Afghane.

Una storia troppo appetibile per il regista Todd Phillip (autore della trilogia “Una notte da leoni”) grazie ai due protagonisti, che sembrano usciti da un film di Phillip. Completamente folli e fuori dall’ordinario, incapaci di leggere la realtà che li circonda, convinti che la guerra sia un gioco, pesante, ma sempre un gioco grazie al quale fare molti soldi. La morale e l’etica non c’entrano, decidere se fare affari con terroristi e killer, non è una questione di coscienza ma solo di denaro. Sarebbe qualcosa di spregevole se fossero due adulti ma stiamo parlando di due ventenni. 


Sono i due amici di liceo a fare la storia,  avendo come complice il governo degli Stati Uniti, il cattivo  pronto a guadagnare in qualsiasi vicenda pur di giocare alla guerra e con le vita delle persone. Loro, i protagonisti, sfruttano la situazione che presenta a noi spettatori uno scenario internazionale sconcertante. Il pensiero che i soldi dei contribuenti vadano a finire in quell’enorme pozzo nero degli armamenti lascia senza parole. Non ci sono frontiere, ostacoli, problematiche. Se si parla di armi il modo di portarle nelle zone di guerra si trova sempre con la compiacenza di qualsiasi Governo. Phillip ci mostra il vero volto dell’impero economico delle armi. 

E su un ipotetico banco degli imputati, “Trafficanti” porta proprio gli Stati Uniti. Il tocco graffiante presente nella trilogia “Una notte da leoni” si arricchisce della denuncia, bilanciando ogni elemento, rendendo il film un perfetto meccanismo che ha in sé molti generi, la commedia, il thriller, il crime, lo spionaggio, il dramma familiare, dando vita a un nuovo genere come solo un grande regista può fare. Ritmo sostenuto, fotografia perfetta. Non si possono trattenere le risate e si finisce per tifare per i cattivi.

ANNO: 2016

REGIA: Todd Phillips

ATTORI: Jonah Hill, Miles Teller, Ana de Armas, Bradley Cooper, Shaun Toub, Barry Livingston, Brenda Koo, JB Blanc, Said Faraj

SCENEGGIATURA: Stephen Chin, Todd Phillips, Jason Smilovic

FOTOGRAFIA: Lawrence Sher

MONTAGGIO: Jeff Groth

MUSICHE: Cliff Martinez

PRODUZIONE: Green Hat Films, Mark Gordon Company

DISTRIBUZIONE: Warner Bros.

PAESE: USA

DURATA: 149 Min

Trafficanti - trailer

 

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]